Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il G7 informa l’Iran sull’attacco mortale alla petroliera; Gli Stati Uniti rilasciano “prove”

La petroliera israeliana M/T Mercer Street è attraccata al largo di Fujairah negli Emirati Arabi Uniti, pochi giorni dopo essere stata colpita da un drone, uccidendo due persone a bordo. afp_tickers

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2021 – 22:51

(AFP)

Il gruppo dei sette ministri degli esteri venerdì ha accusato l’Iran di un attacco mortale a una petroliera il 29 luglio, mentre l’esercito americano ha rivelato i dettagli del drone esplosivo utilizzato e ha confermato che è stato fabbricato in quel paese.

Nel frattempo, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha deciso di discutere l’attacco al largo delle coste dell’Oman lunedì mentre la pressione cresceva su Teheran.

“Tutte le prove disponibili puntano chiaramente all’Iran”, hanno affermato i ministri del G7 in una dichiarazione congiunta, denunciando “l’attacco deliberato e mirato” senza “alcuna giustificazione”.

Il 29 luglio, la petroliera “MT Mercer Street” gestita da una società di proprietà di un miliardario israeliano è stata attaccata al largo delle coste dell’Oman, uccidendo una guardia di sicurezza britannica e un membro del Consiglio di sicurezza. Equipaggio rumeno.

L’Iran ha categoricamente negato qualsiasi collegamento con l’attacco, avvenuto in un momento di crescenti tensioni nella regione e i colloqui per riattivare un accordo del 2015 sul programma nucleare iraniano vacillano.

Secondo Teheran si tratta di “accuse infondate” e ha avvertito che la Repubblica islamica non esiterebbe a “difendersi”.

I ministri del G7 hanno affermato che “le navi devono poter navigare liberamente in conformità con il diritto internazionale” e si sono impegnati “a fare tutto ciò che è in loro potere per proteggere tutti i trasporti marittimi da cui dipende l’economia globale”.

I sette ministri (Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Canada e Giappone) hanno affermato che “il comportamento e il sostegno dell’Iran alle forze di soccorso e agli attori armati non statali minacciano la pace e la sicurezza internazionali”. Diplomazia dell’Unione Europea, Josep Borrell.

L’ambasciatore britannico Barbara Woodward ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti e l’Europa, membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, hanno ripetuto le stesse accuse durante un incontro a porte chiuse a New York.

“Il Regno Unito ha informato il consiglio delle prove che abbiamo”, ha detto. “Questa prova è indiscutibile: il Regno Unito sa che l’Iran è responsabile di questo attacco”, ha detto.

Ha aggiunto: “La porta per la diplomazia e il dialogo è ancora aperta, ma se l’Iran decide di non seguire questa strada, lo riterremo responsabile e gliene faremo pagare le conseguenze”.

Lunedì mattina è previsto un incontro con il Consiglio di sicurezza per discutere di “sicurezza marittima” dopo l’attacco.

– Prodotto in Iran –

Nel frattempo, il Comando centrale degli Stati Uniti (CentCom), che opera in Medio Oriente, ha pubblicato i risultati della sua indagine preliminare e ha affermato che i resti del drone indicano che è stato realizzato in Iran.

Il Comitato centrale ha affermato che tre droni carichi di esplosivo sono stati lanciati durante l’attacco, ma i primi due non sono riusciti a colpire la nave e sono caduti in mare.

Gli inquirenti hanno recuperato i resti di uno di loro.

Il terzo drone colpì la nave, esplodendo e lasciando un buco di sei piedi nel tetto del ponte.

Il comitato centrale ha affermato che il drone era caricato con esplosivi RDX e che i pezzi trovati erano “praticamente identici ai campioni precedentemente raccolti da droni d’attacco iraniani” o veicoli aerei senza equipaggio.

Ha aggiunto che “gli esperti americani hanno concluso, sulla base dei test, che questo drone è stato prodotto in Iran”.

Il comando centrale degli Stati Uniti non ha detto da dove sono stati lanciati i droni, ma ha affermato: “La distanza dalla costa iraniana ai siti di attacco era all’interno della gamma documentata dei droni d’attacco iraniani”.

Mercer Street è una petroliera gestita da Zodiac Maritime e controllata da Israele.

Il Pentagono ha affermato che il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin ha parlato venerdì dell’incidente con il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz.

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (Pentagono) ha dichiarato in una dichiarazione che le due parti “hanno espresso preoccupazione per la diffusione e l’uso da parte dell’Iran di veicoli di attacco aereo senza equipaggio in tutta la regione e si sono impegnate a continuare a cooperare strettamente sulla sicurezza regionale”.

Per anni Israele e Iran si sono scontrati direttamente o indirettamente in Libano, Siria, Iraq e nella Striscia di Gaza. Ma negli ultimi mesi la rivalità ha preso il largo con una misteriosa serie di sabotaggi e attentati.

READ  Tesla sta frenando i Bitcoin perché sono troppo inquinati