Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Taglia o non taglia il cinema in tv ‘Cultura’ Granma

Nel 1972 sono stato fortunato ad averlo visto L’ultimo tango a Parigi, La prima proiezione al cinema di quella città.

Bertolucci fu espulso un ecclesiastico, in Italia il film fu bandito e molti spagnoli, sopraffatti dalla censura franchista, desiderosi di affrontare lo scandalo del “burro” – che coinvolse Brando nudo e Maria Schneider, 20 anni in un appartamento non arredato – cercavano i confini di Tolosa per raggiungere la Francia da sud.

Circa 25 anni dopo, la televisione cubana ha fatto il suo debutto Un altro tango a Parigi Ricordo ancora la mia rabbia davanti allo schermo: “Che modo tagliente, tesoro!” È stato il minimo che ho detto.

Tuttavia, poco dopo avevo tra le mani un DVD del film e ho scoperto che la copia mostrata era la stessa, attenuata da una società commerciale americana con l’intenzione di renderla “bevibile” per il pubblico che voleva vedere, però non di molto.

La TV lo sa? Non lo affermo né lo nego, il che non toglie nulla alla responsabilità di restare informati su un mezzo, il cinema, che attira milioni. Ma all’inizio degli anni 2000 abbiamo ottenuto la versione originale di Un altro tango a Parigi Ed è apparso nel capitolo sette, e nessuno ha obiettato in televisione.

La prima in TV Brokeback Mountain (Cammina su per la montagna, Ang Lee, 2005) era una buona scala. Negli Stati Uniti infuriava la polemica perché in molti non capivano come al regista cinese fosse permesso di mettere in discussione il prestigio di un’icona nazionale. Che cosa significava offrire baci a due cowboy? Un’opera d’arte compiuta, il film si è concluso con un successo ed è stato visto da molti spettatori cubani, che hanno chiamato l’ICRT per ringraziare la sua mostra. Ma, come c’era da aspettarsi, non mancavano i rimproveri.

READ  Silla ha incontrato il ministro degli Esteri italiano e lo ha ringraziato per il suo sostegno ai negoziati con il Fondo monetario internazionale - politica

Ricordo di aver letto in quei giorni un articolo di un giornalista italiano che criticava la tv di Berlusconi per i suoi tagli Brokeback Mountain, Quando è stato mostrato per intero a Cuba.

In passato, era comune avere discussioni sulle preferenze cinematografiche: film occidentali, film romani, film sui pirati, film polizieschi, commedie, film di genere di guerra e ovviamente film d’amore, che potevano avere temi diversi, ma sono sempre sviluppati in passato . Terra del sesso opposto.

La censura, l’autocensura o la paura del rifiuto da parte del pubblico hanno reso tabù le storie tra gay e lesbiche, o qualcosa di molto marginale. Per non parlare che ci sono disposizioni, come Codice Hayes, Negli Stati Uniti, che non li ha permesso. Non importa, quindi, che la vita reale presenti situazioni in cui il desiderio e l’amore sono concentrati in persone dello stesso sesso. Portalo sullo schermo e non pensarci nemmeno! Il cinema ha ignorato questi argomenti quanto più poteva, perché inoltre le case di produzione non li trovavano né “commerciali” né “costruttivi”. Quindi, molti spettatori vennero a guardare negli anni ’50 e ’60 Il gatto su un tetto di lamiera rovente Non potevano spiegare come il personaggio interpretato da Paul Newman – Brick era il suo nome – si rifiutasse di andare a letto con sua moglie Maggie, la splendida Elizabeth Taylor. Il motivo era che quando l’eccellente commedia di Tennessee Williams è stata mostrata sullo schermo, il personaggio omosessuale di Brick è stato cancellato in un colpo solo, e un accenno occasionale al riguardo non è stato sufficiente per capire il peso della tragedia.

