Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un esame del sangue può prevedere il peggioramento della sclerosi multipla

Un esame del sangue può prevedere il peggioramento della sclerosi multipla

i punti principali

La progressione della sclerosi multipla è particolarmente difficile da prevedere, poiché varia notevolmente da paziente a paziente. Il nuovo esame del sangue utilizza un biomarcatore nelle cellule nervose per prevedere con precisione la progressione della malattia nei prossimi due anni. Se il test fosse valido, potrebbe aiutare i pazienti e i loro medici. I ricercatori hanno detto che il piano di trattamento ottimale.

LUNEDI, 13 novembre 2023 (HealthDay News) — Un problema che rende difficile la cura delle persone affette da sclerosi multipla (SM) è la valutazione della rapidità con cui la malattia neurologica può progredire. Ora, un team dell’Università della California, San Francisco (UCSF) afferma di aver trovato un test che potrebbe aiutare a fare proprio questo: gli esami del sangue hanno mostrato livelli elevati di NfL, un “biomarcatore” che indica danni ai nervi e sembra predire con elevata precisione il peggioramento dei sintomi della SM nei prossimi due anni. I ricercatori hanno scoperto che questo potrebbe aiutare i pazienti e i loro medici a pianificare il trattamento, ha affermato un team guidato dal dottor Ahmed Abdelhak, del Dipartimento di Neurologia dell’Università della California, San Francisco e del Weill Neuroscience Institute, “Questo aumento di NfL è in aumento a due anni”. Abdel Haq ha spiegato in un comunicato stampa diffuso dall’Università della California, San Francisco: “Prima che compaiano segni di peggioramento della disabilità, questa rappresenta la finestra in cui gli interventi possono prevenirne il peggioramento”. Il livello di disabilità di un paziente con SM viene solitamente misurato con la cosiddetta scala estesa dello stato di disabilità. Nello studio, il gruppo di Abdelhak ha utilizzato la scala per monitorare la rapidità con cui i sintomi si sono sviluppati tra gli individui in un gruppo di quasi 1.900 pazienti affetti da SM. I pazienti sono stati seguiti per circa 10 anni e i risultati hanno evidenziato l’imprevedibilità della progressione della SM. Nel gruppo, 570 pazienti hanno mostrato un peggioramento prolungato dei sintomi, mentre la malattia è rimasta relativamente stabile per un periodo di 10 anni. Gli esami del sangue mirati alla NfL sembrano prevedere chi svilupperà o meno la malattia. È stato associato a un aumento del rischio di infezione fino al 91%. “Il rischio di peggioramento della disabilità, con recidiva dopo circa un anno, e un aumento fino al 49% del rischio di peggioramento della disabilità senza recidiva dopo circa due anni”, hanno detto i ricercatori. Lo studio è stato pubblicato il 6 novembre sulla rivista JAMA Neurology. “Ciò è coerente con il riconoscimento che la morte neuronale è un processo lento che porta alla disabilità permanente e significa che gli interventi per proteggere i neuroni potrebbero avere abbastanza tempo per fermare anche la disabilità”, ha affermato il dottor Ari Green, ricercatore principale dello studio e Harvard University. Direttore Sanitario. . Centro UCSF per la sclerosi multipla e la neuroinfiammazione Ulteriori informazioni Ulteriori informazioni sulla SM dalla National MS Society Fonte: comunicato stampa UCSF, 6 novembre 2023.

READ  Il ministro della Salute italiano è accusato di falsificazione di studi scientifici Scienze