Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dall’Italia alla Patagonia

Un secolo fa, immigrati provenienti da vari paesi si stabilirono nel nord della Patagonia per lavorare la terra, per partecipare alla vita sociale e culturale del luogo dove sono le radici, e per lavorare la terra.

È la storia di una famiglia di immigrati italiani che, come tanti altri, è venuta in cerca di una vita migliore.

Nazareno Farbaglia arrivò per la prima volta in Argentina, desideroso di lavoro e di futuro: era un reggimento nella seconda guerra mondiale. Secondo il racconto della famiglia, era molto malato, era a letto da un anno e non aveva forze. Il medico ha chiesto perché non avesse cercato di stabilirsi altrove.

Suo cugino Dominico era a Buenos Aires, quindi decise di viaggiare. Un anno dopo arrivarono nel porto di Buenos Aires i suoi due figli maggiori: Gregorina di 15 anni e Mikelino di 14 anni; Sono venuti con una zia. Nazareno ha affittato una casetta a Buenos Aires, San Justo. Un anno dopo acquistò un pezzo di terra e costruì una casetta con l’aiuto dei suoi connazionali. La casa aveva una camera da letto in mattoni e il resto era in legno.

Josephine Bina Farbaglia è nata il 20 giugno 1938 a San Gregorio Dibona, Cuttack, Italia (ora Wipo Valentia).

Arrivò in Argentina nel 1952 con la madre Maria e tre fratelli: Victorina, Mingo e Vicenta Conte sulla barca Piancamano: un fratello in Italia stava con Salvador ei nonni materni, che arrivarono due anni dopo; Niccolino è nato in Argentina.

In questa grande famiglia, tutti lavoravano presto per aiutare le finanze di tutti: erano così vicini, erano felici, costruivano la loro casa, cantavano per scacciare i mali; La domenica, quando nessuno lavorava, era una “festa”, con Vitrola che suonava con registrazioni di Carlos Patti e Luciano Tajioli.

READ  Ondata di caldo in Europa: allerta rossa in dieci città italiane | Un incendio in Grecia ha destato grande preoccupazione nella regione

In Italia, Josephine ha frequentato la scuola, ma è cresciuta quando è venuta in Argentina e ha imparato dai compiti dei suoi fratelli.

All’età di 9 anni imparò a cucire: Dominico le comprò una macchina da cucire a pedali, e poi, secondo la sua stessa testimonianza, “le restituirono i soldi”.

Fino all’età di 17 anni ha lavorato nelle fabbriche di spezie, biscotti e miele. È poi entrato nella fabbrica tessile Alcodonora Lomas: dove ha lavorato 8 ore al giorno, dove ha preso due autobus per arrivarci. Una settimana al mattino, un’altra al pomeriggio: ha lavorato per cinque anni fino al matrimonio.

Quando Pina aveva 22 anni, conobbe Antonio Friedrelli, che sposò nel 1960 nella chiesa di San Jose a Temperley Bario. Negli anni ’70 sono andati in Alto Valley. Suo marito era stato assunto da una compagnia idrica e vivevano a El Shogan: facevano parte della costruzione della diga. Successivamente si stabilirono a Sipoleti, dove Antonio sviluppò la sua attività di calzolaio: in quella città costruirono la loro casa, e avevano un negozio di scarpe Tony a Irigo e Rio Santiago.

Il suo primo figlio, Nicholas, nasce nel 1961, architetto; Concepciரானn, il secondo dirigente nel 1966, fu l’ultima, nel 1981, Romina a diventare professore di recitazione e recitazione. 5 nipoti completano la sua famiglia. Bina ha sempre avuto una voce armoniosa, amava cantare, quindi ha partecipato al coro di San Francisco ea casa cantava canzoni italiane per hobby.

La storia della vita si è stabilita in questa alta valle, lasciando molti che sono venuti a lavorare ignari di poter costruire il loro futuro e il futuro di un’intera regione.

Beatrice Carolina Chavez

READ  L'Italia vieta le grandi navi da crociera nei canali veneziani | Per proteggere l'integrità ecologica, naturale e culturale