Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ricercatore sull’ultravioletto – Universo – Sistema di notizie sull’ultravioletto

  • Pedro Duarte, dell’Istituto di Neuroscienze, ha commentato che l’Antropofonia ha implicazioni per la sopravvivenza e la riproduzione della fauna selvatica, principalmente
  • Ha affermato che il Messico è a un livello medio in termini di generazione di rumore antropogenico

Pedro Duarte parla dell’effetto del rumore umano sui primati

Paula Cortes Perez

Foto: Omar Portela Palacios

12/11/2022, Xalapa, Ver.- Attualmente viviamo in un mondo antropofono che colpisce la fauna selvatica, avverte Pedro Amerigo Duarte Dias, addetto alla ricerca presso l’Istituto di neuroscienze dell’Università di Veracruzana (UV).

Lo studente universitario ha partecipato alla quarta sessione del secondo periodo del programma “Scienza del pomeriggio” promosso dalla Direzione Generale della Ricerca di questo Ateneo, con un intervento “La vita sul pianeta antropofonico”.

È iniziato con una breve spiegazione di concetti come suono, scene acustiche e antropofono. Il rumore, considerato un suono fastidioso per il ricevitore, può essere un fattore che colpisce fisiologicamente le persone che lo ricevono.

L’insieme dei suoni che compongono l’ambiente acustico è chiamato scena acustica e comprende due tipi principali di suoni: la geofonia (riferita a quelli prodotti da elementi fisici, come l’acqua, il vento o il tuono) e la biofonia (quelli generati dagli esseri viventi , come i versi degli animali).

“Attualmente, gli spazi acustici del pianeta contengono un ulteriore strato di suono prodotto dalle attività umane, chiamato antropofono, che è una delle tante dimensioni delle influenze umane”.

Ha avvertito che il rumore antropogenico colpisce la fauna selvatica e ha principalmente implicazioni per la sopravvivenza e la riproduzione, sebbene non siano universalmente applicabili.

Questa impronta è eterogenea, ci sono regioni e paesi con maggiore densità, tra cui: Ucraina, Turchia, Italia, Brasile, Israele, Taiwan, India, Emirati Arabi Uniti. Il Messico è di livello medio in termini di generazione di rumore antropogenico.

READ  Essere un perfezionista non ti rende un leader di successo. Impedisce la produttività e il benessere

“Indipendentemente dalle differenze regionali, il rumore delle attività umane ha una presenza globale, anche nelle aree remote e negli oceani”.

Tuttavia, Pedro Amerigo Duarte ha affermato che ci sono pochi studi e pubblicazioni sull’effetto di questo su specie diverse. Ad oggi, ci sono 20 individui, solo sei dei quali si concentrano su primati a vita libera.

Il suono causato dalle attività umane colpisce la fauna selvatica

Il rumore e le scimmie ululanti

In tutto il mondo sono state identificate 520 specie (specie o sottospecie) di primati; Il 60% di loro è minacciato e nell’80% la popolazione è in declino.

Nel caso del Messico, il ricercatore ha riferito che diversi gruppi di primati vivono in aree urbane e suburbane e sono frequentemente esposti al rumore antropogenico.

Ha ribadito che c’è poca ricerca incentrata sulle risposte dei primati al rumore delle attività umane. Per questo motivo, il suo team ha sviluppato una serie di indagini nella regione di Los Tuxtlas, tra gruppi di scimmie urlatrici, considerate primati platterini.

Ha detto che si nutrono principalmente di frutti e foglie che raccolgono dalle cime degli alberi, vivono in gruppi sociali e si distinguono per la loro forte vocalizzazione.

La specie è fortemente minacciata da fattori umani, in particolare dalla perdita di habitat dovuta alla deforestazione, al degrado e alla frammentazione, nonché dalla caccia, dove le scimmie urlatrici vengono vendute come animali domestici.

Un’indagine è stata condotta a Los Tuxtlas in quattro parti del distretto, selezionando cinque gruppi e 16 maschi adulti. È durato un anno, durante il quale sono state registrate 1.753 ore di osservazione per conoscere l’effetto del rumore umano e le risposte comportamentali ad esso.

READ  Finalmente il Fitbit che ti dice che va bene non fare esercizio

“Abbiamo registrato oltre 2.000 rumori, 1,2 rumori all’ora di monitoraggio, i più comuni dei quali sono quelli associati a veicoli, amplificatori, voce umana e strumenti.

“La maggior parte delle volte le voci umane sono state registrate, le scimmie non hanno mostrato una risposta comportamentale. Mentre gli aerei passavano, hanno sempre mostrato una risposta comportamentale, ma con il rumore degli strumenti e del traffico, non c’era risposta”.

Ha spiegato che ciò è dovuto al fatto che le proprietà acustiche del rumore influenzano la probabilità che le scimmie rispondano, cioè sono i suoni intensi che suscitano risposte comportamentali.

Alla domanda sugli effetti del rumore umano sui primati, Pedro Amerigo Duarte ha affermato di aver scoperto che il costo per le scimmie urlatrici era l’energia e l’opportunità. La pubblicazione dei voti da parte dei singoli significa uno spreco di energia e si perde l’opportunità di svolgere un’attività essenziale per il proprio budget di tempo.

Pertanto, si è ritenuto necessario e urgente considerare misure per ridurre il rumore delle attività umane presenti nell’habitat di questa specie di primati.

Al termine del suo intervento, ha ringraziato un gruppo di assistenti sul campo, studenti, collaboratori e istituzioni che da anni lo supportano nello sviluppo di questo tipo di studi.

Le scimmie urlatrici hanno risposte comportamentali ai suoni umani aspri