Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Attenti a Matrix, il mercato finanziario reale | Opinione

Sulla carta, gli americani non sono mai stati più ricchi. Le sue attività hanno superato i 130 trilioni di dollari a dicembre, con un aumento del 10% rispetto all’anno precedente. Nel bel mezzo di una pandemia, dopo anni di calo di risparmi e investimenti, può sembrare paradossale, finché non si riconosce che gran parte della ricchezza dichiarata è ipotetica o molto reale. Prima o poi molti di loro svaniranno.

In un mondo molto realistico, come quello del film Matrix, c’è un abisso incolmabile che separa l’apparenza dalla realtà. In questa prospettiva, la ricchezza virtuale è costituita da diritti che non sono rappresentati da nulla di valore nel mondo reale. Come la bistecca consumata dal cattivo di Matrix, Cypher, sembra deliziosa e succosa, ma è solo un’illusione. Durante il boom dei mutui Mutuo Alcuni esempi di capitale fantasma erano le obbligazioni di debito garantite sintetiche (CDO) e i CDO che hanno investito in altri titoli strutturati (CDO al quadrato). I clienti di Bernie Madoff hanno scoperto che i suoi ritorni erano fasulli.

Dalla crisi di Lehman Brothers, è stato matrice La finanza sta diventando più grande e più complessa. In cima alla piramide ci sono le attività sopravvalutate e non testate, spesso inserite tra i branchi di rinoceronti della Silicon Valley e le SPAC. Le criptovalute e i token non fungibili sono un altro tipo di asset ultra realistico: non hanno una controparte reale. Da includere anche costose opere d’arte contemporanea, come quelle di Jeff Koons o il disegno autodistruttivo di Banksy.

Al livello più basso ci sono centinaia di miliardi di dollari in passività pensionistiche private e pubbliche non finanziate. Il mercato azionario statunitense, che viene scambiato a più del doppio del costo di sostituzione medio storico (misurato da Tobin Q), è una delle principali fonti di ricchezza a breve termine. I bilanci di molte società dell’S&P 500 sono pieni di attività “immateriali”. Molte grandi aziende, come PepsiCo e Lockheed Martin, hanno un patrimonio netto negativo. L’utile per azione è spesso ricavato da riacquisti di azioni finanziati dal debito. Tutti i vantaggi derivanti dall’ingegneria finanziaria, sia attraverso società quotate che attraverso private equity, per natura irrealistico.

Quindi, considera i trilioni di dollari in titoli societari e governativi in ​​circolazione, le cui crescenti passività hanno superato la crescita per anni. In teoria, il valore dei titoli di stato deriva da avanzi finanziari scontati futuri. Infatti, paesi molto indebitati come il Giappone (235% del PIL) e l’Italia (172%) non produrranno i surplus necessari. Si può dire che gli obbligazionisti giapponesi e italiani si siedono su asset virtuali. La più ipotetica è la grande quantità di ricchezza detenuta sotto forma di derivati ​​(futures o swap).

Come sei arrivato alla vera vetta dell’Everest? In parte a causa della tecnologia. I derivati ​​sono arrivati ​​con il commercio elettronico. È chiaro che le criptovalute non possono esistere senza computer. Ma è più complicato. Dal crollo del quadro monetario di Bretton Woods nel 1971, il denaro è stato separato dall’oro o da qualsiasi altra merce. I banchieri centrali sono liberi di stampare, o meglio in digitale, recuperare tutta la carta moneta che vogliono. Una volta che i tassi di interesse diventano ipotetici, non riflettono più l’offerta o la domanda di risparmi reali.

READ  Energia, Comunicazione e Media.. Il capitale estero continua a pesare sulle aziende strategiche

Portando i tassi di interesse a zero, e talvolta anche più in basso, i banchieri centrali sono in ultima analisi responsabili della bolla. Negli ultimi anni hanno creato fondi per acquisire trilioni di titoli. Come ha scritto Seth Daniels di JKD Capital in una lettera ai suoi clienti privati, “Quando una banca centrale acquista un asset, il prezzo che paga non è un prezzo reale di mercato, ma un prezzo reale eccessivo”.

