Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Professore di fisica dell’Università di Harvard che ha attraversato a piedi gli Stati Uniti in tempi record: più di 4.000 chilometri in 47 giorni

Professore di fisica dell’Università di Harvard che ha attraversato a piedi gli Stati Uniti in tempi record: più di 4.000 chilometri in 47 giorni

Il tempo record ufficiale è stato di 47 giorni, 12 ore e 35 minuti (Credito: Instagram/runjennyrunusa)

Jenny HoffmannInsegnante di fisica presso Harvard Il fondista rappresenta una pietra miliare nella storia delle sfide sportive. Nel novembre 2023 è diventato La donna più veloce ad attraversare a piedi gli Stati Uniti: più di 4.000 chilometri. Con l’orario ufficiale 47 giorni, 12 ore e 35 minutiHoffman ha superato di oltre una settimana il precedente record stabilito nel 2017, che apparteneva a Sandra Velence. Un’ulteriore prova che i limiti umani sono stati superati.

un viaggio È iniziato a settembre a San Francisco e si è concluso a New York a novembre. Ha percorso circa 4880 chilometri. Questa impresa richiede resistenza fisica e incrollabile determinazione mentale. Hoffman, madre di tre figli ed esperta maratoneta ultramaratoneta, ha affrontato questa sfida con una preparazione speciale: Correvo tra le 13 e le 15 ore al giorno Dall’alba. Un regalo che pochi possono immaginare.

Perché cercare questo record? Hoffman lo ha detto in un’intervista a Gazzetta di Harvard: “Dò risposte diverse perché ci sono tante ragioni. Ma fondamentalmente, sono davvero spinto ad affrontare la cosa più grande, più difficile, più alta, più alta che ho davanti. È sempre stata una compulsione. Fin da bambino pensavo di attraversare gli Stati Uniti da solo.. “È stato un sogno nella mia mente per molto tempo.”

Hoffman aveva provato a battere il record nel 2019, ma un infortunio a un ginocchio gli ha impedito di farlo.

Il percorso verso questo record non è stato facile per Hoffman. Avevo già tentato lo stesso viaggio nel 2019, ma quella trasferta in Ohio fu interrotta a causa di un grave infortunio al ginocchio, che richiese un lungo periodo di recupero e un incerto ritorno nel mondo dell’ultra running. Tuttavia, questa prova servì solo a rafforzare la sua determinazione e a prepararsi intensamente per il suo secondo tentativo riuscito.

READ  La Turchia si oppone all'adesione di Svezia e Finlandia alla NATO, accusandole di essere un rifugio per terroristi

Lungo il percorso, Hoffman ha dovuto affrontare innumerevoli ostacoli. Da condizioni meteorologiche avverse come grandine e fulmini in California, All’argilla simile all’argilla del Nebraska. Inoltre, la minaccia rappresentata dagli animali selvatici, dai veicoli ad alta velocità e dalle continue vittime metteva ogni giorno alla prova le sue forze.

“Penso che il momento più difficile sia stato in Nebraska. Sono arrivato nel Nebraska nel periodo di punta del raccolto, e mi trovavo su molte strade sterrate. I camion occupavano l’intera larghezza della strada e avevano le lame affilate C’era molto vento e volava polvere. Indossavo gli occhiali per proteggermi gli occhi”. Ma senza maschera, un camion di fertilizzanti mi ha spruzzato. Avevo molta paura che mi picchiassero o mi mietessero“, esposto.

Hoffman mangiava fino a 8.000 calorie al giorno e indossava 11 paia di scarpe da ginnastica

Queste difficoltà furono compensate dal sostegno incrollabile di A Squadra dedicatacomposto da sei donne, si sono alternati assicurandosi che almeno due persone l’accompagnassero sempre, oltre a fornirle cibo, acqua e vestiti attraverso un camioncino e una roulotte in cui Hoffman poteva riposare la notte.

Tuttavia, non è stato facile per lei superare questa sfida. Anche se non ha mai pensato di arrendersi: “Ho pianto tanto. Era difficile. “Non ho mai pensato seriamente di smettere perché sapevo quanto le persone intorno a me mi avevano dato per avere questa opportunità”.

Per mantenere la sua energia e salute durante il tour, Hoffman ha mangiato fino a 8000 calorie al giorno E usato 11 paia di scarpe da ginnastica Per adattarsi a diverse superfici. Nonostante le sfide fisiche, comprese distorsioni e dolori estremi, il suo spirito indistruttibile non ha mai vacillato.

READ  Pepe Gil Vidal ha salutato lo schermo di TN dopo 30 anni in onda

Il momento clou del suo viaggio è stato attraversare il ponte George Washington per essere accolta da un gruppo di amici e familiari, che l’hanno accompagnata negli ultimi 19 chilometri attraverso Manhattan. Questo atto di amore e sostegno simboleggia l’essenza del loro viaggio: un sogno d’infanzia reso realtà attraverso la perseveranza, il sostegno della comunità e una determinazione incrollabile. E ha chiuso: “Credo semplicemente che ogni essere umano meriti un momento come questo.“.