Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guida pratica alla conservazione degli alimenti: quanti giorni si possono conservare in frigorifero

“Dopo aver cucinato il cibo che vogliamo conservare, il suo consumo non può durare più di due giorni”, raccomandano gli specialisti (Getty Images)

La vita odierna, con famiglie che vivono con orari misti, madri e padri che lavorano fuori casa molte ore al giorno e bambini impegnati in molteplici attività, fa sì che in più di una casa sia consuetudine riservare una giornata alla cucina e alla pianificazione dei menu. la settimana.

Inoltre, in molte occasioni, il cibo conteggiato per il pranzo o la cena è troppo, il che significa che devi mettere da parte ciò che resta da consumare in un altro momento.

In più di un’occasione, quando si estraggono gli alimenti refrigerati, sorge la domanda: è in buone condizioni? Quanti giorni in frigorifero?

A volte alcuni batteri e agenti patogeni danno un indizio sulle condizioni del cibo. “Appare nell’aspetto o nell’odore, come muffa o odori aspri, ma non tutti gli agenti patogeni cambiano l’aspetto del piatto; quindi, è importante sapere sempre quando abbiamo conservato questi residui in frigorifero”, ha spiegato. Infosalos Monica Herrero, membro del Consiglio Generale delle Associazioni Ufficiali dei Dietisti e Dietisti e Vicepresidente dell’Associazione Professionale dei Dietisti e Dietisti dell’Aragona.

Se il cibo non viene conservato correttamente, secondo il nutrizionista, possono verificarsi intossicazioni alimentari, la più comune delle quali è la gastroenterite, anche se esistono malattie più gravi come la salmonellosi, che può essere il risultato di una conservazione impropria degli avanzi.

“La corretta gestione del cibo che consumiamo è fondamentale per mantenere la catena del freddo ed evitare sprechi”. Eugenia Breeze Nutrizionista Certificato (MP 95) e previa consulenza Infobae “Il freddo negli alimenti fa sì che i microrganismi patogeni rallentino o fermino il loro processo di produzione, e questo significa che il cibo può essere mantenuto nel suo stato di conservazione ottimale”, ha spiegato.

"Il consumatore ha una responsabilità vitale nella conservazione, conservazione, cottura o manipolazione degli alimenti quotidiani, poiché ciò determina in gran parte l'uso buono o cattivo di queste sostanze." (GT)
“Il consumatore ha una responsabilità vitale nel conservare, conservare, cucinare o maneggiare gli alimenti di tutti i giorni, poiché ciò determina in gran parte il buon o il cattivo uso di questi alimenti” (Getty)

Temperature più elevate durante l’estate portano ad un aumento dei casi di intossicazione alimentare dovuti al consumo di prodotti in cattive condizioni. In questa stagione i batteri velenosi trovano un ambiente ideale per la riproduzione e portano a infezioni alimentari che possono creare seri problemi alla nostra salute. Per svilupparsi, questi batteri hanno bisogno di calore e di un ambiente umido e, in condizioni favorevoli, possono moltiplicarsi in meno di ventiquattro ore.

READ  Israele: perché gli ebrei ortodossi hanno sfidato maggiormente le restrizioni

I batteri negli alimenti e nelle bevande contaminati crudi o poco cotti possono causare malattie come la salmonellosi o l’infezione da E. coli. Breeze ha notato. Queste malattie causano sintomi minori come mal di stomaco e problemi più gravi come diarrea, febbre, vomito, crampi addominali e disidratazione, che possono essere fatali. Le persone più a rischio di contrarre queste malattie sono le donne in gravidanza, gli anziani, i bambini e i pazienti con un sistema immunitario indebolito.

Come salvare ciò che non è stato utilizzato

"Il consumatore ha una responsabilità vitale nella conservazione, conservazione, cottura o manipolazione degli alimenti quotidiani, poiché ciò determina in gran parte l'uso buono o cattivo di queste sostanze." (GT)
“Il consumatore ha una responsabilità vitale nel conservare, conservare, cucinare o maneggiare gli alimenti di tutti i giorni, poiché ciò determina in gran parte il buon o il cattivo uso di questi alimenti” (Getty)

Per quanto riguarda il modo migliore per conservare gli avanzi a casa, Herrero ha notato quando gli avanzi si raffreddano. “Dopo non più di due ore di preparazione dei pasti, è consigliabile metterli in frigorifero in contenitori ermetici. Se è confezionato sottovuoto è molto meglio perché durerà il doppio rispetto a se ci fosse aria”.

Per lei “è meglio farlo in contenitori piccoli e non grandi, e maneggiarli anche con le mani lavate”. “In genere, i pasti cotti o cotti possono durare dai due ai quattro giorni in frigorifero e, se confezionati sottovuoto, durano il doppio. Tuttavia, se congeliamo gli avanzi, possono durare fino a tre mesi, ma è sempre importante il pacco perché altrimenti non sapremo quando arriveranno gli avanzi”.ha commentato lo specialista.

