Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Burnout nella prima linea della salute | Quinto…

L’incertezza e la paura della morte della prima ondata seguono il caos e la tensione in cui si muovono oggi le squadre sanitarie. In questa seconda ondata di infezione da coronavirus in Argentina, la grande differenza è il vaccino. Ma gli operatori sanitari, che sono sia fisicamente che emotivamente esausti, aggiungono pressione all’impotenza a causa di atteggiamenti che possono essere corretti, con la prima ondata di esperienza e con più risorse umane. La cosa più difficile, oltre al processo di lutto per i pazienti che non resistono alle cure, è trasmettere cattive notizie a questi parenti. “Inoltre, le famiglie sono rispettose e ti ringraziano, che è la cosa peggiore”, dicono. Forse è per questo che avvertono che, nonostante tutto, non sono pronti ad abbassare le braccia.

In dialogo con Pagina 12Dalle équipe mediche al personale infermieristico, attestano le differenze di umore del personale rispetto alla prima ondata. Oggi la paura di morire per il virus Covid si è risolta a causa dello stress che li circonda: non ci sono letti, mancanza di ossigeno, ei pazienti si accumulano nelle guardie, mentre i giovani occupano i letti nei reparti, prendono più difese, è tempo di liberarsi. Nei trattamenti intensivi la razione è piena. Nei ricoveri medi e generali, da Covid, ci sono il cinque per cento di posti liberi, a seconda dei giorni.

Gustavo Libertini, ufficiale medico capo della guardia, spiega giovedì al Ramos Mejia Hospital, a Kappa. “Ma dal momento che siamo tutti in ospedale, e siamo già stati vaccinati, siamo tranquilli. Non è successo nella prima ondata, quando la sensazione di morte era imminente”.

Nicholas Mirayo, un kinesiologo specializzato in malattie respiratorie, concorda sul fatto che l’anno scorso “c’è stata molta incertezza, più paura e tensione”. Dice: “Oggi, il problema è la stanchezza a causa del numero di ore di lavoro, e non in un posto, a causa della questione della retribuzione”. Mirayo lavora in manicomi privati ​​e San Camilo e San Jose, tra gli altri. Si preoccupa che “quest’anno i giovani pregano, c’è più circolazione e più persone sono colpite, e vediamo che le persone che stanno peggio, hanno più conseguenze”.

Già all’inizio dell’anno, diversi giovani feriti hanno iniziato a fare la guardia all’ospedale italiano, ricorda la dott.ssa Cecilia Cunha. “L’anno scorso abbiamo visto gli anziani soffrire di gravi condizioni e quest’anno l’età è diminuita”, dice, forse perché gli anziani sono stati più attenti a dicembre e gennaio mentre i più giovani erano fuori. Tutto si è aperto molto e sono venuto in gruppi di tre o quattro ragazzi che erano andati insieme in vacanza. A questo si aggiungono le feste sotterranee. Il prossimo. Ma la quantità in quest’ora è diminuita “, conferma.

L’impotenza, “non essere in grado di fare nulla, anche se hai fatto del tuo meglio”, è una delle peggiori condizioni che devono affrontare. I dipendenti oggi sono più formati. “Sono incluse procedure sistematiche per rendere il lavoro più sicuro” per quanto riguarda le attrezzature di protezione e movimentazione. Ma mancano infrastrutture in un sistema sull’orlo del precipizio. Spiega Libertini: “La fase finale della prima ondata è stata molto difficile perché abbiamo smesso di essere in incidenti stradali o infortuni quotidiani, e negli ultimi mesi è risalito che è sceso molto. Ci sono due curve che si intersecano, malattia Covid e altre malattie. e nel nostro caso non c’era nessun posto dove accettarli. È il nostro ospedale di reparto “.

READ  Grupo Gaman acquisisce Cemla (azienda specializzata in medicina del lavoro)

Libertini fa riferimento all’ospedale Ramos Mejía, il più antico ospedale della città. Ha cento anni. Se diffondi il virus a un dipartimento, rischi di infettare altri. Questo è estenuante, perché una stanza covida può contenere dieci letti liberi, ma arriva una persona traumatizzata e non sai dove metterla “, descrive.” Abbiamo un ospedale con ampi spazi comuni, e ora abbiamo solo ossigeno in la maggior parte dei reparti, in una pandemia che ha il maggiore impatto. Sul sistema respiratorio, e questo complica “, dice. E aggiunge:” La questione dell’ossigeno era una grande pressione, quindi dov’era il tubo, e perché non raggiunge il letto? In un ospedale con 300 posti letto, questo è un problema “, precisa.

