Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Wimbledon: Nick Kyrgios ha battuto Stefanos Tsitsipas in una battaglia fisica, tattica e mentale, fuori dal greco Shrugged

È successo tutto. Ed è stato, allo stesso tempo, un grande spettacolo. Tennis ai massimi livelli. E risse, servizi dal basso, provocazioni e toni che avrebbero potuto avere un’altra fine. In un delicato scontro di polemiche, dramma e spettacolo, Nick Kyrgios Avanza agli ottavi di finale Wimbledon per sconfitta Stefanos Tsitsipas Con un rapporto di 6-7 (2), 6-4, 6-3, 7-6 (7).

Fin dall’inizio e come spesso accade nella maggior parte delle partite della sua carriera, Kyrgios ha reso l’atmosfera più rara rivendicando punti, cambiando falli e lanciando tratti irriproducibili, anche nei suoi confronti. Lo spettacolo ha guadagnato intensità. L’australiano, da mandante e durante il primo set, è stata una macchina: poco scontato il greco, che tende anche ad avere un carattere irascibile, seppur in misura minore. Servire dopo l’invio, che non ha permesso agli europei di rispondere rapidamente. Alcuni dal basso hanno risposto con palle arrabbiate che volavano fuori dal rettangolo. A Tsitsipas non dispiaceva perdere qualche punto: era consumato dalla rabbia.

Al termine del secondo quarto (6-7, 6-4), Il greco lancia una palla di rovescio, a una mano (violenta, fuori contesto), che finisce in un settore pubblico esclusivo. Il miracolo non colpisce un uomo più anziano: la palla colpisce la schiena e torna indietro e graffia il collo dell’uomo. Kyrgios, il ribelle (e in questo caso giustamente), rimprovera il capo e afferma: “Non l’hai visto? Devi congedarlo”.. E ha fatto un’offerta: “E’ uno scandalo, bisogna chiamare tutti i giudici, non può andare avanti così”. Dopo un po’, quando il gioco è continuato, Tsitsipas ha lanciato una palla al corpo del suo avversario (non lo ha colpito per miracolo).

Talento e polemiche: Kyrgios in azioneAdrian Dennis – AFP

memoria Novak Djokovic (impiccato agli US Open 2020 per aver colpito la linea arbitrale Laura Clark con un calcio) È entrato rapidamente in scena. L’effetto dei serbi (involontariamente, tra l’altro, un momento di esplosione di capitale) è stata la differenza: è, stranamente, una questione di scopo.

READ  Google Pay: salva, paga, gestisci

La tensione è proseguita in gran parte del club: non si è parlato d’altro, nemmeno di una nuova vittoria Rafael Nadal, inarrestabile nei grandi eventi nel 2022.

La tensione si è in parte cessata quando si è deciso di mettere il primo tappo di scena quando è scesa la notte. Quella manciata di minuti ha raffreddato il confronto che ha avuto la sua storia. La fiducia di Tsitsipas è scemata dopo aver vinto il suo primo titolo sull’erba a Maiorca la scorsa settimana, ma ha affrontato un giocatore che ha sconfitto solo una volta in quattro incontri. Ora cinque. Kyrgios, che è al 40° posto in classifica, è sempre una sensazione a WimbledonSulla strada giusta e fuori pista in particolare, con i suoi comportamenti controversi e le sue dichiarazioni provocatorie.

“Sapevo che sarebbe stata una partita difficile, sapevo cosa dovevo fare. È stata una grande partita. Sono contento di aver superato Rispetto Tsitsipas, lo amo. Il vincitore, che ha firmato autografi e posato per le foto dopo lo spettacolo, ha detto che è stato fantastico suonare in uno stadio così pieno.

Il gioco è salito al livello appropriato. Qualità, sorprendenti, varianti, cambio proprietario alla guida. I punti sono stati gridati e contestati. A volte si guardavano a malapena. Non solo ha preso Kyrios dal basso, lo ha fatto attraverso un effetto inter-gambe. Nient’altro che osare. Ha fatto un gesto “Ho fegato”, nel bel pareggio nel quarto set. Prima di vincere brillantemente, rimbalza alcune volte dall’altra parte della rete. Il greco correva, ma non poteva più.

Un caloroso sorriso di Stefanos Tsitsipas, addio: il greco ha sempre avuto un brutto periodo
Un caloroso sorriso di Stefanos Tsitsipas, addio: il greco ha sempre avuto un brutto periodoGlenn Kirk – AFP

“Fa costantemente il prepotente verso gli altri, ecco cosa fa”, ha detto il greco in conferenza stampa. “Fa paura ai suoi rivali. Probabilmente era un bullo (tiranno) a scuola. Non mi piacciono i bulli”, ha aggiunto Tsitsipas. “Ha anche un buon ruolo. Ma… c’è anche dentro parte diabolicaIl che, se espresso, potrebbe causare molti danni alle persone intorno a lui “, ha stimato il greco. Da parte sua, Kyrgios ha detto di comprendere la frustrazione di Tsitsipas dopo averlo battuto due volte nelle ultime settimane, ricordando la sua vittoria di giugno ad Halle.Forse dovrei prima trovare un modo per vincere prima di affrontare qualsiasi altra cosa”.

READ  Juventus vs Torino in diretta streaming via ESPN e Star Plus Serie A | Orari, canali di trasmissione e dove vedere la partita online gratis | RMMD | Sport totali

Il “Uso improprio della palla” Non ha inquadrato fino a quando il greco non è stato licenziato dall’erba. Il regolamento recita, in un comma che: “I giocatori non possono colpire, calciare o lanciare una pallina da tennis in modo violento, pericoloso o rabbioso mentre si trova sui campi del torneo, tranne che durante il match point (compreso il riscaldamento). Per il Ai fini di questa regola, l’abuso di palla è definito come il colpo intenzionale o sconsiderato della palla fuori dal campo, colpire pericolosamente o incautamente la palla all’interno della corsia, o colpire la palla senza riguardo per le conseguenze.

Rafael Nadal, seconda testa di serie, qualificata agli ottavi di finale del torneo, si staglia invece sull’erba inglese vincendo la 6-1, 6-2, 6-4 contro l’italiano Lorenzo Sonego.

Il tennista spagnolo, alla ricerca del suo 23° titolo del Grande Slam, all’età di 36 anni, ha impiegato due ore per sconfiggere il 54° posto al mondo, al campo centrale dell’All England Club di Londra, coperto al termine della partita . per accendere le luci, Su richiesta dell’italiano quando Nadal era sull’orlo del pareggio. Sembrava infastidito da questa situazione. Tanto che ha invitato Sonego, 27 anni, in rete per fare un commento, tra gli scherni del pubblico. “Dal profondo del mio cuore, non l’ho fatto in modo negativo… Volevo solo dirti una cosa e ora mi sento davvero male se ti sconvolgo, mi dispiace”, ha detto.

Sempre Rafael Nadal, sullo sterrato e sull'erba, sullo sfondo e in rete
Sempre Rafael Nadal, sullo sterrato e sull’erba, sullo sfondo e in reteSebastian Buzon – AFP

Quanto agli infortuni che da tempo complicavano la sua forma fisica, l’ultimo dei quali era una dolorosa malattia degenerativa del piede, ha ammesso: “E’ sempre complicato”. Ed è andato anche oltre: “Non si sa mai, ma mi sento molto fortunato a poter giocare ancora alla mia età”.

READ  Preoccupazione nel River Plate per la salute di Robert Rojas: il difensore ha subito uno spasmo coronarico durante l'operazione