Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Santander Oscar Telles gareggia con il nuovo team Continental Corratec – Mundo Ciclistico Magazine in Italia.

Il portico di Astana, Miguel Angel ‘Superman’ Lopez, Ho parlato esclusivamente con lui Gioco della vittoria sul canale. Il 27enne di Boyaka ricorda la sua prima esperienza Ciclismo colombiano E il suo primo ciclo ad Astana, in cui Fabio AruVincenzo Nibali Erano leader. Domani la rivista Mundo Cyclistico pubblicherà la seconda parte dell’intervista.

Com’è stato il tuo inizio nel ciclismo?

Devo ringraziare il maestro Rafael Azevedo per tutti i miei processi perché ho iniziato da zero la mia esperienza sul sentiero, vengo dalla mountain bike, ho fatto mountain bike per un anno, poi due anni da giovane, poi praticamente nel 2014 in lo stesso anno della Vuelta de la Juventud e ha fatto un grande salto con il Tour del Avenir.

Cosa ricordi di più di quell’enorme successo nel tour giovanile?

Beh, se volevamo approfittare, stavamo correndo a casa, conoscevamo tutto il terreno, abbiamo fatto un preliminare con Dan Rafa, ovviamente avevamo una grande squadra, e una fase è finita a casa mia lì. Cruise, poi è stato tutto fantastico, che è sicuramente quello che volevamo, perché da adolescente giocavo bene nelle corse, ma mi sono infortunato nel mio primo anno sotto i 23 anni e non mi è stato detto di fare nulla. Penso che l’anno sia finito bene con la voglia di ritirarsi, fare il grande salto e ringraziare Dio.

Parlami un po’ di questa cascata che inizialmente ha preso di mira un po’ la tua attività

Nel 2011, da adolescente, ho appena girato il Borneo per il primo anno, e prima mi sono derubato e accoltellato a una gamba, quindi con 10 giorni di allenamento, ho intrapreso il tour del Borneo con il paradigma della rapina. , Poi sono stati influenti, ho finito bene dodici, ma senza abbastanza esperienza ho aperto uno spazio e poi ho vinto tutto da adolescente, ma al secondo tour della seconda tappa sono caduto e mi sono rotto il polso e sono tornato a casa. Il primo anno quando avevo 23 anni, ho iniziato con un sacco di illusioni con così tanta ispirazione perché stavo già praticamente vincendo tutto quello che volevo correre con gli adulti e sapevo come stavo, perché logicamente qualcuno vuole sempre progredire e fluire. In alcune gare di mountain bike, non mi piaceva correre con gli junior, guadagnare di più, vincere più premi, sono salito nell’élite, dove ero molto vicino ai jackpot.

Miguel Angel Lopez si schianta durante il tour svizzero del 2017. (Galleria fotografica © Bettiniphoto)

Ricordiamo com’è stato il suo ingresso nel miglior ciclismo

READ  Covid-19 in Italia: casinò coronavirus e vacunacin al 28 enero

L’ho visto finora senza poter andare in Europa, ma è successo tutto così velocemente, ho vinto la Vuelta a la Juventud e altre gare in Colombia perché era il migliore dell’élite. Qualche test di tempo ho vinto Siviglia, che è lo stesso di tanti anni fa, che continua a sorprendere. A quanto pare, c’era molto livellamento in quegli anni, e il livello è ancora molto alto come tutto ciò che si sta sviluppando ora, ma ehi l’illusione di andare in Europa non ha mai lasciato la Colombia e non ho mai preso un volo internazionale con più viaggi. Per più di 10 ore, ho rilasciato il mio passaporto e ho dovuto ritirarlo perché non ce l’avevo, quindi siamo andati con quella grande illusione che quando sono stato selezionato fosse bello, così speciale, qualcosa che non ho fatto. Penso di poter raggiungere.

Quando ti sei visto ad Astana, qual è stata la prima cosa che ti è venuta in mente?

Avevo 20 anni, più o meno nello stesso periodo a novembre – dicembre 2014 dovevo andare in Italia per incontrare la squadra, dovevo viaggiare da solo, viaggiavamo tutti quando siamo andati al Tour del Avenue. Nel collegamento di gruppi di aerei, in piccoli gruppi, non abbiamo prestato molta attenzione al linguaggio perché mi spaventava un po’, ma ehi credo di aver iniziato il primo volo con il gruppo, ricordo benissimo quando siamo passati a Francoforte. Via Germania, poi a Firenze in Italia, complesso e quel grande aeroporto di Francoforte, poi sono rimasto lì per un po’, ma tutto ha iniziato a funzionare, faccio parte di Astana come partner di Nipali e Aru. I migliori corridori che erano in piena luminosità.

Come ti hanno conquistato quei campioni nel tuo primo turno ad Astana?

READ  Corona virus in Italia oggi: quanti casi sono stati registrati il ​​4 gennaio

Beh, penso bene, infatti Vincenzo ha vinto il Tour de France nel 2014, piuttosto era cocco, poi il fatto di condividere, perché logicamente ho detto un ragazzo di 20 anni, ci vediamo dopo. È stato un grande onore per qualcuno condividere con un grande campione come lui il tour del Tour del Giro, il campione dei Big Three, ma mi ha dato tanta tranquillità perché quando abbiamo condiviso, abbiamo parlato a tavola , la piccola cosa che abbiamo condiviso è che era un grande uomo, un grande uomo. Dimostrato, quindi ho detto che è meraviglioso, perché sta parlando con il grande trio, in attesa, è così bello, il regista Alexander Vinokrov mi ha accolto con tutti i giocattoli , credo mi abbia fatto due regali alla cena, al ricevimento di tutti i corridori, in pratica ho trasformato il ragazzino della squadra in un ragazzino. Ero più giovane quell’anno, e ora sono molto chichito, non mentendo, ma voglio fare il bambino con tranquillità per prendermi cura di luie.