Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo capitolo nell’economia della piattaforma: espansione del campo di battaglia

Nell’ultimo decennio, le piattaforme hanno lottato per entrare nel mercato e conquistare la fiducia degli utenti. Uber era più economico dei taxi e aziende come Glovo offrivano la spedizione gratuita e sconti nei giorni feriali. Foto: Fernando Calzada.

Qualcosa sta per finire, qualcosa sta per iniziare. È così che si può comprendere una buona struttura di una storia, e quindi possiamo capire il momento in cui si trova l’economia della piattaforma. È una tappa cardine, un legame che unisce il glorioso passato con l’incerta geometria del futuro. Due importanti pietre miliari segnano una nuova era nelle dinamiche economiche della piattaforma: la fine dell’era delle sovvenzioni e la pandemia. In mezzo, lo spettro della regolamentazione legale.

piccola storia

L’economista e blogger americano Ranjan Roy aveva un amico che possedeva una pizzeria a Manhattan. Per quasi un decennio, il suo amico ha resistito a fare consegna Perché, disse, lo avrebbe distratto dal servizio testa a testa, e altre catene, come quella di Domino, stavano andando meglio. Tuttavia, a poco a poco, il proprietario ha iniziato a ricevere lamentele telefoniche che la pizza in casa impiegava troppo tempo per arrivare o che il formaggio era freddo. Gli appelli cominciarono a moltiplicarsi: non poteva più essere solo confusione. Un giorno, Ranjay ha aperto Doordash, un’app simile a OrdersYa, e ha visto che c’era un’opzione per ordinare la pizza al ristorante del suo amico. Il proprietario non sapeva cosa stesse succedendo: tradizionale com’era, giuro che non ha mai offerto scelta consegna su qualsiasi piattaforma. Inoltre, era di cattivo umore perché i suoi dipendenti stavano perdendo tempo nell’affrontare i reclami per la mancanza di spedizioni. Ma c’era qualcos’altro, qualcosa di essenziale: la pizza, con un prezzo locale di $ 24, venduta per $ 16 sull’app.

Dopo un secondo di confusione, il comportamento di questi due amici è stato il comportamento di chiunque abbia un giudizio: come test, hanno ordinato una pizza tramite l’app e hanno pagato $ 16. Dopo un po’, un uomo con una lattina consegna Si è presentato al negozio, ha ordinato una pizza e ha pagato $ 24 con una carta di credito. Eccolo.

La mancanza di posti di lavoro e opportunità formali ha portato una nuova massa di disoccupati a guardare in modo diverso il lavoro della piattaforma.  Foto: Fernando Calzada.
La mancanza di posti di lavoro e opportunità formali ha portato una nuova massa di disoccupati a guardare in modo diverso il lavoro della piattaforma. Foto: Fernando Calzada.

economia delle piattaforme, economia cooperativa, L’economia del lavoro interinale. Modi diversi di chiamare la stessa cosa: una cultura del lavoro indipendente, senza capi, orari o procedure formali. Ogni nome, ovviamente, ha una valutazione implicita, perché le battaglie più efficaci e accurate sono le battaglie con il significato.

La sharing economy è un concetto ottimista ideato da un utente con bisogni su un altro che può soddisfarli senza intermediari più che l’applicazione: tutti si aiutano, entrambe le parti ne beneficiano e c’è un feedback positivo. Ad esempio, il trasporto in Uber, dove si sottolinea che coloro che escono per guidare non sono autisti professionisti ma persone che vogliono guadagnare soldi extra nel loro tempo libero. Ad esempio, OrdersYa, Doordash o MercadoLibre.

READ  Papa Francesco nomina Martin Guzman membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali | Un gesto del Vaticano al ministro dell'Economia

Meno allegro, invece, il colore del pallet economy: indica un modello di business super flessibile, senza garanzie di alcun tipo, senza ferie, senza orari, senza forniture di lavoro (i fattorini comprano anche un termoarredo). Insomma, senza il bello di avere un capo.

Siamo stati supportati!

Ranjan e il suo amico commerciante hanno fatto soldi sul conto di Doordash, ma la domanda principale era: perché una piattaforma così sofisticata avrebbe dovuto pagare $ 24 per qualcosa che in seguito è stato venduto per $ 16? Chi potrebbe essere così deciso a perdere?

