Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Video | “Non sai cosa viviamo qui”: esplode Alvaro Uribe durante un’intervista

Nella foto: Alvaro Uribe, Presidente del Centro Democratico. (Colprensa – Alvaro Tavira)

Stasera l’ex presidente Alvaro Uribe ha recitato in un acceso dibattito sulla CNN in spagnolo mentre rilasciava un’intervista al giornalista Fernando Del Rincon. Quartiere. Lo spazio utilizzato da Uribe per affermare che “i colombiani devono fornire supporto alle nostre forze armate”. Questo, dopo diffuse denunce di violazioni dei diritti umani da parte delle forze di sicurezza.

Nell’intervista, l’ex senatore ha fatto riferimento al complesso stato dell’ordine pubblico nel Paese, che “la riforma fiscale è una cosa, la protesta è un’altra e un’altra è la violenza”. La tragedia della violenza è stata immensa in Colombia; Per protestare e rispettare. Per la violenza, per il potere.

Ma forse il momento più controverso si è verificato quando Rincon ha dovuto mettere in pausa l’intervista e dire all’ex presidente cosa chiedergli una volta tornato. “Molti colombiani e colombiani sono offesi dal discorso di Alvaro Uribe Velez”Il giornalista ha detto. Uribe lo interruppe immediatamente e confermò che non poteva accettarlo.

Uribe ha detto infastidito: “Non posso accettare questa transazione, non mi stai chiamando come giornalista ma come politico”, e un giornalista della CNN ha cercato di spiegare: “Molti colombiani e colombiani sono offesi dal discorso di Alvaro Uribe Velez”.

Questo era il momento:

Uribe ha anche fatto riferimento nell’intervista all’appello dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani in Colombia, Juliette de Rivero, riguardo agli abusi della polizia, che ha commentato: “Accuse ingiuste contro le nostre forze armate”.

“C’è una serie di dichiarazioni rilasciate da organizzazioni internazionali che sono completamente allineate contro le forze armate colombiane”, ha detto Uribe alla CNN.

I membri del Congresso richiedono una missione di verifica dei diritti umani delle Nazioni Unite in Colombia

READ  Il presidente Alberto Fernandez ha incontrato il primo ministro Antonio Costa e ha concluso la sua visita in Portogallo

Gli attacchi si sono intensificati nel bel mezzo di dimostrazioni di sciopero già nazionali alle Nazioni UniteChe ha condannato l ‘”uso eccessivo della forza” attraverso una portavoce dell’Alto Commissario per i diritti umani presso tale istituzione internazionale.

Una missione della stessa agenzia delle Nazioni Unite, come denunciato dall’Alto Commissario per i diritti umani in Colombia, Juliette de Rivero, ha dimostrato la sparatoria nel mezzo della loro azione e minacce contro i membri, durante la verifica a Cali, Valle del Cauca.

Le molteplici denunce di attacchi da parte della polizia e di alcuni sabotatori contro la popolazione civile, sia uomini che funzionari in divisa, hanno portato molte figure a chiedere l’intervento delle Nazioni Unite nel Paese. Così hanno fatto 30 membri del Congresso dell’opposizione, che hanno inviato una lettera a Michelle Bachelet chiedendo una missione di verifica internazionale.

Chiediamo rispettosamente la formazione urgente di una missione investigativa internazionale, guidata da voi, per documentare, seguire rigorosamente e formulare raccomandazioni riguardanti le gravi violazioni dei diritti umani che si verificano nel quadro dello sciopero nazionale. Questi giorni critici richiedono la scorta di tutti gli organismi internazionali responsabili della verifica del rispetto della protezione dei diritti umani ”, hanno scritto i membri del Congresso della Banca Alternativa.

Nella lettera, i legislatori denunciavano la presunta violazione dei principi di legittimità, prudenza, necessità, proporzionalità e responsabilità da parte di agenti statali, citando denunce, video e foto circolate sui media e sui social media.

Continuare a leggere: