Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ordinano la carcerazione preventiva di un messicano accusato di essere un prestanome della segretaria di Kirchner

Giudice federale Giuliano Ercolini dettare Detenzione preventiva per riciclaggio di denaro per un avvocato messicano Isaac Esparzá HidalgoRecentemente deportato dal Messico, as Polena per l’ex segretario di Nestor e Cristina Kirchner, il compianto Daniel Muñozdove era posizionato come proprietario delle società che era solito acquisire 30 milioni circa 40 ettari In riva al mare nelle paradisiache isole dei Caraibi Turks e Caicos, Dove progettavano di costruire un complesso alberghiero di lusso.

Esparza Hidalgo è stato incarcerato per la sua incapacità di pagare la cauzione per il reato di riciclaggio di denaro, secondo la decisione giudiziaria che ha approvato. Nazione. Il giudice Ercolini ha spiegato, in 80 pagine, come la fortuna di Daniel Muñoz sia stata utilizzata per investire in Argentina per centinaia di milioni di pesos e all’estero per Più di 70 milioni di dollari.

Questo caso è una rottura rispetto al caso dei “quaderni di corruzione”, in cui il giudice afferma che “È stato possibile provare l’esistenza di un’organizzazione criminale dalle massime autorità del potere esecutivo della nazione E il Ministero della pianificazione federale, degli investimenti pubblici e degli ex servizi, dal 25 maggio 2003 al 9 dicembre 2015, ha progettato un meccanismo per raccogliere fondi illegali al fine di arricchirsi illegalmente e appropriarsene anche per altri reati. “.

Carolina Bochetti è apparsa in varie società con il maritodossier, archivio

Era Muñoz, disse il giudice Uno strumento chiave nel circolo dell’accumulazione e del trasferimento di denaro [en el caso de los cuadernos de las coimas] dei capi dell’esecutivosoprattutto per quanto riguarda Raccolta fondi illegale (più di sessanta consegne avrebbero potuto essere identificate dal denaro ricevuto personalmente da Muñoz)inoltrato a superiori e organizzatori (compreso il trasferimento settimanale di denaro in sacchi e tramite velivolo ufficiale del Gruppo aereo presidenziale dal settore militare presso l’aeroporto metropolitano Jorge Newbery nella città autonoma di Buenos Aires Per gli aeroporti di Rio Gallegos e El CalafateContea di Santa Cruz) o utilizzare quei soldi per altre attività criminali.

READ  Prima di tutto servono più gesti

Parte di questo denaro è stato ricevuto da Muñoz, che tra il 2003 e il 2009 ha ricoperto gli incarichi di segretario aggiunto, segretario privato del presidente e poi consigliere presidenziale nella gerarchia dei segretari durante i governi di Nestor e Christina Kirchner. Muñoz è deceduto il 25 maggio 2016.

Maria Elisabetta Ortiz Munequi
Maria Elisabetta Ortiz MunequiEmiliano La Salvia – La Nazione

Il denaro di Muñoz, frutto della raccolta di tangenti, è stato investito in Argentina e all’estero. Secondo l’indagine, la moglie di Muñoz, Carolina Boschettii suoi parenti Sergio Todesco, Elizabeth Ortiz Munequi e Carlos Cortez. Sono anche menzionati nell’operativo Carlo Gellert (figlio dell’ex membro del Congresso di Kirchner Blanca Blanco e figliastro dell’ex governatore di Santa Cruz Daniel Peralta), Perla Puente Resendez, Ricardo BarreroDaniel Blanco e Stella Maris Blanco Gustavo DorffLuis Gugino, Leonardo Lanaiza, Ruben Laniza, ex contabile di Kirchners Vittorio ManzanarreFranco Muñoz, María Jesus Blue, Miguel Angel Blue, Mauro Profetico, Alejandrina Bochetti, Pablo Rice, Roberto Sosa e Federico Zapocic, secondo Ercolini.

Il giudice lo accusa di ingerenza nella costituzione di società e nell’acquisto di beni. Il capitolo che il giudice ha approfondito è il capitolo sugli investimenti esteri che si è svolto in due fasi: In primo luogo, avevano costituito società negli Stati Uniti e nelle Isole Vergini per nascondere la fonte illecita di fondi e avevano acquistato non meno di sedici proprietà, 14 a Miami e due a New York..

Sergio Todesco, accusato di essere una figura di spicco del defunto Daniel Muñoz
Sergio Todesco, accusato di essere una figura di spicco del defunto Daniel Muñozdossier, archivio

Tra i condomini di Miami c’è una tenuta da 12 milioni di dollari, un altro condominio per quasi 1 milione di dollari; altri $ 3,8 milioni e uno $ 10,7 milioni. Hanno acquistato edifici, appartamenti, edifici commerciali e fino a due unità del Plaza Hotel di New York, sulla Fifth Street: l’unità 1608, per la quale sono stati pagati $ 1.850.000 il 22 settembre 2010; e l’Unità 607 al costo di $ 13.050.000. Tutti gli immobili ammontavano a circa $ 70 milioni.