Per Cecilia Cunha, della regione italiana di Covid, “la fatica ha un senso e colpisce tutti”. Anche con più incertezze e problemi, spiega, “la gestione è migliore rispetto allo scorso anno, almeno per noi, nel settore privato”.

La cattiva notizia

“Hanno sospeso le nostre licenze il 30 marzo e quelli che si prendono le ferie sono fantastici, ma quelli che non lo hanno, si accumulano quando possono”, spiega Libertini. Cecilia aggiunge che è “stanchezza fisica ed emotiva, perché siamo venuti da un anno senza riposo e il corpo ti chiede di smetterla”. Il carico è distribuito tra la protezione e le camere Covid. I due settori più colpiti dall’epidemia. “Ma il reparto riceve il paziente già pronto. Un urgente sta arrivando da noi”, spiega il capo della Guardia Ramos.

Un’influenza critica è il rapporto con le famiglie dei pazienti. “Il personale è più calmo, ma il numero di pazienti significa che la quantità di cattive notizie che devono essere trasmesse alle famiglie è raddoppiata”, spiega Libertini. O a causa della morte o dell’annuncio del paziente che entra nella sala di trattamento intensivo, in preparazione di una possibile fine. A questo giorno si aggiunge la necessità di chiarire che qualcuno dovrebbe aspettare “perché non c’è famiglia” – sia nel settore pubblico che in quello privato, sebbene non ci siano guasti, il margine del 5 per cento dei letti liberi consente di manovrare “, ma il limite . “, Come dicono i professionisti.

Durante questo viaggio, lo stress con i non medici o gli infermieri “a causa di un letto o no” provoca attrito. “La questione viene risolta secondo i rispettivi criteri”, dice Libertini, senza protocolli prestabiliti. Questo scatena discussioni tra i professionisti che in precedenza si sono preoccupati. Il medico avverte che il personale ausiliario è “estremamente stanco”. La logistica dei pazienti all’interno dell’ospedale è aumentata e ha avuto un impatto sul personale e sull ‘”ossigenazione”, tra gli altri, oltre che sull’infermeria.

READ  La Cina insiste sulla teoria del complotto secondo cui il Covid è di "origine americana"

“A differenza dell’anno scorso, quando il dolore era dovuto al non ricevere equipaggiamento protettivo e non essere ben pagati, oggi aggiungiamo stanchezza e delusione: prima avevamo l’illusione di risolvere questi problemi -” dice Carolina Caceres, infermiera dell’Ospedale di Torno. Oggi si vede che non è così Succede, perché i protocolli erano fatti di un ufficio “, afferma. Per Caceres, che fa parte dell’Associazione Infermieristica, lo scarico è un disagio, a causa dell’usura causata da” tutto che viene testato su questa situazione. Non solo per i pessimi salari, che è il primo requisito, ma per il dolore che stiamo attraversando senza una prospettiva positiva “.

Senza riposo

“Già alle dieci di sera siamo tutti stanchi – prosegue Libertini – e lì vediamo quello che ci manca di più, è il tempo libero per le risorse umane. Questi pazienti hanno bisogno di molta dedizione, e la differenza è la stessa di un anno fa.” Nella guardia di Ramos lavorano 70 persone al giorno. E questo non basta.

“Anche se si è abituati a vedere un paziente in condizioni critiche, vederne molti e diventare più giovani, è doloroso”, spiega Mirayo. “La kinesiologia prepara un paziente a respirare di nuovo, muoversi e mangiare. Ecco perché è così stressante vedere un paziente che può “Soffre di fiato corto, solo ed esausto da giorni, ma è in coma per intubarlo, è una cosa tremenda”. Questo crea grande stress nel professionista legato all’incertezza sul paziente operazione.

