Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, Portogallo e Grecia stanno mettendo sottosopra l’economia dell’euro

Spagna, Portogallo e Grecia stanno mettendo sottosopra l’economia dell’euro

I paesi dell’Europa meridionale sono stati l’epicentro della crisi del debito che ha quasi distrutto l’euro tra il 2011 e il 2013. A quel tempo, Spagna, Portogallo, Grecia e Italia (anche Irlanda) erano economie in completa recessione, del tutto non competitive, con enormi partite correnti. deficit (deficit fiscale) ed elevato debito privato. Con questo approccio, questi paesi si sono guadagnati il ​​titolo non ufficiale PIGS (maiali in inglese). Oggi la situazione è un po’ diversa. Sebbene i paesi del Sud soffrano ancora di notevoli debolezze, molte debolezze delle loro economie sono state risolte. Al contrario, i paesi dell’heartland si trovano ad affrontare una situazione più complessa, almeno nel breve periodo.

IL Previsioni di crescita del FMI Altre istituzioni indicano che i paesi del Sud raggiungeranno una crescita economica maggiore rispetto a quelli del centro e del nord dell’eurozona. Sebbene questa divergenza contribuirà a ridurre il divario nel PIL pro capite, non sarà in alcun modo sufficiente a raggiungere la convergenza. Tuttavia, alcuni analisti hanno cominciato a evidenziare questo buon comportamento dei paesi stigmatizzati non molto tempo fa.

Lo indicano le previsioni del Fondo monetario internazionale Grecia, Spagna e Portogallo Cresceranno nel 2023 e nel 2024 (a tassi di circa il 2%) a un ritmo che in molti casi raddoppierà il tasso di crescita delle grandi economie dell’Europa centrale e meridionale. A volte l’economia è imprevedibile e questo è un buon esempio. Se questi paesi hanno dovuto affrontare grossi problemi tra il 2011 e il 2013, nel 2020 sembravano destinati a trasformarsi o a morire. La pandemia di Covid ha attaccato i pilastri che sostenevano le loro economie (turismo e servizi che richiedono l’interazione fisica). Oggi è l’industria (che ha fatto bene durante il Covid) a subire questo colpo, mentre il turismo, l’ospitalità o i trasporti forniscono una performance superiore.

Anche se il paragone è tutt'altro che esatto, è divertente richiamare la trama del famoso romanzo “La fattoria degli animali”, di George Orwell, in cui gli animali della fattoria si arrabbiano con il vecchio leader, un maiale che spiega loro nonostante tutte le loro idee per fare una rivoluzione, riescono a scacciare il contadino Howard Jones e creare le proprie regole. La situazione attuale, in cui i paesi del Sud crescono più di quelli del Nord, potrebbe essere utile come capitolo nel libro di storia economica del futuro: “Ribellione dei maiali”.

Sebbene la descrizione di una “ribellione dei maiali” sia altamente fantasiosa e alquanto esagerata, il fatto è che il rapporto pubblicato in ottobre dagli economisti di BCA Research Matteo Savari, Jeremy Peluso, Sebastian Rodriguez e Robert Rubes (intitolato “Pig Rebellion”) dice che i maiali avere le ali. ) evidenzia il momento migliore che queste economie stanno vivendo attualmente. Ci sono due fattori che mettono le “ali” ai maiali rispetto alla Germania o ai Paesi Bassi: da un lato, il buon andamento dell'economia dei paesi del sud grazie agli sforzi precedenti e la forza del turismo. D’altra parte, c’è un brutto momento per le economie il cui PIL dipende in gran parte dall’industria e dal gas a basso costo.

READ  Economia. - Aquila Capital acquista Soltec una quota del 51% in 421 MW del portafoglio fotovoltaico in Italia

Germania contro maiali

Matteo Savari, chief investment strategist for Europe di BCA Research e autore del report, spiega a… elEconomista.es Fa parte di questa situazione Ha a che fare con la scarsa performance della Germania Più delle prestazioni superiori dell’oceano. “Il ciclo industriale globale è stato molto debole perché la crescita cinese rimane tiepida, le scorte globali erano molto elevate e i consumatori statunitensi, dopo essersi abbuffati durante la pandemia, hanno ridotto i loro acquisti di beni. Il settore manifatturiero rappresenta una quota maggiore del valore aggiunto lordo nel Germania rispetto a qualsiasi altra economia della regione”. La Germania è quella che risente maggiormente della debolezza del ciclo industriale globale. A peggiorare le cose, la forte esposizione della Germania all’energia russa ha esacerbato i venti contrari che deve affrontare rispetto al resto dell’eurozona.

