Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una guida per discutere di discorsi fuorvianti e deboli di Javier Miley |  Fallacie libertarie, un libro di Guido Agostinelli

Una guida per discutere di discorsi fuorvianti e deboli di Javier Miley | Fallacie libertarie, un libro di Guido Agostinelli

I meme dilagano nella vita digitale di questi tempi: il disegno di una sega e due frecce. Uno indica la maniglia dello strumento e dice “Pensi che sia da questa parte”. Un altro indica il bordo della lama macchiato di sangue e dice: “Ma apparterrà a quest’altra persona”. Si riferisce, ovviamente, alle proposte economiche, chiamate anche “piano sega”, in riferimento ai tagli carnefici proposti da Javier Miley. Il piano prevede, tra l’altro, l’abolizione delle opere pubbliche; La tariffa per il sistema educativo, sanitario e di assistenza sociale; Privatizzazione delle aziende pubbliche. Ma affinché l’idea di “essere sul filo del rasoio” riesca ad attrarre un segmento di elettori che hanno votato in agosto – magari senza leggere le clausole scritte in piccolo – per quel piano, molti degli argomenti devono essere spiegati.

Un ottimo modo per farlo è utilizzare Errori libertariScritto da Guido Agostinelli. Ediciones Ciccus, che contiene il sottotitolo Come evitare di cadere nelle truffe della modaFornisce la prova che le soluzioni libertarie ai problemi dell’Argentina si basano su argomenti fuorvianti e deboli.

Non si tratta semplicemente di una critica ideologica o morale, ma di un’analisi dei pregiudizi che mostra punto per punto perché e come il programma libertario si scontra con la realtà. Senza dimenticare di dire in che misura le prescrizioni – che Miley ha adottato senza contratto presentando il suo programma il 2 agosto – sono quasi copie carbone del piano economico attuato dal ministro Martinez de Hoz durante l’ultima dittatura, e adottato nel Anni ’90 di Domingo Cavallo. .

Nel suo libro Agostinelli discute con dati concreti, sviluppando ex novo concetti economici in un linguaggio accessibile, come se stesse dando lezioni di scrittura e con un tono né disamorato né arrogante. Spiega chi è la vera classe, cos’è l’inflazione e la sua relazione con le emissioni, i deficit e il rapporto tra liberalismo e governi autoritari, tra molti altri argomenti. Presenta le argomentazioni nell’unico modo per vincerle, con freddezza.

Classe

Miley si presenta come nemica della classe sociale, che per definizione è un legame ereditario o di sangue. I politici che arrivano al potere con mezzi democratici, scrive Agostinelli, “possono essere buoni o cattivi, ma servono attraverso elezioni popolari piuttosto che attraverso legami di sangue. A loro volta, a seconda del partito a cui appartengono, rappresentano interessi diversi. Ciò è evidente nelle notevoli differenze nella loro gestione. La questione è arrivata al punto di promuovere accuse reciproche e cause legali contro i responsabili di questa presunta classe. “Non funzionano tutti come un blocco unificato”. Nelle loro accuse, i liberali stanno attenti a non menzionare la magistratura, in particolare quella che non è eletta democraticamente. Per non parlare, ad esempio, dei legami tra Miley, legata a Tucumán, e l’apologista della dittatura, Ricardo Bossi, in carica politica da 36 anni.

READ  Cercano di prolungare la tregua per altri giorni e Israele riceve una nuova lista di ostaggi da rilasciare

Il mercato come unico regolatore dell’economia

In diversi passaggi del libro l’autore ha il compito di spiegare perché nessuna società può essere regolata esclusivamente dalle fluttuazioni del mercato, come vorrebbero i liberali. Non si tratta di eliminarli, ma di garantire un certo grado di intervento statale di fronte ai fallimenti che si verificano frequentemente, come la formazione di monopoli – qualcosa che ha già sottolineato Adam Smith – e la distribuzione ineguale della ricchezza. Se il mercato fosse adeguatamente regolamentato, spiega Agostinelli, l’organizzazione per la tutela dei consumatori non riceverebbe centinaia di migliaia di reclami ogni anno. Per i settori più vulnerabili, lo Stato è il garante di un livello minimo di pari opportunità, e ciò garantisce gradi di libertà che altrimenti non sarebbero stati possibili. Diritti come la pensione, la negoziazione salariale, la sanità pubblica e l’istruzione possono essere così interni da non essere registrati quotidianamente, ma “lo Stato argentino, con i suoi diciotto ministeri, lavora costantemente sulla realtà dell’intera popolazione”.

