Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Uno dei rari effetti collaterali del vaccino AstraZeneca si manifesta in un angolo del velo

Come spiegare i gravi e rari problemi di sangue osservati in alcune persone che sono state vaccinate contro COVID-19 con AstraZeneca? Iniziamo a ricevere alcune risposte mercoledì dopo gli annunci dell’Agenzia europea dei prodotti farmaceutici (EMA).

• leggi di più: Tutte le progressioni dell’infezione

• leggi di più: Variante brasiliana, “tempesta perfetta”

• leggi di più: Dosi del vaccino somministrato senza appuntamento

• leggi di più: Virus: coaguli di sangue, un effetto collaterale molto raro del vaccino astrogenico

Cosa abbiamo notato?

Dopo un ulteriore incontro dei suoi esperti, mercoledì l’EMA per la prima volta ha riconosciuto che il vaccino AstraZeneca potrebbe causare problemi di sangue molto rari in alcune persone. Fino ad ora, non ha stabilito una relazione causale tra i due.

Secondo lei, questo “potenziale collegamento” giustifica il rischio menzionato nel foglietto illustrativo del vaccino. L’OMS (Organizzazione mondiale della sanità) è stata molto cauta e successivamente ha valutato il collegamento come “credibile, ma non confermato”.

Questi effetti indesiderati non sono la normale trombosi come inizialmente segnalato, ma un fenomeno “molto diverso”, secondo le regole dell’Agenzia francese per i medicinali (ANSM).

Questi sono “molto rari nei coaguli di sangue combinati con le piastrine basse”, ha spiegato mercoledì l’EMA.

Queste trombosi, che si verificano “entro due settimane dalla vaccinazione”, “colpiscono i nervi del cervello (trombosi dei seni cerebrali) e l’addome”, secondo l’EMA.

A volte sono accompagnati da emorragia, che può sembrare paradossale quando si tratta di coaguli di sangue.

A metà marzo, il Paul-Earlich Medical Institute (PEI), che fornisce consulenza al governo tedesco, per primo ha sottolineato che “una forma molto rara di trombosi venosa cerebrale è associata a una carenza di piastrine”.

READ  Zero de Italia 2021: L'Enios più colombiano a battere Zero de Italy

Qual è il rischio?

Questa è una domanda necessaria.

Secondo gli ultimi dati dell’EMA, al 4 aprile si sono verificati 222 casi di 34 milioni di iniezioni effettuate con AstraZeneca nello Spazio economico europeo (UE, Islanda, Norvegia, Liechtenstein) e Regno Unito. Di conseguenza, 18 persone hanno perso la vita.

In Germania, il paese allertato ha elencato 31 casi di sospetta trombosi venosa cerebrale (19 dei quali con un calo delle piastrine nel sangue) in questa fase, di cui 9 fatali, ha detto l’azienda lattiera. -Herlich. Ciò rappresenta un tasso di 1 caso (2,8 milioni) per 100.000 iniezioni.

Nel Regno Unito, dove siamo stati ampiamente vaccinati con AstraZeneca, ci sono stati 79 casi e 19 decessi per oltre 20 milioni di dosi somministrate, ha detto mercoledì in una dichiarazione il British Drug Controller MHRA. Di EMA.

Sono stati segnalati casi in Francia (inclusi 12 decessi su 1,9 milioni di iniezioni secondo ANSM), Norvegia (5 casi di cui 3 decessi, 120.000 iniezioni) o Paesi Bassi.

Ma come ogni medicinale, conoscere il rischio non basta: va confrontato con i benefici forniti dal prodotto. Questo è chiamato rapporto rischio-beneficio.

“COVID-19 presenta un rischio di ospedalizzazione e morte. I coaguli di sangue / bassa aggregazione piastrinica sono molto rari e i benefici complessivi del vaccino nella prevenzione del COVID-19 superano il rischio di effetti collaterali”, ha sottolineato l’EMA in diverse occasioni sin dal suo primo avviso.