Di tanto in tanto, nella matrice compaiono dei difetti: crisi improvvise, scoppi d’ira dovuti a politiche espansive restrittive, aumento della volatilità e crollo del Covid. Come le guardie nel film, alle banche centrali viene insegnato a difendere questo mondo dall’eccessiva ricchezza reale. Da Covid, fanno gli straordinari. I mercati hanno vistocrack boom“, che Daniels suggerisce potrebbe essere l’ultima fase del ciclo. I rivenditori di Robinhood, che seguono le raccomandazioni del “Davey Day Trader”, non si fanno illusioni. Per loro, la speculazione è un atto di ribellione contro un sistema corrotto. “, ha twittato Davey , il cui vero nome è David. Portnoy, fondatore della società di media online Bristol Sports: “La buona notizia è che so che è falso… il mercato è scollegato dalla realtà. Tutto è gerarchico. Viviamo in Matrix”.

Stampare denaro iperrealistico comporta il rischio di inflazione. Daniels dice che gli investitori dovrebbero essere realistici. Per preservare la ricchezza, devono fare investimenti rari, permanenti e vantaggiosi. Ciò significa concentrarsi sulle imprese che beneficiano dell’inflazione, oltre che sulle risorse naturali: “È ora di smettere di essere ossessionati dagli elettroni e iniziare a concentrarsi anche su neutroni e protoni”, consiglia. Durante l’iperinflazione a Weimar in Germania, gli investitori hanno scaricato contanti e obbligazioni e si sono precipitati verso attività reali. Ora, gli investitori si stanno rivolgendo alle materie prime e agli immobili.

Mentre l’iper-realtà svanisce, strategie di investimento passive e mercanti Daniels prevede che gli scienziati degli algoritmi avranno difficoltà a tenere il passo. I professionisti della carne e del sangue che, come l’eroe di Matrix, Neo, possono leggere il codice del mercato, hanno più opzioni per preservare la ricchezza. Ma poiché lo stock di crediti finanziari supera di gran lunga la capacità dell’economia reale di servirlo, la distruzione della ricchezza su larga scala appare inevitabile, o attraverso la svalutazione della valuta, il default o una combinazione di entrambi. I perdenti dovrebbero consolarsi con le sagge parole incise sulla lapide del critico d’arte vittoriana John Ruskin: “Non c’è fortuna ma vita”.

Gli autori sono editorialisti per Reuters. le opinioni sono tue Traduzione Carlos Gomez giùÈ una responsabilità cinque giorni

READ  UN Women trasferisce $ 1 milione al CABEI Women Entrepreneurs Guarantee Fund