“Ho avuto pazienti che sono morti e non ho potuto fare nulla, anche se stavamo facendo del nostro meglio”, dice lo scienziato del movimento. Spiega che vedere la morte “nelle persone della mia età mi scoraggia”. Racconta un caso recente: un padre di famiglia di 36 anni. “Vedi l’immagine di quella famiglia e senti il ​​vuoto.” Tuttavia, salva la forza lavoro quotidiana. “Lavorate come una squadra, perché dipendete da qualcun altro, a differenza della gestione di tutto da parte del medico”, dice. E conferma: “Ti senti stanco, e c’è cattivo umore quando lo passi alla tua famiglia. C’è l’angoscia, ma c’è una rete, e ce ne sono altre”.

In assenza di una politica sanitaria che disciplini la risposta a questa situazione di stress cronico, i dipendenti stanno cercando di seguire strategie: “In questa seconda ondata, abbiamo dovuto far sedere i pazienti su sedie a rotelle, perché non siamo venuti a metterli. dal momento in cui arrivi fino a quando parti. Due giorni prima dell’arrivo della guardia, pensi alla famiglia: qual è la frequenza, quante sono, quanto lascia l’altra guardia? Per arrivarci. “

Dopo la prima ondata, sono state prese precauzioni. Ma non è abbastanza. In Europa, Covid è chiamato “male notturno”, perché le immagini peggiorano o peggiorano di notte. “Sapendo questo, possiamo aumentare il personale notturno”, spiega Libertini. E rischia le idee: prendi impiegati temporanei che raccolgono il contributo dello Stato, ad esempio, per aiutare gli organizzatori. “Le risorse umane sono a corto di rifornimenti. Letto, tubo, medicine, abbiamo, o possiamo ottenerlo, c’è una carenza di persone per monitorare, trasportare e aiutare costantemente”, osserva Caceres.

READ  Arianespace Soyuz ha lanciato in orbita due satelliti del sistema di radionavigazione Galileo

vaccinazione

E c’erano molti operatori sanitari feriti, soprattutto nelle guardie, dove chi lo aveva era sconosciuto e chi non lo sapeva. “Ora abbiamo test rapidi che aiutano molto”, indicano la PCR che fornisce risultati in 20 minuti. Ma la differenza la fa il vaccino: “Oggi c’è molta meno follia, siamo più tranquilli”, dicono i medici. “Comunque, prima di uscire di casa, prendi la febbre, annusi la vaniglia, annusi il caffè, arrivi e metti l’alcol, ti metti i vestiti, ti proteggi”, descrive Libertini.

L’impatto su chi ha meno di 50 anni è ciò che li ossessiona. “Gli anziani non vengono alla guardia a causa delle vaccinazioni nella capitale, e questo è stato importante perché le cure difficilmente includono gli anziani”, spiega Libertini. La vaccinazione è efficace e per la terza ondata – prevista per la seconda settimana di giugno – è tampone. “Ecco perché ci si chiede – spiega il dottore – se si potesse fare qualcosa in più di quanto abbiamo fatto finora”.

“Sono anche emotivamente esausta, perché ho perso i miei compagni interrompe – aggiunge – ma non possiamo gettare la spugna, in questo momento di meno! Studiamo per questo, siamo qui per aiutare, non lo faremo abbassare le braccia. La forza verrà fuori da dove non l’abbiamo, ma sarà: “Questo è ciò che amiamo ed è per questo che lo facciamo”. Purtroppo, a causa dell’epidemia, “le nostre teste si sono aperte”, aggiunge il medico. Per lei l’ideale è essere completamente vaccinati. “Il vaccino ha aiutato molto, ma ce n’è ancora carenza”, dice. “Ci sono persone che vanno a lavorare e non ce l’hanno. È un gruppo demografico che lo prende in autobus o in metropolitana, è non è necessario, e ne hanno bisogno. “

Anche oggi la vaccinazione di massa è la risposta. E, naturalmente, l’introduzione della vaccinazione obbligatoria. Quindi una “medicina apparirà”. Quindi questo sarebbe “come l’influenza, una malattia comune”. Ma seguiranno misure igieniche come il lavaggio delle mani. Spiegano: “Ora la seconda ondata si è placata e ha appiattito il terreno. Abbiamo letti d’ospedale, abbiamo più ossigeno e abbiamo un po ‘di calma”. Ma la terza ondata è già all’orizzonte. “Dicono che nel mese di giugno si sia scomposto in questo, ecco perché, soprattutto, possiamo essere più preparati, e rispondere con le semplici risposte che possiamo fornire, di fronte ad alcune delle cose che complicano il nostro lavoro quotidiano “, suggerisce Libertini.