Deficit finanziario

Uno dei principali problemi argentini secondo i libertari è che lo Stato genera deficit fiscali. Tuttavia, secondo i dati del FMI, su 181 paesi, 140 paesi hanno registrato deficit nel 2022. Molti di loro, uno più grande del nostro: Francia, Germania, Cina e Giappone. Paesi come gli Stati Uniti hanno deficit permanenti. Contrariamente a quanto il discorso liberale vorrebbe riconoscere, l’Argentina ha realizzato un surplus nel periodo dal 2003 al 2008. Secondo il keynesismo, i deficit sono uno strumento e il loro utilizzo è temporaneo: vengono utilizzati in determinati momenti per stimolare l’economia. Il deficit dell’Argentina rientra negli standard di paesi simili e non è tra i paesi con la spesa pubblica più elevata.

READ  Presa di ostaggi e sparatoria alla stazione principale degli autobus di Rio de Janeiro: almeno due persone ferite

Pressione fiscale

Un’altra importante critica libertaria è l’eccessiva pressione fiscale dell’Argentina. Ma nel 2021 questa percentuale ha raggiunto il 29,1%, mentre la media dei paesi OCSE era del 34,1%. La nostra pressione fiscale è inferiore alla media dei paesi sviluppati e superiore a quella dei paesi africani. Ciò che è alto in Argentina è l’evasione, circa il 35%. Se questo valore diminuisce, i benefici per lo Stato saranno migliori o il carico fiscale potrà essere ridotto. Invece di accompagnare la lotta contro l’evasione, che spinge pochi a trarre profitto a scapito di altri che pagano le tasse, i liberali chiamano “eroi” coloro che evadono.

Dollarizzazione

Quando si propone la dollarizzazione, è chiaro che procedere in questo modo implicherebbe una significativa svalutazione della valuta nazionale, che schiaccerebbe il potere salariale. Come è successo in altri paesi che hanno intrapreso questa strada, come l’Ecuador – e non a caso su consiglio di Domingo Cavallo, lodato dai liberali – la dollarizzazione porta alla completa dipendenza dalle fluttuazioni e dalle crisi del mercato globale. Approfondisce il carattere periferico e subalterno del capitalismo argentino.

L’Argentina è il granaio del mondo

Per Agostinelli, uno degli errori libertari più diffusi è l’idea che l’Argentina all’inizio del XX secolo fosse una potenza, con il PIL pro capite più alto, finché il peronismo non cominciò a spezzare questo destino di grandezza. Si tratta di un errore di composizione – voler arrivare ad una conclusione guardando solo ad una delle parti – perché vengono analizzati solo il PIL pro capite e altri aspetti legati alla qualità della vita. Un fatto che di solito non viene riportato è che la tassa sulle esportazioni nel 1895 era molto più alta di oggi: il 28% in media, “mentre oggi è tre volte più bassa”. L’Argentina alla fine del XIX secolo aveva un’economia in crescita ma fortemente diseguale. Secondo il censimento del 1985 la popolazione raggiungeva circa 4 milioni di persone e la ricchezza era concentrata in poche mani. “Era un modello che non poteva includere questa popolazione, per non parlare dei 46 milioni di persone che vivono oggi in Argentina”. Nel modello di esportazione agricola, la produzione era principalmente diretta ai mercati esteri. Il mercato interno era molto piccolo e dipendeva dalle merci importate. A partire dal 1925 i prezzi mondiali iniziarono a scendere, e questa dipendenza portò all’esaurimento del modello con la crisi del 1930.

READ  Un enorme masso caduto su barche con turisti in Brasile: almeno sei morti, 30 feriti

Singapore

Singapore, uno dei paesi per cui Miley aspira a essere un modello, è un interessante esempio di contraddizioni libertarie. Si trova sulla piattaforma di classificazione sviluppata dall’Indice della libertà economica – un criterio di classificazione che l’autore si è preso la responsabilità di spiegare che non misura ciò che afferma di misurare perché adotta standard arbitrari e inoltre non riesce a riflettere il successo e il fallimento economico di Anche se Singapore è un Paese che ha registrato una crescita elevata negli ultimi anni, spiega Agostinelli, “non è stato proprio grazie alle politiche liberali, ma grazie al piano di industrializzazione pianificato dallo Stato”. Inoltre, il più grande proprietario della terra è lo Stato. Dal 1959, cioè da 60 anni, è governato lo stesso spazio politico: il Partito d’Azione Popolare. Stranamente, questo è un paese dove tutto è vietato, dal matrimonio paritario alla gomma da masticare, dove i media sono spesso censurati e i dissidenti vengono imprigionati, e dove le punizioni corporali e la pena di morte sono comuni. Nel 2022, sono state effettuate cinque esecuzioni in meno di quattro mesi, tutti casi legati a reati di droga.