Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Abbiamo visitatori: l’Argentina tiene un esame ogni 3 mesi |  Gli Stati Uniti non allentano il coltello che tengono nel collo del paese

Abbiamo visitatori: l’Argentina tiene un esame ogni 3 mesi | Gli Stati Uniti non allentano il coltello che tengono nel collo del paese

Nessun sovrano può governare con un coltello in gola.Lula ha detto giovedì mentre partecipava all’inaugurazione di Dilma Rousseff come presidente della banca di sviluppo istituita dal gruppo BRICS. La frase si riferiva al rapporto del FMI con l’Argentina. Mauricio Macri ha lasciato il paese sull’orlo del baratro e il ministro dell’Economia deve sostenere un esame ogni tre mesi fino a quando gli Stati Uniti non rispetteranno la scadenza per l’attuazione. In mezzo allo scenario elettorale, si rinnovano i viaggi a Washington e arrivano delegazioni dal Nord America, come quelle che circolano in questi giorni, composte da senatori repubblicani e democratici. Le imminenti visite del capo del Comando Sud delle Forze Armate USA, Laura Richardson, e del n. 2 del Dipartimento di Stato Wendy Sherman.

È sprofondato in una crisi causata dall’ingente debito che l’ex presidente Mauricio Macri ha supplicato al Fondo monetario internazionale – per non perdere le elezioni da lui perse – e che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump gli ha concesso – per garantire il controllo dell’Argentina in caso di sconfitta di Macri . – -, il Paese è ora bersaglio di forti pressioni per bloccare gli investimenti cinesi che gli Stati Uniti non sono disposti a sostituire.

Non è necessario elencare i rapporti, dalla prima conquista delle isole Malvinas da parte della fregata nordamericana Lexington, nel dicembre 1831 – che portò poi all’occupazione britannica del 1833 – a questo giogo religioso che impone controlli periodici. Su decisioni sovrane e pressioni sui governi per influenzare sussidi, occupazione, salari e pensioni.

Né è necessario conformarsi a posizioni ideologiche. Non si tratta di attaccare o difendere l’«occidente cristiano», come dicevano le dittature, né di mettersi d’accordo con i regimi russo o cinese. In effetti, è impossibile ricordare una misura amichevole che gli Stati Uniti hanno preso con l’Argentina. Senza ricorrere alla questione ideologica, e senza citare i rapporti storici tra i due Paesi, gli Stati Uniti sono i primi (e non gli unici) responsabili dell’attuale crisi di inflazione e povertà. Non è l’unico, perché ci sono anche funzionari locali, come Mauricio Macri ei suoi amici che sono fuggiti con quei dollari.

READ  Com'è andato il bombardamento israeliano del più grande campo profughi di Gaza? L'attacco ha ucciso almeno 145 persone e ne ha ferite centinaia

Il prestito, irregolare per l’ingente importo, è stato imposto da Trump al Fondo monetario internazionale. E quando il regime è cambiato e Joe Biden si è insediato, pur esprimendo rammarico per le irregolarità, invece di accettare un accordo che consentisse la ripresa dell’Argentina, hanno inasprito le condizioni di controllo. E ora devi sostenere un esame ogni tre mesi con obiettivi impossibili in mezzo alla siccità e alle guerre mondiali. Come un prigioniero la cui esecuzione viene rinviata ogni tre mesi, qui ogni rinvio è presentato – a più condizioni dell’ultimo – come un atto di ‘amicizia’.

Gli Stati Uniti non sono il principale partner commerciale dell’Argentina. È il terzo dopo Brasile e Cina. L’economia argentina è più legata a questi due paesi che a Washington. Ma la Cina è il principale partner commerciale del Brasile. La Russia è il principale fornitore del giacimento in Brasile. L’85% del fertilizzante di cui il Brasile ha bisogno proviene da quel paese. Non c’è settore più reazionario della politica brasiliana del settore della soia, che fa tanto affidamento sui russi. Questo è stato il motivo per cui Jair Bolsonaro ha voluto mantenere la neutralità nel conflitto russo-ucraino nonostante le pressioni di Washington.

Il presidente Lula è stato giovedì a Shanghai per inaugurare Dilma Rousseff come presidente della banca BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) a cui l’Argentina si unirà nei prossimi mesi se non succederà nulla.

