Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tutta l’amicizia si adatta a un vaccino (+ foto)

Capo dell’Agenzia della Nazione Europea per gli Scambi Culturali ed Economici con Cuba, Kurto rappresenta e fa parte di un gruppo di 35 persone del suo paese, di età compresa tra 19 e 59 anni, che stanno partecipando alla sperimentazione clinica Soberana Plus Torino, progettata per valutare l’immunità nel convalescenza di Covid-19 e persone senza Hanno una storia della malattia, ma sono state immunizzate con altri prodotti.

Cuba si prepara al processo Soprana Plus Torino agli italiani in ascesa

Parlando con Prensa Latina della decisione di inserirsi volontariamente nello studio, ha evidenziato la fiducia nella scienza sviluppata nel Paese caraibico e la possibilità di ottenere vaccini proteici come Soberana Plus prodotti in Italia.

“Sono un padre, mando ogni mattina a scuola mio figlio in Italia senza vaccinazione, e qui a Cuba ho un bambino più piccolo che va a scuola con le sue tre dosi – Soberana 02 (2) e Soberana Plus (1) – somministrate . Come non ammirare la scienza di un tale Paese che è in grado di progettare un vaccino per i suoi figli, è un’ottima cosa”, ha sottolineato.

Curtis ha anche notato che il suo paese, come molti altri paesi dell’Unione Europea, ha introdotto diversi vaccini negli ultimi mesi, alcuni dei quali adenovirus e altri mRNA; Sfortunatamente, non ha potuto contare su proteine ​​sicure e poco costose che possono essere prodotte nella nostra nazione.

“In Italia non ci sono impianti di vaccini mRNA, come quelli prodotti da Pfizer o Moderna, bisogna importarli, mentre ci sono 10-12 impianti in cui la proteina può svilupparsi. Bisogna essere chiari sull’enorme potenziale dei vaccini cubani, che oggi sono la più offerta di questo tipo al mondo”, ha detto.

READ  Intersezioni tra salute e medici secondo il diritto delle professioni sanitarie

Ha deplorato la continua esistenza di sistemi di resistenza e di tutela del mercato, “perché nel mondo la scienza si dice tante volte ma non agisce secondo i suoi progressi”, ma tutti gli attori e decisori con cui ho potuto incontrare nel tempo dell’epidemia ha espresso grande interesse per il lavoro degli scienziati cubani”.

Ha osservato che a Torino è iniziata una forte relazione con la scienza e la medicina cubane dopo che un team di medici ha frequentato quella regione nel mezzo della più grande epidemia di Covid-19 nel paese.

“Dall’Ospedale Amadeo di Savoia di Torino stiamo costruendo un’ottima amicizia e collaborazione con il Finlay Vaccine Institute (IFV), responsabile dell’intera linea sovrana di immunoglobuline anti-Covid-19. Innanzitutto, sieri di volontari cubani vaccinati con I Soberana Plus sono stati inviati a quell’istituto ed è qui che è nata l’idea per questo esperimento “, ha spiegato Kurto.

Il direttore dell’IFV Vicente Ferez ha detto a Prensa Latina che le tre istituzioni coinvolte nell’indagine (Finlay, l’ospedale Amadeo de Savoia e il Centro di salute globale La Pradera nella capitale cubana) avevano grandi aspettative che “tutto andrà bene durante questa prova”.

“Siamo molto entusiasti di condurre questo studio clinico con volontari italiani che vengono a Cuba sulla base di un amore nato nel momento più difficile dell’epidemia”, ha dichiarato.

Ferrez ha spiegato che ci sono prove che i vaccini usati da Pfizer, Johnson & Johnson e altri generino immunità, ma con due problemi: il primo non è molto lungo e dopo sei mesi un tratto più complesso inizia a declinare con una nuova emergenza. Varianti virali.

“Quindi la combinazione di un’immunità ridotta a causa di nuove variabili e tempo, rende necessaria la promozione di una dose di richiamo in tutto il mondo; e per questo ci affidiamo a Soberana Plus, che è un ottimo vaccino”.

READ  La Food and Drug Administration (FDA) statunitense approva i farmaci che aiutano a perdere il 15% di peso

Ha aggiunto che l’agente immunitario è già stato testato negli studi clinici di fase 3 di Soberana 02 come terza dose e ora viene utilizzato come booster nello schema con questo prodotto, con Abdala, anch’esso prodotto nel paese e con il vaccino cinese Sinopharm , e gli studi sono ancora in via di sviluppo.

“In tutti i casi, questi gruppi hanno prodotto ottimi risultati. Ha sottolineato che stiamo parlando di aumentare l’immunità degli individui più di cinque volte.

Prima di entrare nelle stanze delle vaccinazioni con i volontari, l’agenzia ha parlato con un’altra componente del gruppo, Lucilla Chiesa, che è stata interprete per la brigata medica cubana Henry Reeve a Torino ed ha espresso fiducia nei vaccini delle Antille.

“Se sono qui è perché nel mio primo contatto con l’idea di salute cubana in quei primi giorni dell’epidemia, ho visto come disinteressatamente aiutavano la nostra gente, ho visto la loro professionalità e severità, e da quel momento in poi Mi fido completamente di Cuba, dei suoi medici e delle sue scienze».

memoria / alp / cdg