Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quasi il 50% in Portogallo, solo il 42% in Italia: i paesi europei con la maggiore e minore presenza di donne nel mercato del lavoro |  Economia

Quasi il 50% in Portogallo, solo il 42% in Italia: i paesi europei con la maggiore e minore presenza di donne nel mercato del lavoro | Economia

Le donne costituiscono il 51% della popolazione spagnola, ma il 46,5% della forza lavoro. Questo è solo uno dei tanti gap che le donne sperimentano nel mondo del lavoro, oltre a quello retributivo, Temporaneamente Onda Di pregiudizio. sussurrare…

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti

Le donne costituiscono il 51% della popolazione spagnola, ma il 46,5% della forza lavoro. Questo è solo uno dei tanti gap che le donne sperimentano nel mondo del lavoro, oltre a quello retributivo, Temporaneamente Onda Di pregiudizio. Loro, che costituiscono più della metà della popolazione, non raggiungono ancora il 50%. Nel confrontare queste variabili con il resto d'Europa utilizzando Dati EurostatCi sono due possibili letture: da un lato, il record spagnolo è modellato sulla media europea, mentre la Spagna rimane all’ultimo posto in molti altri dati del mercato del lavoro; L’altro motivo è che è ancora molto indietro rispetto ai paesi più sviluppati, che sono quasi alla parità. Ci sono 20 paesi europei che hanno dati migliori della Spagna.

Il paese con la più alta percentuale di donne nel mercato del lavoro è la Lettonia, con il 50,5%. È l’unico paese del continente in cui le donne costituiscono più della metà della forza lavoro. Questo fatto ha molto a che fare con il fatto che è anche il Paese con il maggior numero di donne: il 53,7%. È molto vicino al 50% anche in Lituania (49,8%) e Portogallo (49,8%). Fa eccezione tra le prime posizioni della classifica un altro Paese iberico, dominato dai Paesi del Nord Europa, che si caratterizzano per un peso maggiore delle attività ad alto valore aggiunto. Tra questi paesi figura anche la Francia, al 48,9%.

READ  L'Organizzazione Mondiale del Turismo e l'Italia si preparano al Vertice Mondiale della Gioventù sul Turismo

All’altra estremità della scala, dove c’è il divario maggiore tra lavoratori e lavoratori, c’è l’Italia. In questo paese, le donne rappresentano solo il 42,4% della forza lavoro nazionale, la stessa percentuale di Malta. Seguono anche Romania e Grecia, con il 42,8%. Sebbene la Spagna rientri nella media europea, con il 46,5%, ci sono 20 paesi con dati migliori. Offre solo numeri migliori di altri 10.

Un altro modo per analizzare questi dati è tenere conto della differenza in termini di popolazione femminile, che lascia dati leggermente diversi. Quindi i dati risentono meno del peso maggiore o minore delle donne censite. In questo modo, invece che in Lettonia, i dati migliori sarebbero quelli della Finlandia, dove risiede il 50,5% delle donne e di cui il 49% nel mercato del lavoro, con una differenza solo dell'1,5%. I paesi scandinavi, Svezia, Danimarca e Norvegia, si trovano nella posizione migliore con una differenza del 2,1%.

Con questo primato, la Spagna si avvicina ancora una volta alla media, con una differenza del 4,5%. I dati peggiori sono quelli di Italia (8,8%), Romania (8,6%) e Grecia (8,3%).

Va notato che negli ultimi anni la Spagna ha aumentato significativamente la percentuale di donne nel mercato del lavoro. Vent’anni fa, nel 2005, rappresentavano il 39,9% dei lavoratori, mentre in Europa rappresentavano addirittura il 44,2%. Nel 2012, queste cifre erano quasi uguali, con un aumento impressionante del numero di donne in Spagna negli anni precedenti, raggiungendo il 45%. Da allora entrambe le linee si sono sviluppate più o meno fianco a fianco, di solito con la linea spagnola alle spalle. Ora si sono collegati.

READ  La regione ha guadagnato 3.911 lavoratori stranieri a maggio e ci sono già più di 105.000 lavoratori.

Le posizioni più femminili

questa settimana, Eurostat ha pubblicato uno studio dettagliato È una delle professioni con la maggiore e minore presenza di donne. Nella media europea, prevalgono nelle posizioni di supporto amministrativo, con il 65,8% del totale. Sono presenti anche nei servizi e nelle vendite (63,5%), nella categoria professionale (che comprende posizioni come scienziati e insegnanti) e nelle occupazioni primarie (53%). Costituiscono invece una minoranza nelle forze armate e di sicurezza (11,1%), tra gli addetti all'edilizia e nella metallurgia (11,1%) e tra gli operatori meccanici (17,9%).

Si tratta di percentuali simili a quelle presentate dalla Spagna, con alcune sfumature. Le donne manager sono meno numerose (35,5%) rispetto alla media europea (34,7%), entrambe percentuali molto basse se paragonate al peso delle donne nel mercato del lavoro complessivo. In questa percentuale si evidenzia la posizione elevata della Bulgaria (44,6%).

Allo stesso modo, la Spagna è più indietro nella partecipazione delle donne in posizioni tecniche (40,5%, rispetto al 50% in Europa) e in posizioni agricole specializzate (18,3%, rispetto al 29,3% in Europa). Le donne spagnole superano quelle europee nelle posizioni primarie (58,6% contro 53%).

Ad un livello di dettaglio più elevato, porzioni maggiori di donne sono state osservate in settori specifici, come ad esempio le operatrici dell'educazione della prima infanzia (92,6%), le segretarie (89,3%), le insegnanti della scuola primaria (88,2%) e le infermiere e ostetriche (87,5%). . Nei servizi di pulizia di abitazioni, alberghi e uffici (86,5%). Sono invece minoritari nell'edilizia (solo l'1,4%), nella riparazione di macchinari (2,9%), negli impianti elettrici (3,15), tra i metalmeccanici (3,7%) e tra gli autisti di camion e autobus (3,8%). .

Segui tutte le informazioni Economia E un lavoro In Facebook E So nel nostro Newsletter settimanale

READ  Guerra Ucraina-Russia: oggi last minute, live | Putin prenderà provvedimenti contro la Spagna

Programma dei cinque giorni

Le quotazioni economiche più importanti del giorno, con chiavi e contesto per comprenderne la portata.

Ricevilo nella tua email