Tuttavia, pochi sanno che negli ultimi dieci anni molte piattaforme importanti hanno subito perdite. Alcuni numeri: Nel 2019 Uber ha perso 8,5 miliardi di dollari. Nel 2020 l’epidemia è migliorata tra loro: ne sono andati persi solo 6,8 miliardi. Si stima che entro il 2021, con l’aumento dei prezzi e il supporto per Uber Eats, l’azienda alla fine realizzerà un profitto. Doordash, che fornisce consegna, ha registrato una perdita di $ 450 milioni da un investimento di $ 900 milioni nel 2019. Spotify, che ha già dodici compleanni alle spalle, è stato redditizio solo nell’ultimo trimestre del 2018.

L'economia della piattaforma offre nuove opportunità di reddito e svolge il ruolo di contenimento sociale nel contesto della sottoccupazione e della disoccupazione, come l'attuale situazione aggravata dalla pandemia.  Allo stesso tempo, le condizioni ibride che offre ai suoi lavoratori li rendono un approccio dirompente al mercato del lavoro.  È sempre più necessario disporre di una strategia intelligente che promuova un quadro normativo adeguato.  Foto: Fernando Calzada.
L’economia della piattaforma offre nuove opportunità di reddito e svolge il ruolo di contenimento sociale nel contesto della sottoccupazione e della disoccupazione, come l’attuale situazione aggravata dalla pandemia. Allo stesso tempo, le condizioni ibride che offre ai suoi lavoratori li rendono un approccio dirompente al mercato del lavoro. È sempre più necessario disporre di una strategia intelligente che promuova un quadro normativo adeguato. Foto: Fernando Calzada.

La risposta è che siamo stati fuorviati: nell’ultimo decennio, le piattaforme hanno faticato ad entrare nel mercato e ad ottenere la fiducia degli utenti. Il passeggero ha dovuto dimenticare di alzare il braccio in un angolo e imparare a ordinare un’auto con il cellulare, il cliente ha avuto bisogno di tempo per sapere che era possibile fare acquisti online. E cosa c’è di meglio del supporto tecnico: Uber era più economico di un taxi, Glovo offriva la spedizione gratuita e sconti nei giorni feriali. L’autista di One Beats, concorrente di Uber, ha riferito che in Argentina l’azienda paga un bonus a tutti i conducenti come incentivo, perché il prezzo dei viaggi è troppo basso per generare un margine per loro. Cioè, non abbiamo mai pagato il vero costo dei servizi della piattaforma e gli investitori stanno iniziando a perdere la pazienza. L’età d’oro del consumatore è finita?

READ  Il suo avvocato, l'ex ministro del petrolio venezuelano, ha annunciato che l'Italia non lo avrebbe estradato

Estensione del campo di battaglia

Il momento curioso che hanno vissuto le piattaforme è già stato colpito da una grande emergenza: la pandemia. L’economia è crollata, il PIL regionale si è contratto del 7,1% e il tasso di disoccupazione in America Latina è stato del 10,5% (ECLAC-ILO).

Parallelamente, la quarantena e la cura per prevenire la diffusione del COVID-19 hanno modificato le nostre abitudini di consumo. Più tempo a casa, più ordini a domicilio, più acquisti online e meno viaggi. Secondo il rapportoconsegna Nell’epidemia dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), nel 2020, la rivoluzione digitale ha “accelerato” e le numerose trasformazioni che il mercato del lavoro in Argentina ha già vissuto negli ultimi anni, in particolare la crescita di piattaforme e nuove forme di lavoro associate a questo fenomeno.

Le ragioni per fare i regolamenti non sono solo per prendersi cura dei lavoratori, ma anche per raccogliere l'afflusso che finora è scivolato nelle mani dell'erario.  Foto: Fernando Calzada.
Le ragioni per fare i regolamenti non sono solo per prendersi cura dei lavoratori, ma anche per raccogliere l’afflusso che finora è scivolato nelle mani dell’erario. Foto: Fernando Calzada.

Da un lato, il rapporto rileva che la perdita dei posti di lavoro formali e la mancanza di opportunità hanno fatto sì che le masse dei nuovi disoccupati guardassero il lavoro sulle piattaforme con occhi diversi, soprattutto “a causa dei pochi ostacoli all’adesione a questa attività”. . Ma, d’altro canto, mette in evidenza anche il pericolo di contrarre il virus e di aggravare la situazione precaria dovuta alla mancanza di copertura medica, al basso reddito e alla mancanza di comfort.