Fattori di rischio?

Per ora, la maggior parte dei casi che coinvolgono “donne sotto i 60 anni” sottolineano l’EMA.

Ma nessuna conclusione può essere tratta da ciò, poiché potrebbe derivare dal fatto che questo vaccino è stato inizialmente utilizzato principalmente sui giovani.

READ  La tragica storia di un capitano ucciso da una mucca in alto mare e il dramma della sua famiglia argentina

Inoltre, il fatto che la maggior parte dei casi segnalati siano donne può essere collegato al fatto che a questo vaccino è stata data molta priorità agli operatori sanitari. Tuttavia, queste professioni sono molto femminili.

“Sulla base delle informazioni attualmente disponibili, non abbiamo identificato un fattore di rischio specifico”, ha commentato l’EMA.

Nel Regno Unito, i segmenti di popolazione vaccinati con AstraZeneca erano più ampi che altrove, con casi che hanno coinvolto 51 donne e 28 uomini di età compresa tra 18 e 79 anni.

Limite di età?

Dopo la prima ondata di sospensioni a metà marzo, molti paesi hanno deciso di somministrare il vaccino non meno di una certa età: 30 anni per il Regno Unito, 55 anni per Francia, Belgio e Canada, 60 anni per Germania e Paesi Bassi, o 65 anni per Svezia e Finlandia.

“Non abbiamo un solo vaccino, ne abbiamo molti, motivo per cui mi sembra comprensibile prescrivere AstraZeneca agli anziani”, ha detto Sandra Sisek, virologa dell’Università Goethe di Francoforte.

Ancora una volta, questa logica si basa sul rapporto rischio-beneficio, che varia con l’età: con l’avanzare dell’età, il rischio di sviluppare una forma grave di COVID aumenta e siamo più interessati alla vaccinazione con estrogeni., Nonostante il rischio di effetti collaterali .

I funzionari sanitari britannici hanno rilasciato mercoledì una tabella di confronto per sostenere la causa. Questo confronta il rischio di entrare in terapia intensiva da un lato e il rischio di effetti collaterali causati dal vaccino con l’età.

Secondo questa tabella, quando il virus è in forte circolazione, il rischio di contrarre COVID è 6 volte superiore al rischio rappresentato dal vaccino di 20-29 anni. Ma questo è 600 volte più importante quando abbiamo 60-69 anni.

READ  Il 14% della popolazione italiana è già contagiata

Norvegia e Danimarca hanno fatto scelte più difficili rispetto ai limiti di età, ora interrompendo completamente il vaccino astrogenico.

Quali sono i motivi?

Sebbene non ne siamo sicuri, molti componenti supportano la risposta immunitaria anormale e potente espressa dal vaccino.

In uno studio pubblicato online il 28 marzo che non era stato ancora valutato da altri scienziati, ricercatori tedeschi e austriaci lo hanno collegato a un altro meccanismo già noto.

Il fenomeno associato al vaccino astrogenogenico “assomiglia clinicamente alla trombocitopenia indotta da eparina (HID)”, scrivono questi ricercatori guidati da Andreas Grenacher (Graffswald University).

La HID è una reazione immunitaria acuta e rara che viene innescata dal farmaco anticoagulante eparina in alcuni pazienti.

Mercoledì l’EMA ha commentato che questa era “una spiegazione credibile” e ha chiesto ulteriori ricerche.

Ricercatori tedeschi e austriaci propongono di dare un nome al fenomeno riscontrato con il vaccino astrogenico (VIPIT).

Altri ricercatori e medici francesi si sono riuniti in Costa d’Avorio per avanzare un’ipotesi originale.

Credono che il punto di partenza sia la possibilità di “iniettare accidentalmente il vaccino in una vena del muscolo deltoide” (spalla), che innescherà una “risposta immunitaria diversa”.