Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Forum di Davos colloca la Spagna tra i Paesi europei con la crescita del Pil più bassa negli ultimi cinque anni

Il Forum di Davos colloca la Spagna tra i Paesi europei con la crescita del Pil più bassa negli ultimi cinque anni

Il primo ministro Pedro Sanchez durante il suo discorso al Forum di Davos 2023. (Reuters/Arnd Wegman)

Gli economisti presenti al Forum di Davos questo mercoledì offrono una previsione della crescita economica della Spagna che è molto meno drammatica di quanto il governo ha elogiato negli ultimi anni. il rapporto Il futuro della crescitapreparato per la 54esima edizione dell'evento, analizza l'evoluzione del Pil di 80 paesi tra il 2018 e il 2023 e scopre “Crescita economica globale “Ho perso lo slancio.” Dalla crisi del 2008, il rallentamento è stato più pronunciato nelle economie più ricche, compresa la Spagna, e i dati non fanno eccezione.

“Per la prima volta, in uno scenario di crisi, la Spagna guida la crescita in Europa”, ha affermato lo scorso anno il capo del governo, Pedro Sánchez, durante un discorso al Congresso, la cui espressione più famosa è che l’economia spagnola “Si guida come una motocicletta” Dalla campagna per le elezioni di luglio. Mercoledì Sanchez metterà in evidenza i buoni dati e le prospettive dell’economia spagnola e presenterà le sue riforme, ma il rapporto di Davos conferma che la crescita è superiore a quella di Francia, Germania o Italia, come è avvenuto tra il 2021 e il 2023, Non cresce molto.

Potrebbe interessarti: la Spagna aumenta posti di lavoro e Pil riducendo l’inquinamento: recupera i livelli pre-pandemia e riduce le emissioni del 5,4%

Secondo i calcoli degli esperti di Davos, il PIL spagnolo è cresciuto in media del 1,8% Tra il 2018, anno in cui Sanchez arrivò a Moncloa, e il 2023. A parità di potere d'acquistoSi tratta di un volume utilizzato per equalizzare il potere d’acquisto delle diverse valute eliminando le differenze nei livelli di prezzo tra i paesi. Con questi dati, la Spagna è l'ottavo paese meno sviluppato dell'Unione Europea, motivo per cui si trova in fondo alla classifica, considerando che non sono disponibili dati per due paesi, Croazia e Slovacchia.

READ  Agenzia stampa degli Emirati

Dopo la Spagna, le principali economie europee sono Germania (1,1%), Francia (1,1%), Italia (0,7%) e altre come Grecia (1,1%), Austria (1,2%), Finlandia (1,1%) e Belgio (1,5 %). %). Inoltre, anche la Spagna è leggermente al di sopra del livello Crescita media del gruppo dei paesi ricchi identificati nel rapporto, che registra i progressi 1,4%, meno di altre economie. Quelli con reddito medio-alto sono il 2,2%, mentre quelli con reddito medio-basso sono il 3,1%.

Il rapporto riconosce che l’attuale livello del PIL globale è più elevato di quanto non fosse prima della pandemia (la Spagna si è ripresa nell’estate del 2022), ma I tassi di crescita sono inferiori rispetto ai decenni precedenti. In media, la crescita economica globale a breve termine è scesa dal 2% nelle economie avanzate e dal 5,8% nelle economie emergenti e in via di sviluppo all’inizio degli anni 2000, rispettivamente all’1,4% e all’1,7% nel periodo post-Covid-19.

Tra le principali preoccupazioni sollevate in questa edizione del forum in campo economico c’è il declino della crescita economica e la ricerca di forme di cooperazione internazionale per evitarlo, anche se gli organizzatori si sono concentrati in particolare su Per ottenere una qualità superiore. Il rapporto riconosce che “la crescita del PIL è spesso utilizzata come indicatore della salute economica e della prosperità di un paese, tuttavia, qualsiasi valutazione contemporanea della crescita deve andare oltre il livello quantitativo”. “Alla fine ciò che conta sono la natura e la qualità che stanno dietro alla crescita e il modo in cui essa viene raggiunta Risultati economici, sociali e ambientali positivi“, Aggiungere.

Pertanto, il documento costruisce indicatori per ciascun Paese in quattro aree chiave per raggiungere una “crescita equilibrata”: innovazione, inclusione, sostenibilità e resilienza. La Spagna rappresenta una situazione eterogenea per regione: sebbene offra una crescita economica “moderata”, come descritto nel testo, è “particolarmente equilibrata” in termini di All'area di inclusione. L’aspetto è definito come la misura in cui il progresso economico coinvolge tutti i soggetti interessati e genera opportunità. Tiene conto, tra gli altri, di criteri quali la copertura sanitaria universale, l’uguaglianza di genere sul lavoro e i diritti civili.

READ  L'occupazione torna a crescere, scende al livello record in 14 anni - Economia

Potrebbe interessarti: la Spagna è indietro nel PIL pro capite: Lituania, Estonia e Polonia la supereranno nel 2028, secondo il FMI

La Spagna sta arrivando al dunque 70.7 Nell'indice delle liste Un massimo di 100 rispetto a una media di 68,9 nelle economie avanzate, anche se altri paesi dell'Ue offrono cifre più elevate, come Finlandia (77,7), Danimarca (77,6) e Paesi Bassi (75,9). Per quanto riguarda il resto degli indicatori, la Spagna ha ottenuto un valore migliore rispetto alla media delle sue economie ricche Sostenibilità (52,5, 6,7 punti in più), ma i numeri sono peggiori per entrambi innovazione (56,1, 1,2 punti in meno) come in Resilienza (58,3, 3,6 punti in meno), quest’ultimo definito come la capacità di ciascuna economia di resistere agli shock. Le principali economie dell’UE superano la Spagna in termini di resilienza, un risultato non sorprendente dato che è stato tra i 27 paesi che hanno registrato il maggiore calo del PIL durante la pandemia.

Questo fatto è correlato Bassa crescita del PIL pro capite Negli ultimi cinque anni, conferma il rapporto, il che porta ad un allontanamento dalla media europea. La Spagna ha ottenuto solo un aumento 0,4% del loro reddito pro capite Tra il 2018 e il 2023, mentre la media per i 25 Paesi Ue misurati è dell’1,6%. Dietro la Spagna ci sono solo Finlandia, Lussemburgo, Germania e Repubblica Ceca.

Nadia Calviño ha quindi difeso il suo ruolo di ministro dell’Economia nella sua ultima sessione plenaria del Congresso prima di assumere la guida della Banca Europea per gli Investimenti.