Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un attacco kamikaze alla Banca centrale europea e alle banche sarà costoso

I libri di storia ricorderanno la sessione del 12 maggio 2010 alla Camera dei Rappresentanti. L’ex primo ministro, Jose Luis Rodriguez Zapatero, è apparso in sala con il capo chino e una spoletta bianca sotto il braccio. Nei minuti successivi annuncerà nove misure “fondamentali e giuste”, che rappresentano uno degli aggiustamenti economici più dolorosi e impopolari della democrazia.

Il discorso è stato preceduto da sette giorni di infarto, quando gli speculatori finanziari hanno attaccato il premio per il rischio della Spagna, che era balzato di oltre seicento punti e aveva portato il rendimento del titolo a 10 anni a oltre il sette per cento. La Spagna era sull’orlo di una politica sciocca, determinata a vedere i germogli verdi, dove c’era un buco nero, che ha portato il deficit pubblico dal 3 all’11% e il debito da poco più di un terzo del PIL a cento. per cento. Pochi mesi dopo ha perso le elezioni.

Gli italiani non dimenticheranno nemmeno il 12 novembre 2011, poco più di un anno dopo. Pochi minuti prima delle dieci di sera, dopo una giornata interminabile e la sua stretta presa sul potere, il magnate delle telecomunicazioni Silvio Berlusconi ha presentato le sue dimissioni dalla carica di Presidente del Consiglio al Presidente della Repubblica. Aveva perso un voto chiave per le sue proposte economiche ed è stato incriminato in cinque procedimenti legali.

Sia Zapatero che Berlusconi sono stati precedentemente giudicati da Bruxelles e dai mercati. La Banca centrale europea (BCE) è stata profilata quando i premi per il rischio sono aumentati drasticamente e il costo del finanziamento ha fatto precipitare i consumatori.

Sia la Spagna che l’Italia si trovano ora in una posizione migliore e la loro politica economica è più saggia, sebbene ancora vulnerabile. Il premio per il rischio è quasi raddoppiato e il costo del finanziamento è quasi triplicato perché siamo partiti da zero.

I debiti di entrambi i paesi sono stati attaccati in primavera, poco dopo che Putin ha dichiarato guerra all’Ucraina. La fondazione guidata da Christine Lagarde è venuta in soccorso, facendo eco alle parole di Draghi nel luglio 2012: “Farò tutto il necessario per preservare l’euro”.

READ  La verità dietro l'offerta di case a 1 euro per ripopolare i centri rurali d'Italia

Ben presto il board dell’istituto monetario ha approvato uno strumento per aiutare un Paese senza essere soggetto a precondizioni, come accaduto con la Grecia, il cosiddetto Transfer Protection Instrument (TPI)

Tuttavia, il Temporary Protection Index desta molti sospetti tra gli analisti, perché non ha ancora definito le regole specifiche di cui l’organismo terrà conto per decidere se un Paese è idoneo all’assistenza; Insomma, se la Banca Centrale Europea fosse venuta in suo soccorso. Il meccanismo richiede solo “politiche macroeconomiche ed economiche sane e sostenibili” e che lo Stato membro “non sia soggetto a misure di disavanzo eccessivo” o che abbia “implementato misure efficaci in risposta a una raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea. “

Fonti vicine alla BCE affermano che l’allentamento dei termini è concepito per lasciare ampio margine al consiglio dell’ente per decidere cosa fare in ogni momento.

Nella sua dichiarazione, la BCE chiarisce che il TPI mira a facilitare “la corretta trasmissione della politica monetaria (,,,), che consentirà al Consiglio direttivo di adempiere in modo più efficace al suo mandato di mantenere la stabilità dei prezzi”.

Sorprendentemente, due delle principali colpe che la Banca Centrale di Spagna ha attribuito all’imposta straordinaria sulle banche indicano il fatto che impedisce la trasmissione della politica monetaria e mette a repentaglio la stabilità finanziaria e dei prezzi.

La Banca Centrale Europea detiene un terzo del debito spagnolo, che supera i 1,5 trilioni (117% del PIL) ed è raddoppiato dal 2008. In Italia, il suo Primo Ministro, Georgia Meloni, si è adoperato sin dalla sua nomina per mostrare il suo rispetto per la finanza regolamenti della zona euro per evitare di scuotere i mercati, dopo che ha risposto con il crollo della moneta unica.