“L’economia di piattaforma offre nuove opportunità di reddito e svolge un ruolo di contenimento sociale in contesti di sottoccupazione e disoccupazione come quello attuale, aggravato dall’arrivo della pandemia. Allo stesso tempo, le condizioni ibride che prevede per i suoi lavoratori lo rendono un approccio dirompente al mercato del lavoro Avere una strategia intelligente rafforza il quadro Una regolamentazione adeguata è sempre più essenziale. evidenziato Pia Garavalia, membro del CIPPEC Cities Program durante l’evento di lancio digitale di Fairwork Argentina, un’iniziativa che valuta e classifica le piattaforme di lavoro digitali.

L’informalità di questo tipo di lavoro rende difficile costruire statistiche. Per questo motivo, sia l’ILO che il CIPPEC hanno condotto indagini sui lavoratori delle piattaforme in Argentina. I sondaggi ILO indicano che, rispetto a dicembre 2019, le consegne a domicilio a dicembre 2020 sono aumentate del 15%, e quindi i tempi di attesa tra le domande sono diminuiti. In altre parole, i tempi morti tra i voli sono diminuiti, portando i lavoratori, per lo più uomini e immigrati, a ridurre di un’ora l’orario di lavoro. Tuttavia, nonostante le buone notizie, il numero medio di ore lavorate a settimana è ancora elevato.

READ  Becas para posgrados en Colfuturo e Maestrías gratis in Italia: como aplicar

Cosa si può fare regolarmente

Di fronte all’aumento della domanda e del turnover del lavoro nel business delle piattaforme, che nonostante le elevate entrate produce ancora “cadere fuori mappa”, la mancanza di una regolamentazione statale è evidente. Garavaglia ha sottolineato che “nuovi modelli di business e rapidi progressi negli sviluppi tecnologici generano domande complesse per i responsabili politici a tutti i livelli di governo e sfidano il quadro esistente”..

La domanda, allora, è: come si stabiliscono le regole per un tipo di lavoro con dinamiche diverse da quelle tradizionali? Le ragioni per farlo risiedono non solo nel benessere dei lavoratori, ma anche nella raccolta dell’afflusso che finora è sfuggito dalle mani dell’erario: del resto, mantenere un modello economico per l’indennità di disoccupazione per chi lavora sulle piattaforme è meno sostenibile rispetto alla tassazione di quelle stesse piattaforme, anche se ciò comporta un costo maggiore per gli utenti.

Nel Regno Unito, la regolamentazione non è un sogno lontano. Nel maggio di quest’anno, dopo un lungo stallo che non ha escluso decisioni giudiziarie o timori, Uber è stata costretta ad avviare un percorso di premi per i suoi dipendenti: ha promesso ferie pagate, integrazione in un sistema pensionistico e congedo di paternità.

A giugno, il Gruppo dei Sette nazioni industrializzate – composto da Stati Uniti, Germania, Francia, Giappone, Italia, Canada e Regno Unito – ha raggiunto un accordo per il pagamento delle tasse da parte delle grandi società del 15%. nei paesi in cui opera. Fino ad ora, aziende come Facebook e Amazon hanno pagato solo nel paese in cui avevano sede, che, per motivi di costo, di solito è l’Irlanda.

Pronostici riservati

Quindi stiamo assistendo a un nuovo scenario. In America Latina le normative non sono arrivate, ma visto il numero di neo disoccupati o sottoccupati che si sono rivolti alle piattaforme, non sembrano essere troppo lontani.

Allo stesso tempo, l’era del sostegno finanziario sta volgendo al termine e gli utenti dovranno assumere il vero valore dei servizi che ordiniamo tramite un telefono cellulare. Dove questa combinazione potrebbe portarci è qualcosa che nemmeno gli algoritmi più complessi possono prevedere.

*Questa nota è stata prodotta e scritta da un membro del team di scrittura di DIFESA

Continuare a leggere:

Reddito universale, tassa sui robot e crisi economica: qual è il futuro del mondo del lavoro?
Video: quali sono i problemi ambientali ed energetici alla base di Bitcoin?