Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vitamina che aiuta a perdere peso

lunedì 28 febbraio 2022 19:56

Una vitamina può aiutare a eliminare l’aumento di peso? Sembra così. Ci riferiamo, nello specifico, alla D, fondamentale per rafforzare le ossa e proteggere dal cancro o dal diabete.

Come rivelato dalla Società Europea di Endocrino in uno dei suoi incontri a Barcellona, ​​le persone con bassi livelli di vitamina D tendono ad avere più grasso della pancia. I ricercatori hanno selezionato quasi 7.000 persone per uno studio sull’epidemiologia dell’obesità nei Paesi Bassi. Hanno scoperto che le persone con i livelli più alti di grasso addominale avevano i livelli più bassi della suddetta vitamina.

“Sebbene non abbiamo misurato la carenza di vitamina D nel nostro studio, la forte associazione tra l’aumento della quantità di grasso della pancia e la diminuzione dei livelli di vitamina D suggerisce una forte associazione tra l’aumento della quantità di grasso della pancia e la diminuzione dei livelli di vitamina D”, ha condotto la ricercatrice Rashida Rafiq , del VU University Medical Center di Amsterdam, ha affermato in un comunicato stampa.Tuttavia, le persone con una vita più grande sono maggiormente a rischio di sviluppare questa carenza e dovrebbero considerare di controllare i loro livelli di questa vitamina.

Non erano gli unici esperti che collegavano questa sostanza al grasso corporeo.

Medical News Today afferma anche che aumentare l’assunzione di vitamina D può aiutare a perdere il grasso della pancia. Nelle persone con diabete di tipo 2, livelli insufficienti di D possono interferire con la tolleranza all’insulina e alla glicemia. L’aggiunta di più di questa vitamina alla tua dieta (attraverso integratori o determinati alimenti) può proteggere da una serie di condizioni.

I legami tra obesità e carenza di vitamina D sono in aumento, ha detto Rafeeq, ma “a causa della natura osservativa di questo studio, non possiamo trarre una conclusione definitiva”.

READ  Rimozione del coagulo da un bambino di due mesi

Gran parte di questa sostanza si ottiene filtrando la luce solare (90%) e il resto viene ingerito attraverso il cibo (10%). Dopo la sua produzione subisce due trasformazioni nell’organismo: la prima avviene nel fegato e porta alla comparsa del calcidiolo. Il secondo si verifica nei reni e in altri tessuti e produce calcitriolo, un ormone attivo che stimola l’assorbimento del calcio e di alcuni fosfati, regola la trascrizione di vari geni, partecipa alla sintesi dell’insulina e alla contrazione cardiaca, regola il sistema immunitario e ha potere antimicrobico.

Gran parte di questa sostanza si ottiene filtrando la luce solare (90%) e il resto viene ingerito attraverso il cibo (10%).

Secondo la Spanish Heart Foundation, mezz’ora di abbronzatura al giorno è sufficiente per mantenere i livelli di vitamina D di cui il corpo ha bisogno.
Ma se vuoi dargli una spinta, ecco gli alimenti con il più alto contenuto di questa sostanza:

1) salmone

Fornisce una grande quantità di proteine, circa il 18%, vitamine, in particolare dei gruppi B, A e D, e minerali come lo iodio. Pertanto, mangiare il salmone avrà un impatto non solo sulla salute cardiovascolare, ma anche sui nostri occhi, sul mantenimento delle nostre ossa e sul funzionamento della tiroide, tra le altre cose.
Foto: L’abaco è usato come cintura perché quella che ha è troppo piccola per lui. (istock)
Addio pancia: 6 modi efficaci per sbarazzarsi del grasso della pancia

2 uova

Oltre alla vitamina D, contengono omega-3 e vitamine A, E e B12 e minerali come il selenio. Agli ovvi benefici per la salute si aggiungono il suo prezzo, accessibile a quasi tutte le tasche, e il contenuto proteico che fornisce.

READ  Il COVID-19 può influenzare le prestazioni sessuali degli uomini?

3) succo d’arancia

Come il latte, il succo d’arancia è fortificato con vitamina D. Una tazza contiene circa 137 UI, che ci fornisce anche la quantità giornaliera raccomandata di vitamina C/segretezza


Contesto nella casella popolare


I più letti della settimana