Tuttavia, BCA Research spiega che “il blocco mediterraneo ha resistito alla pandemia e alla crisi energetica e ora è in una forma sorprendentemente buona, nonostante l’aumento dei tassi di interesse”. Sebbene l'Italia sia responsabile di “mettere in ombra” il buon momento vissuto dai paesi del Sud, tutto indica che “il rischio che una nuova crisi del debito sovrano europeo esploda dalla periferia è basso”.

Va inoltre sottolineato che a beneficiarne sono anche le economie del Mezzogiorno La ripresa del turismo, la cui domanda ha guadagnato slancio dalla fine del coronavirus (non sorprende), ma sembra anche essere diventata più flessibile o rigida. Ciò significa che al momento i turisti sembrano disposti a pagare quasi qualsiasi cosa per godersi le vacanze in Spagna, Grecia, Portogallo o Italia. Tuttavia, questa tendenza potrebbe essere compromessa se i paesi esportatori netti di turismo (Germania, Regno Unito, ecc.) soffrissero di una recessione che colpisse le opportunità di lavoro e i redditi dei loro cittadini.

Per ora, il turismo rappresenta ancora più punti di forza che di debolezza, e questo è qualcosa di cui i paesi del Sud sanno come trarre vantaggio, poiché “il turismo rappresenta una quota maggiore del PIL, il che ha dimostrato di essere una grande risorsa per la loro resilienza. Inoltre, “, km È il basso costo dell'euro che rende queste destinazioni particolarmente attraenti, soprattutto per i turisti americani. La spesa di questi turisti ha contribuito alla relativa forza economica del Sud rispetto al Nord”, sottolinea nelle dichiarazioni a elEconomista.es Savari.

Lo ha chiarito la stessa Banca di Spagna Recentemente, la forza relativa della Spagna risiede nel turismo e Meno esposti alla Cina Rispetto ad altri paesi dell’area euro. Ciò che in passato rappresentava un peso per il Sud, oggi è diventato un vantaggio. Il mondo è sottosopra.

READ  Gli arrivi stranieri cresceranno dell’11% quest’anno Notizia

Portogallo, Italia, Grecia e Spagna hanno attuato riforme strutturali che ora stanno dando i loro frutti. Il gruppo formato da Portogallo, Irlanda e Grecia è passato da un deficit molto ampio delle partite correnti ad un surplus, mentre la presenza della Banca Centrale Europea come prestatore di ultima istanza garantisce che i paesi periferici possano permettersi tassi di interesse più elevati. “Inoltre, il suo settore bancario è ora più resiliente e il rischio di separarsi dall’UE o dall’euro è quasi pari a zero”, affermano gli esperti di ricerca della BCA nel rapporto intitolato “PIGS has Wings”.

“La combinazione di riforme, una certa rigidità fiscale e una politica monetaria di sostegno ha permesso alla competitività tra la periferia e il resto dell’eurozona di convergere. Gli indicatori armonizzati di competitività dell'OCSE rivelano che Portogallo e Spagna sono ora più competitivi Negli ultimi anni. In termini relativi, anche la Grecia e l’Italia hanno registrato una forte ripresa della competitività dopo la crisi del debito sovrano. Ancora più significativo è il fatto che il costo unitario del lavoro nei paesi dell’Europa centrale, e il rapporto tra salari del lavoro e produzione, hanno superato di gran lunga l’aumento del costo unitario del lavoro nei paesi periferici.