Il presidente spagnolo Pedro Sanchez si è inviato contro la Bce accusando il suo vicepresidente, l’ex ministro spagnolo Luis de Guindos, nonostante il rapporto dell’istituto sia stato approvato all’unanimità dai suoi consiglieri e porti la firma di Lagarde.

READ  Le rimesse battono il record per il 2020, quanto sono rilevanti questi numeri?

Ancora peggio sono state le parole del ministro della Previdenza sociale, Jose Luis Escriva, che ha descritto il rapporto come “taglia e incolla di altri tempi e in contesti diversi”. Escriva si riferiva probabilmente a due sentenze emesse nel 2109 contro Slovacchia e Lituania per aver imposto dazi al settore finanziario.

La cosa più saggia è stata la prima vicepresidente, Nadia Calvino, che ha lasciato la porta aperta dopo essersi ricordata che il documento non era vincolante, per apportare miglioramenti al disegno di legge, che è in corso di elaborazione al Congresso.

La Banca Centrale Europea sta attaccando in modo aggressivo la tassa spagnola per altri due motivi: perché limiterà la concessione di credito, che potrebbe danneggiare la solvibilità degli enti e rallentare l’economia, e perché vede impossibile non trasferire il prezzo al cliente.

L’istituto si rammarica indirettamente della negligenza della Banca di Spagna, poiché il monitoraggio della sua applicazione è affidato alla Commissione nazionale per la concorrenza (CNMC), che ha già avvertito di non avere né i mezzi né l’autorità per controllarla. Tutto fa pensare a una decisione politica di rimuovere dall’operazione il governatore della Banca di Spagna, Pablo Hernandez de Cos, voce indipendente e inquietante nella politica ufficiale.

Entro la fine dell’anno, la Banca Centrale Europea discuterà di un possibile aumento del tasso di mezzo punto insieme a un altro aspetto importante: la riduzione degli acquisti di debito sovrano. La società raccoglie circa 4,2 trilioni di dollari sul suo bilancio e ora deve accettare il ritmo di riduzione di queste acquisizioni, il che potrebbe nuovamente spremere il premio per il rischio.

Il capo della Bundesbank, Joachim Nagel, è stato menzionato nella sua recente visita in Spagna per intravedere il governatore quando ha consegnato il Premio Ishigaray dell’Economista, menzionato a gennaio come data in cui le emissioni di debito non saranno più acquistate.

Nella direzione generale del tesoro, la data ha sorpreso perché non era prevista fino alla fine del 2023 o all’inizio del 2024. Lo stesso governatore raccomanda “prudenza” in questo tipo di decisione.

READ  Scambio internazionale di informazioni a fini fiscali

La preoccupazione è notevole. Il Tesoro prevede di erogare 31,275 milioni di dollari di debiti il ​​prossimo anno, con un aumento del 3,6%, secondo i bilanci pubblici. Qualsiasi mossa porterebbe ad accuse e metterebbe in difficoltà lo Stato, in un momento in cui il pacchetto di aiuti per la crisi energetica alle famiglie è in dubbio. Gli esperti di Funcas calcolano tra i 6000 e gli 8000 milioni di costi in cinque anni da ogni punto in cui le tariffe aumentano.

Bruxelles ha appena annunciato che ogni Paese potrà negoziare regole flessibili e convenienti per tornare a un percorso di deficit del 3% e debito pari al 60% del PIL entro quattro anni, estendibile fino a sette anni.

Il rispetto di questo programma costringerà il governo a mettere in atto un piano necessario per controllare la spesa e ridurre il debito, replicando così questi obiettivi. L’Autorità indipendente per le finanze pubbliche (AIReF) avverte inoltre che la principale riduzione del rapporto debito/PIL deriva dalla crescita nominale dell’economia dovuta all’inflazione.

Dopo il lungo periodo dovuto alla pandemia, Calvino dovrà stringere la cinghia sotto gli occhi dei mercati e della Banca Centrale Europea. Aumentare le tasse alle banche danneggerebbe l’intera economia, ma chiedere loro di non trasferirle al cliente è semplicemente futile e contro le sue regole perché deteriora i bilanci e aggrava l’inflazione, avverte la Banca centrale europea.

La politica di attacco all’istituto finanziario da parte del governo spagnolo è suicida in un momento in cui Calvino deve prepararsi a raddoppiare il tasso di riduzione del debito nei bilanci con il declino dell’economia. Come abbiamo visto, la Banca Centrale Europea ha un’ampia discrezionalità per scegliere quale Paese aiutare se tensioni e costi sfuggono di mano. Siamo nelle mani di Lagarde.