Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uruguay: Il terreno di firma per il referendum sulla legge Lacalle Po è stato facilmente aggirato | Il Fronte Ampio ha promosso la controversa campagna referendaria di al-Qaeda

Dal basso e nelle sue strade, L’Uruguay sta già vivendo i tempi del referendum. Gente comune, settori politici e sociali, sindacati, spazi culturali e sportivi, da Montevideo e Punta del Este a Rivera e Paysanda, Ha raccolto firme per una consultazione pubblica per l’abrogazione di 135 articoli dell’Urgent Considerations of Dubious Credibility Act (LUC). La norma approvata al Congresso l’8 luglio 2020 è quasi uno strumento feticcio con cui il presidente Luis Lacalle Poe ha già iniziato a cambiare la vita dei suoi cittadini. Ora deve essere soggetto al controllo popolare. La soglia di adesione è stata facilmente superata – 675mila, ovvero l’equivalente del 25 per cento delle liste elettorali – e consegnata un giorno prima della scadenza prevista, il 9 luglio. La logica matematica indicava che si trattava di una teoria complessa che sembrava impraticabile. Ma non è questo il caso. e meno per chi, con il suo esercito e il suo impegno, ha deciso di prendersi in mano il compito.

Quasi 800.000 firme

22 giugno scorso 16 giorni fa sono state raggiunte 572.551 firme – come rifletteva questo giornalista in un altro articolo – L’obiettivo auspicato è ancora lontano dall’essere raggiunto: raccogliere un quarto della lista per aprire la strada al referendum. Tra questo numero e l’ultima persona È stato possibile raccogliere 796.526 – Secondo il rappresentante di Montevideo alla sessione plenaria del Fronte Ampio, Manuel Ferrer ha confermato a Página / 12 – c’è stata una differenza di 223.975 firme. In altre parole, in poco più di due settimane sono state ottenute 13.998 adesioni giornaliere.

Uno sforzo destinato a Fernando Pereira, presidente del PIT-CNT, il sindacato uruguaiano, “per sentirsi orgoglioso della gente che è andata a combattere per le strade e in ogni angolo del paese, lasciando l’anima, con il gel alcolico”. in borse e distribuendo più di 6 milioni di copie del materiale che producono.” Il Comitato Nazionale Pro-Referendum.

READ  In assenza di seconde dosi, la Russia ha legalizzato il lieve vaccino Sputnik

“Non è stata una campagna di slogan, con messaggi come ‘No al neoliberismo, no al governo’ e sì alle istituzioni, informativi”, ha detto il leader sindacale, dalla città di Las Piedras. Pereira aveva invitato il movimento a raccogliere firme per la “ribellione di matite e tovaglioli” nei giorni più bui del movimento cittadino. Vale a dire, il processo di raccolta è stato ingombrante. Era richiesto di partecipare, presentare le credenziali civili, comparire nell’albo, firmare la scheda elettorale ufficiale e prendere le impronte digitali. Ma anche, di fronte a qualsiasi problema che apparisse per verificare la correttezza di questi dati, era necessario scrivere a matita sul retro del voucher il numero di telefono del sito che sarebbe stato chiamato se il suo sostegno al referendum fosse stato annullato.

Festeggia il fronte ampio

La soddisfazione per il risultato ottenuto dalla campagna si è riflessa nei social network, nelle interviste ai leader del Fronte Amplio, in meme, in ogni messaggio circa 796.526 firme consegnate alla Corte Elettorale. Finora, l’irrigidimento del Fronte Ampio, guidato dal suo presidente, Javier Miranda, è arrivato con le urne spazzatura. È in questo luogo che verrà calcolata la firma e la successiva verifica.

Il capitolo due di questa impresa inizierà quando i nove membri della Corte determineranno se i requisiti per presentare 135 articoli controversi della LUC per la consultazione sono stati soddisfatti. Il governo di Lacalle Pou – un’alleanza di cinque partiti di destra – ha una maggioranza di cinque membri contro i quattro del Fronte Ampio.

Atto sulle considerazioni urgenti È uno strumento costituzionale creato nella riforma del 1967 e non è stato ampiamente utilizzato da vari capi di stato. È stato approvato con un voto di 18 senatori su 30 l’8 luglio dello scorso anno. Ha detto che la commissione di Los Angeles ha “modificato 220 leggi ed è un abuso di potere”. Pagina 12 Due settimane fa, il senatore per il Movimento di partecipazione popolare (MPP) in FIFA, Alejandro Sanchez. Trasformato in una norma polivalente già sentita nella società, contiene una matrice di aggiustamento economico, repressione istituzionale più attiva e porta al deterioramento dell’istruzione pubblica. Una conseguenza già riconosciuta nei mesi in vigore è stata l’accorciamento dei termini per gli sgomberi. Ora è stato ridotto a 30 giorni e “ci sono già bambini che vivono nelle tende”, ha descritto l’ingegnere Ferrer di Montevideo.

READ  Divorzio milionario: quanti soldi Bill Gates ha già trasferito a Melinda

A Buenos Aires, di fronte al Río de la Plata, i principali mediatori sindacali hanno aderito alla campagna a favore del referendum. La comunità uruguaiana in Argentina è la più numerosa al mondo e ha raccolto migliaia di firme. Tra i tanti messaggi circolati sui social network, ce n’è stato uno che ha raccolto lo stato d’animo degli uruguaiani che hanno partecipato alla consultazione popolare. Puoi vedere una foto del suo presidente e un titolo che recita: “Se indurire la sinistra sarebbe buono, perché la raccolta di firme contro i 135 articoli della LUC ha già superato il numero di elettori di LuisLacallePou: 29,77 percento 645189”. Si riferiva ai numeri ottenuti nelle primarie del 2019 dove ha ricevuto un sondaggio di oltre dieci punti in meno rispetto a Daniel Martinez, candidato del Broad Front.

L’opposizione che ha aperto la strada al referendum si sta ora muovendo verso l’abrogazione di 135 articoli di quello che il presidente ha definito uno “strumento necessario, giusto e popolare”. Per gran parte degli uruguaiani, LUC è tutt’altro che simile.

[email protected]