Pertanto, un membro del Consiglio Generale delle Società Ufficiali dei Dietisti ha insistito sul fatto che gli avanzi durano a seconda del tipo di cibo: “Il pesce dura due giorni per cucinare, mentre quattro stufati di carne, così come gli stufati di verdure; le insalate già condite, invece, durano al massimo 24 ore; le frittate di patate, possono durare due giorni; mentre pasta e riso sono cotti dai due ai quattro giorni, anche se si consiglia di consumarli dopo due giorni; invece le verdure si possono conservare dai tre ai cinque giorni”.

READ  Un appassionato di barbecue ha scatenato una nuova ondata di infezioni a Sydney dopo un mese senza casi di coronavirus

È meglio conservarli in piccole porzioni e quando li accatasti assicurati che l’area del frigorifero sia pulita. Maneggia questi alimenti nella confezione con mani pulite e utensili puliti. Non impiegare più di due ore di tempo di preparazione per metterli in frigorifero. Metti la data sulla confezione, in modo da essere più sicuri quando la consumiamo”, ha insistito.

“Carne, pollo o pesce non possono essere tolti dal frigorifero. Se sono congelati, vanno scongelati in frigorifero e mai a temperatura ambiente”ha osservato la nutrizionista Anna Shezi (MN 2245), che ha aggiunto: “Una volta arrivati ​​dal supermercato, la confezione deve essere pulita e i prodotti che vanno in frigorifero devono essere conservati immediatamente in modo che la catena del freddo non si rompa. . . . “

Inoltre, “Dopo che il piatto è cotto, viene consumato o raffreddato in frigorifero. Un pasto cotto non può essere lasciato fuori dal frigorifero. La cosa più sicura è finire di mangiare, conservare ciò che è rimasto in frigorifero in contenitori chiusi e ciò che non verrà consumato, scartato. I piatti vengono lavati. Così è come dovrebbe essere fatto.”

Sulla stessa linea, Breeze ha raccomandato “Non aspettare che il cibo si raffreddi fuori dal frigorifero perché il rischio di contaminazione è maggiore in estate”. Non c’è nulla di male nel mantenere il cibo caldo o caldo nel frigorifero confermato. In nessun caso dobbiamo lasciare riposare il piatto per più di due ore prima di metterlo in frigorifero o congelarlo, poiché il cibo è ad alto rischio di contaminazione”.

Dopo aver cotto il cibo che vogliamo conservare, il suo consumo non può essere superiore a 2 giorni, la temperatura di conservazione deve essere compresa tra 1 e 8 gradi Celsius – Espandi l’esperto di nutrizione-. Se abbiamo intenzione di consumarlo dopo questa data, va conservato in un contenitore con coperchio e congelato in frigorifero, perché questo processo interrompe la riproduzione dei microrganismi, che si riattivano non appena il cibo viene scongelato. La temperatura del congelatore consigliata per una catena del freddo ideale dovrebbe essere inferiore a -18°C.

READ  La Corte di giustizia britannica ha accettato di estradare Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, negli Stati Uniti

E dopo averlo evidenziato “Il consumatore ha una responsabilità vitale nel conservare, conservare, cucinare o maneggiare gli alimenti di tutti i giorni, poiché ciò determina in gran parte il buon o il cattivo uso di questi alimenti”Briz ha elencato alcune semplici cure da tenere a mente quando si tratta di mantenerle.

1- La scheda di imballaggio. È la prima e primaria fonte di informazioni per la valutazione della qualità del prodotto. In etichetta troviamo informazioni riguardanti gli ingredienti, le condizioni di conservazione, la data di scadenza e le modalità d’uso.

2- L’importanza della temperatura. Come già accennato, le basse temperature sono un ottimo strumento per controllare lo sviluppo di potenziali microrganismi. Questo processo blocca molte reazioni chimiche dannose per il cibo, quindi non solo mantiene la sua qualità salutare, ma preserva adeguatamente anche le sue qualità nutrizionali e sensoriali.

3- Non mescolare cibi crudi e cotti. È necessario separare gli alimenti che sono stati cotti da quelli che non sono stati ancora trasformati, per evitare la possibilità di trasmissione di microrganismi attraverso la contaminazione incrociata. Non è consentito, in base a nessuna norma, mescolare utensili o utensili per cibi cotti o crudi.

4- Utilizzare contenitori per il raffreddamento. Si consiglia di conservare gli alimenti che necessitano di refrigerazione in sacchetti refrigerati o contenitori con coperchio per evitare il rischio di contaminazione.

Continuare a leggere