Sulla carta, gli americani non sono mai stati più ricchi. Il loro patrimonio familiare ha superato i 130 trilioni di dollari a dicembre, con un aumento del 10% in un anno. Nel bel mezzo di una pandemia, blocchi e dopo anni di calo di risparmi e investimenti, questi livelli possono sembrare contraddittori, finché non si riconosce che gran parte della ricchezza segnalata è ipotetica o molto reale. Prima o poi arriverà il giorno in cui molte di queste apparenti ricchezze scompariranno.In un mondo iperreale, come quello descritto nel film Matrix, c’è un abisso incolmabile che separa l’apparenza dalla realtà. In questa prospettiva, la ricchezza virtuale è costituita da diritti che non sono rappresentati da nulla di valore nel mondo reale. Come la bistecca consumata dal cattivo di Matrix, Cypher, sembra e ha un sapore delizioso, ma è un’illusione. Durante il boom dei mutui subprime, alcuni esempi di capitale fantasma erano le obbligazioni di debito garantite sintetiche (CDO) e i CDO che hanno investito in altri titoli strutturati (comunemente noti come CDO-squared). I clienti di Bernie Madoff hanno scoperto che i suoi rendimenti erano falsi, poiché dalla crisi di Lehman Brothers, la matrice finanziaria è diventata più ampia e complessa. In cima alla piramide ci sono aziende troppo care e non testate, spesso inserite tra i branchi di rinoceronti della Silicon Valley e le SPAC. Le criptovalute e i token non fungibili sono un altro tipo di asset ultra realistico, in quanto mancano di una controparte reale. Degni di nota sono anche la costosa arte contemporanea come il disegno autodistruttivo di Banksy di Jeff Koons e, a un livello inferiore, centinaia di miliardi di dollari in obbligazioni pensionistiche private e pubbliche non finanziate. Il mercato azionario statunitense, che viene scambiato a più del doppio del costo di sostituzione medio storico (misurato da Tobin Q), è una delle principali fonti di ricchezza a breve termine. I bilanci di molte società S&P 500 sono pieni di attività classificate come “immateriali”. Molte grandi aziende, come PepsiCo e Lockheed Martin, hanno un patrimonio netto negativo. L’utile per azione è spesso ricavato da riacquisti di azioni finanziati dal debito. Tutti i benefici dell’ingegneria finanziaria, sia attraverso società quotate che tramite private equity, sono intrinsecamente irreali, poi bisogna considerare i trilioni di dollari in titoli corporate e public equity in circolazione, le cui passività sono in crescita da anni. conseguenza della crescita. In teoria, i titoli di stato traggono il loro valore da avanzi finanziari scontati in futuro. Infatti, paesi molto indebitati, come il Giappone (235% del PIL) e l’Italia, che ne detiene il 172%, non produrranno i surplus necessari. Pertanto, si può affermare che i detentori di obbligazioni giapponesi e italiane dipendono da asset virtuali. Il più ipotetico è l’enorme quantità di ricchezza che è detenuta sotto forma di derivati ​​(futures o swap). Come sei arrivato in cima all’Everest ultra realistico? In parte a causa della tecnologia. I derivati ​​sono arrivati ​​con il commercio elettronico. È chiaro che le criptovalute non possono esistere senza computer. Ma è più complicato. Dal crollo del quadro monetario di Bretton Woods nel 1971, il denaro è stato separato dall’oro o da qualsiasi altra merce. I banchieri centrali sono liberi di stampare, o meglio in digitale, recuperare tutta la carta moneta che vogliono. Una volta che i tassi di interesse diventano ipotetici, non riflettono l’offerta o la domanda di risparmi reali: spingendo i tassi a zero, e talvolta al ribasso, sono i banchieri centrali i responsabili della bolla. Negli ultimi anni hanno creato fondi per acquisire trilioni di titoli. Come ha scritto Seth Daniels di JKD Capital in una lettera ai clienti privati, “Quando una banca centrale acquista un’attività, il prezzo che paga non è un prezzo reale di mercato, ma un prezzo reale eccessivo”. Fallimenti nella matrice: crisi improvvise, scoppi d’ira sulla riduzione delle politiche espansive, aumento della volatilità e collasso da Covid. Come i vigilantes nel film, le banche centrali si preparano a difendere questo mondo dall’eccessiva ricchezza reale. Da Covid, fanno gli straordinari. I mercati hanno sperimentato un “cracking boom”, che secondo Daniels potrebbe essere la fase finale del ciclo. I rivenditori su Robinhood, che seguono le raccomandazioni del “Davey Day Trader”, non si fanno illusioni. Per loro la speculazione è un atto di ribellione contro un regime corrotto. Davey, il cui vero nome è David Portnoy e fondatore del media online Barstool Sports, ha twittato: “La buona notizia è che so che è falso… il mercato è disconnesso dalla realtà. Tutto è uno schema piramidale. Viviamo in Matrix. La sovrastampa di denaro iperrealistico comporta il rischio di inflazione. Daniels dice che gli investitori dovrebbero essere realistici. Per preservare la ricchezza, devono fare investimenti rari, permanenti e vantaggiosi. Ciò significa concentrarsi sulle imprese che beneficiano dell’inflazione, oltre che sulle risorse naturali: “È ora di smettere di essere ossessionati dagli elettroni e iniziare a concentrarsi anche su neutroni e protoni”, consiglia. Durante l’iperinflazione a Weimar in Germania, gli investitori hanno scaricato contanti e obbligazioni e si sono precipitati verso attività reali. Ora, gli investitori si stanno rivolgendo alle materie prime e agli immobili, e con l’iperrealtà scomparsa, le strategie di investimento passive e i trader algoritmici avranno difficoltà a tenere il passo, prevede Daniels. I professionisti della carne e del sangue che, come l’eroe di Matrix, Neo, possono leggere il codice del mercato, hanno maggiori possibilità. Ma poiché lo stock di crediti finanziari supera di gran lunga la capacità dell’economia reale di servirlo, la distruzione della ricchezza su larga scala sembra inevitabile, o attraverso il deterioramento, il default o una combinazione di entrambi. I perdenti dovrebbero consolarsi con le sagge parole incise sulla lapide del critico d’arte vittoriana John Ruskin: “Non c’è fortuna ma vita”.

READ  La Spagna implementerà l'uso di un certificato Covid per entrare nei bar?