Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cambiamento climatico, popolazione ed economia

Gli effetti del cambiamento climatico hanno recentemente devastato diversi paesi. In Turchia, Grecia, Balcani, Italia, Siberia e Oregon, incendi incontrollabili distruggono campi e città. Nella sola contea di Dixie, in California, gli incendi hanno distrutto 500.000 ettari e nella regione di Santa Cruz in Bolivia, 200.000. Altrove, come in Cina e in Germania, sono state le inondazioni a causare veri disastri. Nei Caraibi sono già iniziati spaventosi uragani.

La narrativa del cambiamento climatico non è nuova. Dalla prima Conferenza mondiale sull’ambiente, organizzata dalle Nazioni Unite a Stoccolma nel 1972, si sono tenuti vari vertici, come la Conferenza di Rio del 1992, alla quale hanno partecipato più di 10.000 persone. Poi vennero quelli di Kyoto nel 1997, Johannesburg nel 2002, Bali nel 2007 e Doha nel 2012, tra gli altri. E tutto va di male in peggio.

L’ultimo rapporto scientifico delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, noto 10 giorni fa, è un’allerta estrema. Il riscaldamento globale di 1°C nell’ultimo secolo, e una proiezione di 1,5°C nei prossimi 20 anni, sarà devastante per molte specie di piante e animali, e rappresenterà una battaglia decisiva per l’acqua in alcune aree del pianeta, data la gravità della siccità. Cioè, anche supponendo che le nazioni industrializzate decidano subito di ridurre le emissioni di gas serra, da anidride carbonica, metano, protossido di azoto e ozono.

Come è noto, i 30 paesi più sviluppati del mondo hanno dimostrato nel 1997 di essere responsabili del 65% del riscaldamento globale, fissando loro quote del 5% di riduzione delle emissioni, alle quali non si sono attenuto perché l’economia ha finito per imporsi . . Alcuni, come gli Stati Uniti, non hanno ratificato l’accordo.

READ  La Marina tunisina intercetta un barcone irregolare con 24 persone a bordo

L’uomo è senza dubbio il più grande predatore del pianeta. Harari nella sua opera “Sapiens” ricorda la distruzione di animali in Australia 45.000 anni fa, così come la distruzione di grandi animali in Nord America 15.000 anni fa. Certo, il processo peggiorò terribilmente dopo la prima rivoluzione industriale alla fine del Settecento, e la seconda, con la scoperta dell’elettricità e del petrolio, cento anni dopo. Tutto ciò ha dato libero sfogo al capitalismo, che si è consolidato come sistema economico, e ha trasformato gli esseri umani in dipendenti dal consumo.

Il rapporto delle Nazioni Unite non analizza le reali cause del problema. Per avvicinarci, pensiamo che c’erano 3000 milioni di persone su questo pianeta nel 1960, e oggi siamo 7800 milioni. È ancora più inquietante ricordare che il prodotto netto globale allora era di $ 5 trilioni e oggi supera i $ 50 trilioni. Ciò significa che la produttività è raddoppiata di 10 in 60 anni, il che significa estrarre risorse senza pietà dal pianeta. La redditività, intesa come capitalismo di successo, è il dio dei nostri giorni.

Le multinazionali più ricche del mondo sono quelle legate al petrolio e all’industria automobilistica, e sono proprio loro le prime responsabili delle emissioni di anidride carbonica, con 1,2 miliardi di veicoli in transito. Chi può controllarli?

Nello specchio regionale basta ricordare che la colossale redditività del traffico illegale di droga ha posto fine alla foresta di Katatumbo, sostituendola con le coltivazioni di coca. Cioè, l’appetito per i profitti dall’oro passa attraverso Santurban, a meno che la nostra coscienza non ci chiami come soldati e formiamo un esercito.

READ  Una società argentina cerca di controllare Edesur

Uno sguardo triste al pianeta, perché nonostante si sappia tutto, dalla retorica alla pratica, l’abisso sembra insormontabile a causa delle pressioni economiche. Vivere semplicemente è una dichiarazione di guerra per coloro che confondono la felicità con la redditività.

La questione è profonda e ben al di là di ogni dibattito ideologico. È in gioco la sopravvivenza dell’unica specie umana, né più né meno: la sopravvivenza dei sapiens.