Il tema della “differenza”, delle “preferenze”, la libertà di scegliere le identità – una questione che esiste in tutto il mondo – è stato ampiamente ignorato nel cinema, fino a quando non sono stati ignorati vari fattori, tra cui la scienza e il lavoro delle organizzazioni e delle politiche responsabili. per impostare le cose. Al loro posto, oltre all’arte, alla cultura e alla sensibilità di tante persone, sebbene non esistessero tutti i percorsi necessari, iniziarono a spianare le vie della comprensione, della comprensione e della giustizia.

READ  Preparati per un weekend da sogno calcistico

L’omofobia, la transfobia e altre negazioni paranoiche di fatti evidenti come l’acqua, presenti in qualsiasi società e appaiono alla luce, sono ancora mascherate e scosse dall’ignoranza. Li ho incontrati negli anni in relazione a vari film “forti”, per i quali, con i miei consiglieri, abbiamo combattuto contro persone con scuola media o inferiore alla media per prendere la decisione. Le loro posizioni possono essere comprensibili se si tiene conto dei molti anni di pregiudizi e di analisi poco comprese della questione. A volte sono fautori delle migliori cause, ma quando si tratta di decidere se fare un’offerta o tagliare, fanno la strada per non rischiare (perché oltre a questo, ci sono persone che protestano), e insistono per tagliare. È in quest’area delle decisioni individuali, a volte senza consultazione, che classificano i pochi casi “forbici” che abbiamo conosciuto di recente.

Ma fortunatamente, ci sono state volte in cui dovevi “combatterla” per non censurare un bacio gay trasmesso alle 23:00. Oggi posso assicurarvi che il Consiglio internazionale per i diritti civili e politici, in quanto istituzione, non sostiene i tagli. Affatto. L’evidenza – tra gli altri film – è in tutti i film mostrati nel settimo capitolo negli ultimi anni e nell’ultimo di essi, DisobbedienzaIl 14 di questo giorno, un’intensa storia di omosessuali con il sesso. La lista sarà lunga, da tutti i film di successo gay di Xavier Dolan, a titoli pluripremiati come Carol (Cate Blanchett e Ronnie Mara) e MikhailIl film che ci ha fatto chiedere se fosse acceso o meno perché parlava di un omosessuale che ha rinchiuso un bambino di 10 anni in una stanza. La risposta al dubbio è stata fornita, come sempre, dalla straordinaria opera d’arte sviluppata per un argomento così difficile.

READ  Teflon e le "sostanze chimiche eterne": tossine nascoste nel tuo corpo | Scienza ed ecologia | DW

Il Centro internazionale per i diritti legati al commercio ha precedentemente chiarito la responsabilità individuale associata ai tagli subiti AmmoniteIl film, proiettato sabato scorso dal canale educativo, è una grande performance, ma è considerato secondario e lo si deve L’immagine di una donna in fiamme, Che è stato visto in TV l’anno scorso senza che nessuno riconoscesse pubblicamente l’integrità della sua galleria originale

Ho visto nei social network le proteste guidate dai tagli AmmoniteAnche se saluto principalmente il dibattito culturale, penso che alcune opinioni siano esagerate quando si cerca di legare la verità alla mano di un complotto istituzionale. per favore. A differenza di altre emittenti televisive nel mondo, vediamo quelle migliori e più acclamate legate a un argomento che di solito viene affrontato, su un piano di parità, nel modo più commerciale e anche grottesco.

Non perdo l’occasione di promuovere due film che verranno proiettati nelle prossime settimane al The Seventh Door: The French Tra di noiStoria sensibile di lesbiche di età superiore ai 60 anni che non sfuggono all’attrazione sessuale, e la domestica, Le scene coreane, spettacolari e rocciose sono pienamente giustificate nell’arte. Nessuno dei due verrà tagliato – non sarà necessario chiarirlo – perché i tempi sono diversi e dobbiamo continuare a difenderlo.