Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il conflitto israelo-palestinese lascia più di 200 morti; I bombardamenti continuano

All’inizio di maggio, Israele e Palestina hanno dato inizio a una delle più grandi escalation di violenza degli ultimi anni.

Dall’inizio di questo nuovo ciclo di violenza il 10 maggio, più di 200 palestinesi sono stati uccisi, tra i quali dozzine di bambini e 10 persone in Israele, mentre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non sta ancora proponendo soluzioni al conflitto.

All’apertura di una sessione di emergenza del Consiglio di sicurezza, il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha dichiarato che “questo sciocco ciclo di spargimento di sangue, terrore e distruzione deve cessare immediatamente”. Ha detto che temeva che la violenza avrebbe portato a una “crisi incontrollabile” nella regione.

Ma questa terza sessione virtuale non ha portato ad alcun suggerimento.

Potrebbe interessarti: il Messico chiede al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di pronunciarsi sul conflitto tra Israele e Palestina

Secondo diversi diplomatici che ha incontrato Francia Agenzia di stampaGli Stati Uniti, che avevano mostrato una posizione che molti dei suoi alleati ritenevano incomprensibile, domenica si sono nuovamente rifiutati di rilasciare una dichiarazione congiunta che avrebbe consentito una rapida cessazione dei combattimenti.

Un manifestante palestinese durante uno scontro con i soldati israeliani, il 14 maggio 2021.

Questa è la cronologia degli scontri che sono iniziati per le strade di Gerusalemme e si sono estesi a Gaza e in Cisgiordania.

L’espulsione dei palestinesi

Il 3 maggio sono scoppiati disordini nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme Est, vicino alla Città Vecchia, durante una manifestazione a sostegno delle famiglie palestinesi minacciate di sfratto dalle loro case a favore dei coloni ebrei.

La questione dello status di Gerusalemme è uno dei principali punti di contesa tra Israele e palestinesi. Israele considera l’intera città la sua capitale “indivisibile”, mentre i palestinesi vogliono fare di Gerusalemme Est la capitale del loro futuro Stato.

Palestinese ispeziona la sua casa, che è stata distrutta dai bombardamenti israeliani.

Rivolte nel cortile delle moschee

Il settimo del mese, decine di migliaia di fedeli si sono riuniti nella piazza della moschea – che gli ebrei chiamano il Monte del Tempio – per eseguire le ultime grandi preghiere il venerdì prima della fine del Ramadan.

READ  Ha insistito per sviluppare l'uva in Costa Rica e oggi l'Italia lo riconosce - Non specificato

E la polizia israeliana ha dichiarato che i palestinesi hanno lanciato razzi contro le forze di sicurezza, e hanno risposto con granate assordanti e proiettili di gomma.

L’8 di questo mese si sono verificati nuovi scontri, che hanno lasciato centinaia di feriti in altre zone di Gerusalemme Est, secondo la Mezzaluna Rossa palestinese. È stato ferito anche nelle file della polizia israeliana.

Escalation tra Israele e Hamas

Nella notte del 10 maggio, il movimento islamista Hamas, al potere nella Striscia di Gaza, ha lanciato razzi contro Israele, che ha risposto all’enclave palestinese.

Il giorno successivo, Hamas ha sparato una raffica di proiettili verso Tel Aviv, dopo aver distrutto un edificio di 12 piani a Gaza, dove si trovavano gli uffici dei leader pesanti del movimento.

La distruzione delle città “miste” di Israele

L’11 sono scoppiate violente rivolte in diverse città israeliane “miste”, dove coesistevano ebrei e palestinesi con cittadinanza israeliana.

Gli arabi di Israele, che costituiscono il 20% della popolazione di Israele, sono i palestinesi che sono rimasti nelle loro terre dopo l’istituzione dello Stato nel 1948.

A Lod, vicino a Tel Aviv, è stato dichiarato lo stato di emergenza a seguito delle “rivolte” scoppiate dopo la violenta uccisione di un arabo israeliano.

Le scene di violenza abbondano in altre aree “miste”. Più di 400 ebrei e arabi furono arrestati.

Membri dei servizi di sicurezza e di emergenza israeliani lavorano in un sito bombardato vicino a Tel Aviv il 15 maggio.

Carri armati e veicoli blindati vicino a Gaza

Il 12 Washington annuncia di inviare un inviato speciale. La Russia chiede una riunione di emergenza del Quartetto per il Medio Oriente (Unione Europea, Russia, Stati Uniti e Nazioni Unite).

READ  Hanno fatto una campagna di solidarietà per la salute del bambino e sono comparsi i truffatori

Il giorno successivo, Israele ha schierato carri armati e artiglieria al confine per sostenere il bombardamento aereo. Il ministero della Difesa dà mandato all’esercito di mobilitare migliaia di riservisti.

I soldati israeliani sparano a un carro armato nella Striscia di Gaza, il 15 maggio 2021.

Per saperne di più: Israele limita l’ingresso dal Messico, considerandolo ad alto rischio a causa delle varianti COVID

Scontri in Cisgiordania

Le proteste nella Cisgiordania occupata, il 14 di questo mese, hanno portato a scontri contro l’esercito israeliano: 11 palestinesi sono stati uccisi e più di 150 manifestanti feriti, secondo il ministero della Salute palestinese e la Mezzaluna Rossa.

Il quindici del mese, due palestinesi sono stati uccisi in scontri con soldati israeliani.

La Associated Press e la stazione di Al-Jazeera hanno bombardato a Gaza

A Gaza, due donne e otto bambini di una famiglia sono stati uccisi in un bombardamento israeliano di un campo profughi.

Un edificio della città che ospitava, tra le altre cose, apparecchiature del Qatar Television Network e della United States Associated Press (AP), è stato ridotto in macerie in un attentato dell’IDF che aveva richiesto l’evacuazione dell’edificio.

Torre Jala, che aveva uffici AP e Al Jazeera in Palestina.

Un israeliano è stato ucciso nella periferia di Tel Aviv dal razzo di Hamas.

Discorso del capo di Hamas

Il 16, aerei da guerra israeliani hanno bombardato la casa del leader politico di Hamas Yahya Sinwar, uccidendo 42 palestinesi in altri attentati nella Striscia, il maggior numero di vittime in un giorno dall’inizio dell’escalation militare.