Le riforme del lavoro attuate durante gli anni peggiori della crisi del debito sovrano hanno contribuito in modo decisivo alla recente crisi. Nel caso della Spagna in particolare, è stato dimostrato che la flessibilità del mercato del lavoro (in particolare per quanto riguarda i salari) ha consentito una maggiore creazione di posti di lavoro e un aumento significativo della competitività delle imprese spagnole. Tuttavia, come rivelato Fondo monetario internazionale in un documento di lavoro Pubblicate nel 2020, queste riforme hanno anche aumentato il rischio di sperimentare la povertà lavorativa o di intraprendere un lavoro a tempo parziale involontario.

Debiti privati

Tutto ciò ha permesso a questi paesi, accusati per anni di vivere al di sopra delle proprie possibilità, di vedere scendere il loro debito privato (imprese e famiglie) al di sotto della media dell’Eurozona. Le famiglie e le imprese della periferia hanno restituito parte dei loro prestiti e ci hanno pensato due volte prima di spendere nuovamente oltre il proprio reddito, il che si riflette nel saldo delle partite correnti e nei livelli di debito privato. Secondo una ricerca della BCA, Francia, Svezia e Svizzera sono attualmente i principali candidati ad una crisi del debito privato in Europa.

Il saldo delle partite correnti mostra un saldo positivo

Tutto ciò si riflette anche sui costi di classificazione e di finanziamento. Venerdì, le agenzie di rating hanno mantenuto stabile il rating sovrano dell'Italia a BBB (paura outlook negativo), mentre la Grecia ha ricevuto un upgrade del debito sovrano a investment grade. L’Italia resta il campione delle preoccupazioni dei mercati sull’andamento delle finanze pubbliche. Sebbene il piano di bilancio per il 2024 abbia sollevato alcune domande da parte dei clienti, non ha influenzato in modo significativo i costi di finanziamento italiani, sottolineano gli analisti di ING.

READ  Diversi fondi azionisti Enel, in disaccordo sulle nuove assunzioni a sole 48 ore dall'assemblea

Rubén Segura Cayuela, capo economista per l'Europa presso Bank of America (BofAML), osserva che dopo aver attraversato una profonda recessione nel 2020, la Grecia ha riacquistato i livelli di PIL pre-pandemia nel 2022. Secondo l'ultimo rapporto di Crédito y Caución, il paese manterrà la dinamica della ripresa con una crescita del PIL pari all’1,5% e all’1,4% rispettivamente nel 2023 e nel 2024, entrambi al di sopra della media dell’area euro. Questa stima si basa su diversi fattori. In primo luogo, si prevede che l’andamento dell’inflazione diminuisca gradualmente al 3,5% fino alla fine del 2023 e al 2,2% nel 2024.

Premi di rischio per i paesi periferici
Calo strutturale del premio per il rischio dei paesi periferici

Al secondo posto, Le dinamiche del mercato del lavoro greco sono fortiAnche se i salari reali hanno sofferto, scendendo del 4,7% nel 2022 a causa dell’inflazione. In terzo luogo, sebbene il saldo delle partite correnti si sia deteriorato negli ultimi due anni, ora è sulla buona strada per la ripresa a causa dei prezzi più bassi dell’energia e della ripresa del turismo, spiegano gli esperti. È vero che la Grecia e la Grecia soffrono di punti deboli, ma lo scenario attuale è tutt’altro che simile a quello del 2011.

Quanto durerà questa situazione?

Savary mostra la sua espressione relativamente ottimista e aggiunge che tutto lo indica”.Il divario di competitività è stato colmato Tra la periferia e il centro, che ha consentito al saldo delle partite correnti delle economie del Sud di passare dal grave deficit di 13 anni fa al saldo corrente. Questa correzione ha reso le economie del Sud più robuste, mentre i deficit del settore pubblico sono ormai quasi interamente finanziati dal risparmio nazionale, cioè i titoli sovrani vengono acquistati (al valore netto) dalle famiglie spagnole, portoghesi o greche, il che è simile a… È successo prima. Succede in Giappone da anni.

“Ciò significa anche che i mercati del debito nei paesi periferici sono meno vulnerabili alle crisi rispetto a prima”, afferma l’esperto, “pertanto riteniamo che la crescita europea sia ora più equilibrata di prima”.

WhatsAppTwitterTwitterLinkedInSpiccaSpicca