Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Papa Francesco: Ho già firmato le mie dimissioni in caso di disabilità medica

Roma: Ho già firmato le mie dimissioni. Tarcisio Bertone era ministro degli Esteri. L’ho firmato e gli ho detto: in caso di invalidità per motivi medici o di altra natura, ecco le mie dimissioni. hanno già. Non so a chi l’abbia regalato il cardinale Bertone, ma gliel’ho regalato io quando ero segretario di Stato. Papa Francesco ha rivelato domenica in quale giorno aveva 86 anni, Durante un’intervista al quotidiano spagnolo abc.

È una specie di tradizione nei papi moderni che erano già all’inizio del loro pontificato Lasciare una lettera di dimissioni scritta in caso di invalidità.

Alla domanda su cosa succede se il papa è improvvisamente disabile a causa di problemi di salute o di un incidente, Il Papa ha detto che era la prima volta che accennava a questo dettaglio. L’interlocutore ha precisato che “Paolo VI ha lasciato per iscritto le sue dimissioni in caso di permanente impedimento”. Ha aggiunto: “È vero, e penso che lo sia anche Pio XII”.

Il Pontefice vuole che si sappia. “Ecco perché lo dico. Ora qualcuno lo chiederà a Bertoni: ‘Dammi il pezzo di carta! ‘ (ride). Potrebbe averlo consegnato al cardinale Pietro Parolin, il nuovo segretario di Stato. a Burton come Segretario di Stato’, ha detto.

Bertone era il numero di Francesco II, “ereditato” da Benedetto XVI, all’inizio del suo pontificato, nel marzo 2013, fino all’ottobre dello stesso anno, quando il cardinale Pietro Parolin lo nominò nuovo Segretario di Stato.

Papa Francesco, appena scomparso 86 anni dall’inizio del suo pontificato Ha detto che non avrebbe problemi a seguire le orme del suo predecessore, Benedetto XVI, Papa emerito, che abdicò bruscamente al soglio di Pietro l’11 febbraio 2013.

Papa Francesco parte al termine dell’udienza pubblica settimanale in Piazza San Pietro, Vaticano, 30 novembre 2022. (AP Photo/Andrew Medichini)

Tutti i papi moderni hanno sempre lasciato una rinuncia scritta in caso di incapacità. Pio XII ha lasciato un messaggio nel caso in cui i nazisti lo catturassero; anche Paolo IV; E anche Giovanni Paolo II, come rivelò allora a La Nación il defunto cardinale argentino Jorge Mejia.

READ  Hanno trovato i corpi dei due sacerdoti gesuiti e della guida turistica assassinata a Chihuahua

Anche se non ha mai rivelato l’esistenza di una lettera di dimissioni per invalidità, negli ultimi mesi, in varie interviste Papa Francesco ha ribadito che non avrà problemi a seguire le orme di Benedetto XVI. Anche se ha chiarito che il momento non era ancora arrivato.

La speculazione su una possibile dimissione si è scatenata lo scorso maggio quando sono coincisi vari eventi che hanno provocato moti in alcuni settori. Dopo l’esordio in carrozzina per un problema al ginocchio – che si trascinava dall’inizio dell’anno – oltre a chiamare a fine agosto a Roma tutti i cardinali del mondo per riflettere sul suo radicalismo. Fu annunciato, riformando la curia e aumentando il numero dei votanti al prossimo conclave, che sarebbe stata visitata la città dell’Aquila, nel centro Italia. C’è la tomba di Celestino V, l’ultimo papa a dimettersi nel 1294, di Joseph Ratzinger, visitata dal papa emerito due anni prima del suo clamoroso allontanamento l’11 febbraio 2013.

“Tutte queste coincidenze ci hanno fatto pensare che avrebbe potuto essere la stessa liturgia, ma non mi è mai venuto in mente, non l’ha mai fatto. Non adesso, sul serio”. Intervista ReutersCome ha fatto lo scorso settembre in un’intervista alla radio spagnola Cope. “Ma quando verrà il momento, quando vedrò che non ce la faccio più, lo farò e questo è il grande esempio di papa Benedetto: è stata una cosa molto buona per la Chiesa e ha detto ai papi di fermare il tempo. lo ha salutato come un grande Benedetto, come ha fatto in passato”.

Quando può dimettersi? “Non lo sappiamo”, rispose Francisco.

READ  Richiedi un aiuto finanziario per la pandemia e spendi soldi per auto di lusso e viaggi

In un’intervista alla Abc, rispondendo a una domanda sul decimo anniversario delle dimissioni di Benedetto XVI, nel prossimo febbraio, papa Francesco ha rivelato di visitarli spesso. “E sono venuto direttamente dal suo sguardo traslucido. Vive in contemplazione… Il suo umore è buono, chiaro, molto vivace, parla gentilmente ma porta avanti la conversazione. Ammiro la tua intelligenza”, ha detto.

Quando gli è stato chiesto cosa apprezzasse di più di Benedetto, l’ex arcivescovo di Buenos Aires ha risposto: “È un santo. È un uomo di alta vita spirituale”.

Ulteriori informazioni su The Trust Project