Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il processo per il progetto Condor è iniziato 22 anni fa in Italia, senza condanne in Sud America Attesa nei tribunali di Roma

Da Roma

Questo giovedì, Quando la Corte Suprema d’Italia avrebbe dovuto pronunciare i verdetti finali sui procedimenti contro 18 soldati latinoamericani Gonderin, complotto dell’orrore per il rapimento, la tortura e la scomparsa di 43 cittadini latinoamericani di origine italiana, Avviso rinviato Causa mancanza di alcuni documenti.

La seduta si è svolta presso la Corte Suprema, situata in un grande edificio di Roma affacciato sul fiume Tevere e nei pressi della Basilica Vaticana di San Pietro. Costruito tra il 1888 e il 1910, l’edificio è adornato con esagerati intagli e ornamenti marmorei, un tempo chiamato Palazzogio (o Palazzo Terribile) di Roma.

Ad Ala Magna, dove giovedì si è svolto il processo a Condor, sedevano una sala con colonne e dipinti raffiguranti il ​​diritto romano antico, 7 giudici e almeno 17 avvocati, oltre ad alcuni parenti dei dispersi e giornalisti.

La sessione è stata troppo lunga, più lunga del previsto. Un giudice ha letto ad alta voce le motivazioni (e altre aggravanti) per quasi un’ora e mezza degli ergastoli della Corte d’Appello, secondo evento giudiziario del terzetto che tiene l’Italia, e poi sono intervenuti gli avvocati. Riguardo a quelle condanne emesse nel 2019, diversi imputati (tre cileni non lo hanno fatto, gli ergastoli sono ormai definitivi) si sono appellati alla Corte Suprema per decidere lo stesso. Ma due degli imputati sono morti di recente (un uruguaiano e un peruviano) e il processo in Italia è stato rinviato alle 13.30 di venerdì perché il tribunale non aveva ottenuto i relativi certificati, i certificati sono in attesa. Le sentenze potrebbero essere note venerdì, ma non c’è un collegamento ufficiale a questo.

Delle 43 vittime, 4 sono state rapite in Cile, 13 uruguaiani in Argentina e 6 in Argentina, Bolivia, Paraguay e Brasile. Questi includono altri 20 uruguaiani rapiti in Argentina, ma uno dei suoi imputati scomparsi, Jorge Nestor Trocoli, vive in Italia da quando era membro del Servizio di intelligence navale uruguaiano (PUSNA). Durante il progetto Condor è stato firmato un trattato tra le dittature di Cile, Argentina, Uruguay, Paraguay, Bolivia e Perù. Di proprietà. Può sembrare responsabile.

READ  Firmato il campione italiano Joaquin Korea

22 anni di indagini e 100 processi

Christina Mihura dell’Uruguay è la vedova dell’italo-uruguaiano Bernardo Arnon, che è stato sposato con lei per quasi due anni, fino a quando non sono stati deportati a Buenos Aires prima di fuggire in Uruguay.. Ma anche se hanno cambiato residenza, il progetto Condor ha fatto la sua parte. Armando fu portato via nel 1976 e non gli fu più chiesto nulla. Fuggì in Europa come rifugiato e inizialmente si rifugiò in Svezia. Poi è venuto in Italia. Non è mai stata in grado di recuperare i resti di suo marito.

Il processo condor è iniziato nel 1999Ci sono stati infiniti anni di fase iniziale, seguiti dalle udienze preliminari (GUP), poi il processo di primo grado nell’aula del carcere di Repibia, poi il caso di appello e ora esso. Guardando indietro, dopo aver partecipato a circa 100 prove, posso dire che abbiamo avuto molti momenti difficili e molti eventi importanti”, ha detto Mihura. PaginaI12.

-Qual è il momento più importante per te?

-Sono molto importante 9 giugno 1999Quando abbiamo potuto lamentarci con altri membri della famiglia, tutte le donne, molte uruguaiane e un argentino, perché in quel momento l’impunità regnava nei nostri paesi e non c’era via d’uscita. Significative sono le azioni del giudice Baldassar Carson in Spagna per chiedere l’arresto di Pinochet. Perché L’Argentina in Uruguay aveva leggi obsolete, obbedienza ad essa e cessazione completa, pardon. Qualcosa di simile sta accadendo in Cile. Grazie a questa legge italiana che consente la prosecuzione dei crimini contro gli italiani all’estero, siamo in grado di realizzare questa causa da 22 anni. Né la Germania né la Francia possono causare tali cause perché non funziona come qui.

READ  L'Argentina al completo affronterà l'Italia per la Nations League

Dalle accuse, quale test è importante?

– Questo esperimento è stato in grado di collocare questi tipi di crimini e attività dittatoriali a livello internazionale. Per l’Uruguay è molto importante liberarsi di quel tipo di copertura cementizia che è impunita e molto resistente. Quando le cose hanno cominciato a muoversi nei nostri paesi, l’esperimento italiano può sembrare superfluo. Ma non è. Questo processo ha sempre agito da norma di riferimento. Senza questo test italiano, non so dove sarebbero finiti i processi iniziati in Uruguay.

Hai partecipato a quasi 100 prove di tre prove, quali sono stati i momenti più difficili?

Importo eccezionale, tempo impiegato per tutto.

-Più felice?

Uno dei momenti più felici per me è stato quando la Corte d’Appello ha cambiato completamente il primo grado e ha condannato tutti i partecipanti. Solo una parte di loro è stata condannata altrove. Spero che la Cassazione accolga le sentenze di appello. Spero che il test finisca qui. Dopo aver ricevuto condanne in Argentina, Uruguay e Italia nel caso Bernardo, penso che mi considererò in pensione. Questo è un gran bel lavoro. È tempo di finirla. Tuttavia, continuerò a cercare i suoi resti.