Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’eruzione in Islanda si estende ulteriormente con una terza eruzione vulcanica

L’ufficio meteorologico islandese ha detto che una terza eruzione vulcanica è avvenuta lo stesso giorno da martedì a mercoledì, a una quarantina di chilometri dalla città islandese di Reykjavik.

L’eruzione, le cui immagini hanno viaggiato in tutto il mondo, ha iniziato eruzioni vulcaniche attraverso la prima faglia il 19 marzo, nella piccola valle di Geldingadalir, vicino al monte Fogradolsjal all’estremità sud-ovest del fiume. ‘Islanda.

Lunedì una nuova faglia causata da due eruzioni vulcaniche si è aperta a circa 700 metri da questo primo centro, creando un lungo corso di lava che scorre in un’altra piccola valle vicina.

Lunedì, una nuova faglia ha creato un lungo flusso di lava.

AFP

Lunedì, una nuova faglia ha creato un lungo flusso di lava.

Quindi questa è ora la terza fonte di vulcano aggiunta al sito dell’eruzione, che ha già attirato decine di migliaia di persone interessate, utilizzando l’accesso relativamente facile al sito.

Lunedì, una nuova faglia ha creato un lungo flusso di lava.

AFP

Lunedì, una nuova faglia ha creato un lungo flusso di lava.

Con una lunghezza di 150 metri e una profondità di circa un metro, questa nuova faglia dista mezzo chilometro dai crateri della prima eruzione.

Secondo le immagini trasmesse dalla televisione pubblica RÚV, a mezzanotte, un punto luce bruciò improvvisamente la montagna quasi a metà strada tra le prime due eruzioni, emettendo piccoli vulcani e con essi fumo debole.

L’Orange Flow ha rotolato lungo il pendio sotto forma di un fiume ed è stato aggiunto al campo vulcanico già creato dalla sorgente attiva dal 19 marzo. Secondo il punteggio finale di martedì sera, ora è un campo con una superficie di oltre 33 ettari.

READ  Felipe Sole si recherà in Italia per il vertice del G20

Il sito, chiuso al pubblico lunedì a causa di una seconda violazione, è stato riaperto al pubblico mercoledì mattina.

I vulcanologi islandesi, che inizialmente si aspettavano che scoppiassero pochi giorni, sostengono una situazione a lungo termine, incapaci di commentare la longevità in settimane, mesi o addirittura anni.