Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il paese/presidente cinese cerca di rilanciare l’economia, ma i controlli anti-COVID riducono le opzioni

Il presidente Xi Jinping si è impegnato a sostenere i settori della tecnologia, delle infrastrutture e del lavoro per rilanciare l’economia cinese, ma gli analisti avvertono che la crescita continuerà a rallentare fino a quando Pechino non abbandonerà i suoi severi controlli anti-COVID.

Due anni e mezzo dopo lo scoppio del Corona virus a Wuhan, la Cina è diventata l’ultima grande economia a rimanere chiusa al mondo, nonostante il numero relativamente basso di morti. I blocchi in dozzine di città hanno devastato le catene di approvvigionamento, mettendo fuori mercato le piccole imprese e intrappolando i consumatori nelle loro case.

Ciò mette a rischio l’obiettivo di crescita del 5,5% fissato da Pechino. “Rimaniamo molto preoccupati per la crescita”, hanno affermato questa settimana gli analisti di Nomura Bank. “La variabile omcron e la strategia zero-COVID sono i principali ostacoli alla crescita”. Tuttavia, giovedì, i leader comunisti cinesi hanno ribadito che il Paese aderirà “fermamente” alla strategia di eliminazione del nuovo coronavirus. “La perseveranza porterà alla vittoria”, ha detto Xi.

Leggi tutto: Epatite acuta nei bambini: più di 300 casi in tutto il mondo

Per allentare la pressione sull’economia, Pechino ha offerto una pausa al settore tecnologico, ha evitato ulteriori restrizioni e ha annunciato un pacchetto di investimenti infrastrutturali. Ma gli analisti affermano che i miglioramenti potrebbero essere temporanei fintanto che la priorità del governo rimane quella di frenare il virus a tutti i costi.

“(Le azioni) sono molto gradite… ma quanti altri ponti e quanti stadi aggiuntivi ci aiuteranno a creare un ambiente per la crescita prevista?” Il capo della Camera di commercio dell’Unione europea in Cina, Jörg Wötke, ha detto ai giornalisti giovedì.

READ  La Banca d'Italia sollecita una riduzione del debito pubblico anche se sostenibile

Gli analisti sono in attesa di conoscere i dettagli delle promesse di sostegno annunciate dal governo. Ma Pechino “non ha molto margine di manovra”, stima Dan Wang, economista della Hing Seng Bank, una delle istituzioni finanziarie più importanti di Hong Kong.

La Cina ha sviluppato le sue infrastrutture in modo significativo negli ultimi decenni, soprattutto alla fine degli anni 2000, quando ha dovuto rilanciare un’economia indebolita dalla crisi finanziaria globale. Il Paese ha investito 4 trilioni di yuan (attualmente 573 miliardi di euro) in progetti a volte inutili che ne hanno aumentato il debito. Questo è qualcosa che il governo dovrebbe evitare questa volta, afferma l’analista di ANZ Bank Zhaopeng Xing.

Potrebbe interessarti: Sospetti arrestati in un attacco con l’ascia in una città israeliana

Pechino ha anche affermato che aiuterebbe le piccole e medie imprese, gli imprenditori e i loro principali datori di lavoro con misure fiscali e tagli alle tasse. Il governo sta inoltre studiando la possibilità di sostenere i lavoratori migranti disoccupati, particolarmente vulnerabili. Ma Nomura avverte che queste misure potrebbero non avere l’effetto sperato a causa di vincoli che ostacolano la logistica, i movimenti di popolazione e le attività “in modo significativo”.

E secondo Nomura, i test diffusi per COVID-19, che vengono eseguiti in alcune città ogni 48 ore, sono una falsa buona idea. Gli economisti della banca affermano che la strategia di rilevare i casi positivi il più rapidamente possibile per evitare il confinamento è “troppo costosa” e non impedirà al virus di continuare a diffondersi. “Soprattutto perché i blocchi stanno sconvolgendo le dinamiche economiche in modo permanente”, afferma Ernan Cui, analista di Gavekal Dragonomics.

READ  Mercato della lana intrecciato a causa della mancanza di domanda | Economia

Fonte: AFP.