Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Test molecolari, un passo essenziale per garantire l’accesso alla medicina di precisione

Madrid ha 13 città. (Stampa Europea) –

I test molecolari sono il “passo essenziale” per garantire l’accesso alla medicina di precisione “per tutti i pazienti europei”, ha spiegato il dott. Carlos Campes, capo del servizio di oncologia medica presso l’Ospedale Generale di Valencia, nell’ambito della conferenza di medicina, organizzata da l’Aula Roche-Università Politecnica di Valencia (UPV) Bioinformatica.

Si tratta di un incontro che mira a presentare alcune esperienze dal punto di vista della ricerca clinica che accelerano l’applicazione di questo farmaco nella cura del paziente.

Così, ha approfondito il dott. Campi nell’applicazione reale dell’oncologia clinica di precisione, in particolare nel cancro del polmone. “Il cancro del polmone è stato il tumore più avanzato ad avere segni predittivi. Questo ha ridotto il tempo per conoscere nuovi trattamenti, attraverso lo sviluppo di farmaci specifici per questi cambiamenti”.

Tutto questo, continua, “ci ha permesso di entrare in una medicina personalizzata precisa, adattamento alle caratteristiche individuali di ogni paziente, e una comprensione globale della malattia”. Come evidenziato, si è passati dal trattamento dell’organo con il cancro al trattamento dello stato molecolare della malattia.

Secondo il responsabile del servizio di oncologia medica dell’Ospedale Generale di Valencia, l’Europa sta scommettendo molto sulla diagnosi molecolare del cancro attraverso un piano europeo, che indica la necessità di creare centri molto complessi. In questi luoghi, “un buon aiuto e una buona ricerca sono combinati, e in Spagna non ce ne sono”, afferma Camps. “Ci sono studi che dimostrano che i pazienti trattati in questo tipo di centri vivono più a lungo”, aggiunge.

READ  Alexa deve ancora anticipare le esigenze dei clienti

Inoltre, ha sottolineato che attraverso la diagnosi molecolare, il decorso della malattia è stato alterato. “Per questo motivo, siamo obbligati a fare una buona diagnosi, a rispondere a tutte le domande dei pazienti su come il trattamento li colpisce o sulle caratteristiche della malattia che hanno, nonché a fornire il trattamento più appropriato”, ha sottolineato.

Identificare le donne a rischio di sviluppare il cancro al seno

Il cancro al seno, e in particolare i modelli che utilizzano algoritmi per prevedere il rischio di soffrire di questa malattia, si è concentrato sulla presentazione del presidente della Fondazione Quaes, il dott. Javier Benitez. “Il problema è che per molti anni non abbiamo saputo quali geni dovevamo identificare”, ha osservato.

La situazione è cambiata all’inizio degli anni 2000, quando il genoma umano è stato decodificato. Ha osservato che “lo 0,01% del nostro genoma è mutato. Ciò significa che abbiamo una probabilità maggiore o minore di sviluppare una malattia e di rispondere meglio o peggio al trattamento”.

Con tutte queste informazioni in mente, la Fondazione Quaes si è posta l’obiettivo di sviluppare un test per identificare le donne a rischio di cancro al seno, attraverso un algoritmo.

Questo esperto ha spiegato: “Un test non invasivo per la suscettibilità al cancro al seno consente la stratificazione della popolazione generale, la determinazione del rischio di sviluppare la malattia durante la vita di una donna e la selezione delle persone ad alto rischio per il follow-up individuale”.

Allo stesso modo, il dott. Benitez ha concluso che “la medicina predittiva sarà molto attiva nei prossimi anni, poiché ci consente di analizzare, identificare e diagnosticare tutte queste malattie complesse e malattie comuni, ma si sa poco, non solo i tumori, ma anche le malattie genetiche”. malattie come il morbo di Alzheimer o l’obesità”.

READ  Quali razze di cani sono più calme e abbaiano meno?

Dati anagrafici e informazioni nella medicina personalizzata

Per quanto riguarda i dati, un’altra presentazione è stata dedicata a “La Medicina Personalizzata nell’era Post-COVID-19”, del Dr. Joaquin Dopazzo, Direttore dell’Area Bioinformatica Clinica, Fondazione Progreso y Salud.

L’esperto ha evidenziato come, tra i suoi effetti, l’epidemia di Covid-19 abbia potenziato il sequenziamento in diverse regioni che ha permesso di scoprire “che le malattie infettive hanno anche una componente genetica che deve essere presa in considerazione all’interno di un approccio personalizzato alla medicina”.

Tutto ciò, a suo avviso, ha permesso l’avvio di un “meccanismo tecnologico che favorisce la personalizzazione dei trattamenti e non ha più regressione. Questi fattori, insieme all’accesso a enormi dati clinici, hanno aumentato la nostra capacità di rilevare. e generare conoscenza (biomarcatori ) che a sua volta migliorerà la personalizzazione della Medicina”.

Da parte sua, il dottor Alfonso Valencia, professore all’Istituto catalano di ricerca e studi avanzati (ICREA) e direttore dell’Istituto nazionale di bioinformatica (INB-ISCIII / ELIXIR), ha osservato durante il suo intervento che “lo scambio di dati medici e genomici i dati sono essenziali per il progresso della ricerca biomedica, con implicazioni per la salute.” acquisizione di informazioni in termini di quantità, varietà e qualità.

Per questo, prosegue, “è necessario implementare un sistema federale e sicuro, utilizzare l’infrastruttura esistente in genomica come base per il suo sviluppo e rendere i dati accessibili e fruibili”.