Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Arancha Algas: quarant’anni nell’abbigliamento per bambini

Lo splendido Giardino di Boboli a Firenze, proprio dietro Palazzo Pitti, ha ispirato i genitori di Arancha Algás a dare il nome al loro marchio di abbigliamento, nato nel 1984 a Cabrera de Mar come complemento della casa madre della famiglia, Star Textil, fondata nel 1981 da Francesco Alga. È stata la madre di famiglia, Teresa Ochoa, a promuovere il marchio di moda. 40 anni fa, Star Textil era l’attività principale di questa azienda catalana, focalizzata sulla fornitura di abbigliamento per altri marchi. Ma a poco a poco il rapporto si è invertito. Boboli sta guadagnando terreno per diventare uno dei marchi leader della moda per bambini e ragazzi nel paese, con un centro logistico di oltre 10.000 metri quadrati a Llinars del Vallès.

Oggi la catena conta più di 60 negozi tra titolari e franchisee, è presente nei principali canali multimarca ed esporta in circa 70 paesi. Ha chiuso lo scorso anno, segnato dalla crisi pandemica, con utili e 39 milioni di euro di fatturato dopo un lieve calo rispetto all’anno precedente. “Nonostante tutto quello che è successo nell’ultimo anno, abbiamo fatto davvero bene”, afferma con soddisfazione Arancha Algas, direttore generale del marchio insieme alla sorella Monica. Arancha è stato nominato la scorsa estate a capo del gruppo di moda catalano Modacc, che comprende 150 aziende del settore e rappresenta 6000 dipendenti e 2000 milioni di euro di fatturato totale.

L’azienda che dirige con la sorella Monica Algas ha chiuso nel 2020 con gli interessi nonostante la crisi

Gestire l’azienda di famiglia insieme a sua sorella Monica non era nei piani di Algas. “Non avevo un piano predeterminato e non mi immaginavo alla guida dell’azienda, ma la strada mi stava portando qui”. L’atmosfera commerciale che si respirava in casa aveva molto a che fare con il destino della sua carriera. Era un periodo, ricorda, in cui aveva frequenti cene con altri professionisti del settore, i suoi genitori erano appassionati del settore tessile, parlavano diverse lingue e la coinvolgevano nell’attività sin da bambina. “In estate aiutavo sempre mia madre con vari compiti a Boboli”. Si è formata in Marketing e Commercio Internazionale presso la School of International Missions and Integrated Business (Esmai), appena terminati gli studi è entrata a far parte di Star Textil. Prima come responsabile di Al dettaglio Poi l’esperienza del trasferimento a Boboli. In quest’ultimo ha ricoperto diverse posizioni, dalla responsabilità della gestione del prodotto, del design e della produzione alla direzione generale del marchio insieme a Mónica Algás.

READ  Chiavi della campagna estiva: ripresa in attesa dei turisti stranieri | mercati

Durante questo periodo hanno promosso il marchio, con un forte impegno per l’internazionalizzazione. “Boboli ha un design molto speciale, colorato e spensierato, diverso dal paradigma classico che era prevalente nei tessuti per bambini quando è nato, quindi esportare è sempre stata una necessità per noi”, afferma. Italia e Messico, dove hanno una filiale, sono i loro principali mercati esteri. Nonostante il continuo calo del tasso di natalità in Spagna e la crisi COVID, Elgas vede il futuro con ottimismo. “I bambini continuano a crescere e hanno bisogno di un cambio d’abito periodico, inoltre in questo momento difficile sono emerse nuove opportunità”, afferma, puntando alla promozione del commercio online e alla delocalizzazione degli edifici nei principali centri commerciali grazie a canoni di locazione più bassi .

Colla

Tra i suoi principali obiettivi, spicca quello di valorizzare la sostenibilità del settore, sia a Boboli che in generale nei marchi Modacc. “L’industria tessile è molto inquinata e dobbiamo invertire questa situazione”, ipotizza. Per fare questo, promuove diversi progetti, come la circolarità del prodotto e l’uso di materiali sostenibili. “La maggior parte delle aziende Modacc ha resistito alla pandemia meglio del previsto, sono aziende e marchi forti; ora abbiamo sfide urgenti, come la digitalizzazione, la sostenibilità e l’internazionalizzazione, ma abbiamo bisogno di fondi europei da raggiungere in modo agile per facilitare questo processo ,” afferma.

Dedica il suo poco tempo libero tra Boboli e Modacc al gioco del golf, uno dei suoi ultimi hobby, e alla cura della sua vasta rete di familiari e amici. “La vita al di fuori del lavoro è essenziale.”