“I paesi non possono essere strangolati come sta facendo il Fondo monetario internazionale con l’Argentina e come ha fatto con il Brasile e altri paesi”, ha detto Lula., che ha anche sostenuto il commercio e la finanza in valute locali senza utilizzare il dollaro e ha convalidato la nuova banca come mezzo di indipendenza dalle “ancore” delle organizzazioni finanziarie tradizionali, facendo riferimento al Fondo monetario internazionale e alla Banca mondiale. “Nessun governante può governare con un coltello in gola perché il Paese è indebitato”, ha aggiunto.

READ  Borich nella sua campagna di chiusura: "Ci uniremo per sconfiggere l'erede di questo governo e il Pinochet" | In attesa del secondo turno di domenica in Cile

La nuova banca di queste grandi economie ha un fondo iniziale di cento miliardi di dollari. Questa cifra si confronta con i 55 miliardi di dollari forniti dal Fondo monetario internazionale a Mauricio Macri. È un numero assurdo a causa della sua vastità che è stata conferita a un paese ed è scomparsa senza lasciare una sola attività. Non è fantasia come due PBI “rubati dal Kirchnerismo”. Anche pagamenti e controlli concreti. Non devi scavare un pozzo in Patagonia per cercarlo.

L’Argentina dovrà entrare a far parte del gruppo BRICS (che diventerà BRICSA) all’incontro che si terrà ad agosto di quest’anno in Sud Africa. Ma alle delegazioni Usa che hanno improvvisamente scoperto l’Argentina, oltre alle condizioni che Washington pone per ogni cancellazione degli obiettivi, si sono accompagnate le imposizioni all’Argentina di ostacolare gli accordi presi con la Cina, dall’Atucha III, all’acquisto di aerei da combattimento . Ma gli Stati Uniti non sono disposti a finanziare il massiccio progetto Etosha, e nemmeno i cinesi. E gli aerei che l’Argentina può acquistare dalle potenze della NATO non possono avere i radar più moderni, perché la Gran Bretagna lo vieta. Gli aerei saranno ciechi alla difesa. invece di Gli aerei cinesi sono più economici e hanno le attrezzature più moderne.

Gli Stati Uniti non erano amici dell’Argentina, che, disse Lula, teneva il coltello nel collo. E non si tratta di cercare nemici o schierarsi, ma di difendere i propri interessi. Ad eccezione delle dittature, o con governi neoliberisti, come il Minimismo, l’Argentina ha mantenuto una politica estera pacifista, cioè neutrale nei conflitti generati dai poteri.

Washington si offrì solo di affilare il coltello. E il peggio è quello Il coltello che gli Stati Uniti avevano nel collo degli argentini è stato dato da Mauricio Macri quando ha governato insieme tanto per cambiare.. E le crescenti pressioni di Washington si verificano in tempo di elezioni, alle quali il governo Frente Todos si avvicina in uno scenario sfavorevole a causa dell’elevata inflazione che non è riuscito a controllare e dei continui controlli del debito.

READ  Il vaccino Johnson & Johnson mostra promettenti primi segni di protezione contro la variante delta

Il paradosso è che, stanchi dell’influenza dell’inflazione e di altri problemi irrisolti, molti cittadini credono che una persona da conoscere sia meglio di una cattiva conoscenza. Senza vedere i fili che si muovono dietro i personaggi, ripongono la loro speranza in personaggi come Javier Milei o Patricia Bullrich, gli stessi candidati che ora mettono il coltello nel collo di quei cittadini che sceglieranno i loro carnefici.

Ieri Noam Chomsky ha ribadito che “il sistema internazionale sta cambiando da un modello di predominio degli Stati Uniti a un sistema multipolare più diversificato”, in cui non ci sarà un solo Paese a dominare il lavoro di alcune sfere del pianeta. “Nell’ordine mondiale emergente, l’America Latina ha l’opportunità di liberarsi dall’essere troppo vicina agli Stati Uniti, come è stato storicamente”, ha detto Chomsky.

Nonostante ci sia una parte della società che li vede come il “nuovo”, l’Argentina non potrà mai capitalizzare questo momento di cambiamento planetario con figure come Milli o Bullrich che, con convinzione o opportunismo, rappresentano il vecchio mondo, in cui la potenza dominante si sta ritirando, facendo pagare loro il pesante costo di quella battuta d’arresto per i loro alleati della NATO.