READ  "Burning Mountain": il misterioso fuoco sotterraneo che brucia in Australia da 6000 anni

La seconda fase del processo è iniziata nel 2015 e nel 2016, quando scoppiò la vicenda dei Panama Papers. E si è saputo chi c’è dietro le società con conti offshore. L’organizzazione ha deciso di spostare la propria attività nei Caraibi, per costruire un resort balneare di lusso a Turks e Caicos, che doveva far parte della catena di resort Six Senses. Tuttavia, per la terra sono stati pagati solo $ 30 milioni L’accordo è stato valutato a $ 500 milioni al completamentodisse una delle persone coinvolte nel caso.

Le società americane sono state smembrate, le proprietà vendute e i fondi reindirizzati a vari conti in diverse giurisdizioni offshore. La manovra ha subito un’accelerazione dopo la morte di Muñoz nel maggio 2016.

Isidro Bonin
Isidro BoninTalam – Archivio

Quindi si sono uniti al processo Jorge Isidro Baltazar Bonine un altro dei segretari di Kirchner; Juan Manuel Campillo, ex Segretario del Tesoro per Santa Cruz; Blu Michelangelo e gli avvocati stranieri Charles Simon Sivati, Jorge de la Hoz, Peter Karam, Robert Danielo e Sean Lawrence Sullivan.

Entrò anche la messicana Esparza Hildalgo, nota a Gellert, parente della famiglia Muñoz. Le società di controllo che avevano furono messe all’estero a loro nome, Gold Black LTD e Old Wolf LTD, e due società Turks & Caicos: Marble Hill LTD e Woodhaven LTD. Gli hanno ceduto le quote di Pochetti e Puente Resendez.

Poiché non poteva giustificare i suoi beni per possedere queste società, è stato classificato come “custodegestire gli affari di Marble Hill e Woodhaven Ltd. a Turks e Caicos e beneficiare del suo status di avvocato. Pertanto, il pacchetto azionario delle ultime due società non è passato a Esparza come proprietario, ma “in trust”, sebbene fosse registrato nelle BVI come proprietario delle società.

Isole Turks e Caicos
Isole Turks e Caicoslotta azionaria

L’obiettivo del piano di investimenti sull’isola era quello di creare un complesso turistico, immobiliare e alberghiero, che doveva ottenere l’approvazione del governo locale in quanto area protetta. Le trattative per la realizzazione del progetto sono state affidate a Sean Lawrence Sullivan, consigliato dall’avvocato di Karam e conosciuto a Miami da Carolina Puccitti.

READ  Corona Virus e Ómicron: l'Italia rafforza la sua politica contro gli antivaccini

a) si, Esparza Hidalgo ha acquistato i quattro appezzamenti di dieci ettari per la costruzione del complesso. I pacchi provenivano da una società controllata da Sullivan.

Il giudice ha dichiarato il numero e il ruolo di Esparza Hildalgo nell’applicazione nei Caraibi del denaro proveniente dalla liquidazione della proprietà di Daniel Muñoz negli Stati Uniti. È stato menzionato per la prima volta da “The Penitent” Carolina Bochetti e Carlos Gellert.

Una delle proprietà di Miami di Daniel Muñoz
Una delle proprietà di Miami di Daniel Muñoz

Parte del denaro ricavato dalle manovre criminali compiute dall’associazione illegale e che Muñoz ha ricevuto, è stato fatto circolare sul mercato, per sembrare di provenienza legale. Questi processi e l’associazione che sviluppano sono oggetto di questo caso. Esparza Hildago è accreditata di manovre consistenti nella fondazione di società, acquisto e vendita di immobili e applicazione di investimenti all’estero, dopo aver trasferito denaro all’estero e collocato beni a nome di prestanome. “Tutto questo, al fine di rendere difficile l’identificazione dei fondi Muñoz illeciti applicati a tutti questi investimenti e per nascondere la loro vera fonte, dando loro un’apparenza esteriore di legalità.Ercolini ha scritto.

Oggetto del reato, poi, sono i soldi ricavati dalla riscossione illecita disposta dal Dirigente nazionale e soprattutto dal Ministero della pianificazione tra il 2003 e il 2015.

Gran parte dei 70 milioni di dollari di Muñoz è scomparsa ed è sconosciuta.. Gli imputati affermano di essere stati arrestati dagli avvocati. Solo una piccola parte, quella investita negli appezzamenti di Turco & Caicos, poteva essere congelata su richiesta della giustizia argentina nel 2019. Ma solo uno dei quattro buoni è stato congelato.

Ulteriori informazioni su The Trust Project