Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alberto Fernandez e i suoi problemi irrisolti: inflazione, economia e fiducia

Il ministro dell’Economia, Martin Guzman, ha cercato il sostegno delle maggiori potenze che hanno partecipato questa settimana al vertice del G20 in Italia, conclusosi venerdì a New York con il capo di gabinetto, Juan Manzor, che ha chiesto un sostegno finanziario al Nord. Gli uomini d’affari americani vengono persino a investire per una rivitalizzazione post-pandemia.

Per costruire la fiducia, ha mostrato ottimismo nei negoziati per chiudere presto un accordo con il Fondo monetario internazionale per ristrutturare il debito.

Mansour e Guzmán si sono incontrati al consolato argentino a New York con uomini d’affari degli Stati Uniti

La settimana precedente, Casa Rosada ha fissato il perno nel movimento di riavvicinamento con i sindacati affiliati a CGT e CTA quando il presidente ha ricevuto i due centri sindacali per due giorni di fila nel suo ufficio in cerca di sostegno politico ed elettorale.

Ma i progressi con il FMI sono stati oscurati dal nuovo indice di inflazione pubblicato dall’INDEC giovedì: lontano dai calcoli del ministro Guzmán secondo cui il calo previsto è inferiore al 3%, l’IPC ha chiuso a settembre al 3,5% e ha infranto tutte le aspettative.

Ancora una volta, dopo più di un anno e mezzo al governo e un mese dopo le elezioni per ricostituire metà del Congresso, il partito di governo non è stato in grado di fornire risposte al problema che è già diventato il fulcro della campagna: inflazione e conseguente svalutazione della moneta. Peso argentino dalla perdita del potere d’acquisto salariale.

L’INDEC ha indicato che gli aumenti annuali (dal 2020 al 2021) hanno superato il 52,3%. Molto simile all’inflazione che Mauricio Macri e Juntos por el cambio hanno lasciato nel 2019 e che l’attuale governo ha spesso criticato.

Paradosso del governo: la moderazione di Alberto e la crudeltà del Kirchnerismo

Mentre i kirchneriani falchi continuano a spingere per un emendamento mandato dal FMI su questioni di tariffe e sussidi governativi, Alberto, Guzmán e Menzor hanno fatto pressioni sull’acceleratore questa settimana per raggiungere un accordo con il fondo.

Ciò significa, come ha avvertito il presidente delle Madri della Plaza de Mayo del più duro kerchienismo, Ebe de Bonafini, Un aggiustamento con tariffe crescenti e relativi prezzi per raggiungere l’obiettivo richiesto dal Fmi per un accordo: un piano fiscale per fermare l’emissione e ripristinare la fiducia negli investitori.

Alberto Fernandez con Hebe de Bonafigne a Casa Rosada

“Per generare occupazione servono investitori che creino ricchezza”, ha detto Alberto a IDEA e all’incontro a porte chiuse con i 10 uomini d’affari più influenti dell’Argentina perché “i 1.100.000 piani di inserimento lavorativo non bastano perché per decreto lo Stato sostenga come nuovi posti di lavoro registrati in vari settori privati ​​I piani sociali devono essere temporanei.

Cosa prepara il governo per gli imprenditori?

Alberto Fernandez ha chiesto di porre fine alle faide durante un discorso ai vignaioli a Casa Rosada.jpg

“Il divieto di cassa integrazione e doppi indennizzi non durerà nel tempo, è una strada che farà il governo” ma prima ci deve essere un colpo di mano per rivitalizzare, ha promesso Alberto Fernandez ai 10 imprenditori ricevuti martedì a La Rosada in una incontro promosso da de Pedro e Maximo Kirchner e Sergio Massa, in una dimostrazione di moderazione e unità della coalizione di governo.

Nell’elencare come è avvenuto l’incontro, lo stesso governo è uscito per dare un messaggio descrittivo sulla domanda principale che la comunità imprenditoriale e i media si stanno ponendo:Chi governa davvero l’Argentina? Alberto Fernandez o Cristina e Maximo Kirchner?

READ  La Cina taglia gli acquisti di carne suina e mette alla prova questo settore | Economia

Gli imprenditori erano soddisfatti della promessa del governo di “correggere” i decreti che vietano la cassa integrazione e il doppio indennizzo, e mettendo gradualmente fine alle trappole dei cambi e delle esportazioni, ma il giorno dopo hanno trovato il nuovo ministro del Commercio interno, Roberto Feletti, che promuove il blocco dei prezzi senza previa consultazione con il settore alimentare, con sorpresa.

Cosa dicono gli imprenditori?

La rabbia degli imprenditori è dovuta alle forme e alla mancanza di regole chiare: “Un giorno dicono una cosa e subito dopo le regole del gioco cambiano di nuovo”, ha detto. A24.com Il capo di una nota camera d’affari percorre i corridoi della Casa Rosada verso l’ufficio del segretario Gustavo Pelés.

“Gli imprenditori aumentano i prezzi quando vendono, non sanno a quale prezzo li sostituiranno”, ha detto uno degli imprenditori che ha attraversato l’ufficio presidenziale questa settimana. Ha precisato che non è solo Al-Biruni a mettere controlli sui prezzi che non bastano. Per contenere l’inflazione, l’ex Mauricio Macri ha promesso la libertà economica e ha finito per espandere i piani sociali e il controllo dei prezzi.

“Non è un problema ideologico, L’inflazione è un problema endemicoHa invitato il governo a “porre fine alla tensione” per calmare il clima politico ed economico in un momento in cui “si avvicinano le elezioni e tutti sono tesi”.

contraddizione politica

Alberto Fernandez con Christina Kirchner, Julian Dominguez e Juan Manzor.

Cosa accadrà all’economia tra un mese? Alcuni prevedono che sarà un’economia a rilanciare i consumi con aumenti salariali da qui all’ultimo trimestre di quest’anno, e un’altra da un altro aggiustamento da gennaio 2022, quando è previsto un accordo iniziale con il FMI. Da qui la dura critica di Kirchner ad Alberto e Guzman.

READ  La Spagna ritrova la sua immagine di grande potenza turistica

La blanda retorica di Alberto e l’ottimismo di Guzmán e del team di Mansour su un imminente accordo di ristrutturazione del debito con il Fondo Monetario Internazionale, almeno per questa settimana, hanno raffreddato gli animi degli uomini d’affari che hanno promesso sostegno, ma con il solito scetticismo.

Sfiducia nella politica economica guidata dalla sfiducia nella politica: chi comanda in Argentina? Una decisione presa da Alberto, Mansour o Guzmán, Cristina non l’avrebbe cambiata in seguito? Questa domanda è stata posta di nuovo dai datori di lavoro questa settimana.