Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, Italia e Colombia sono tra i paesi con il più alto tasso di disoccupazione giovanile secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico

A partire dal All’inizio dell’epidemia è stato possibile mettere insieme una serie di impatti negativi che hanno avuto un impatto diretto su vari settori dell’economia globale, tra cui l’occupazione giovanile, in particolare in Spagna, Italia e Colombia.

Nonostante l’emergenza sanitaria abbia fatto smettere di lavorare 1.000 milioni di persone nel mondo, secondo le informazioni dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), i giovani della generazione Z, di età compresa tra i 15 ei 24 anni, sono i più colpiti da questa carenza. . Di posti di lavoro.

per me L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo (OCSE), nel suo “OCSE Employment Outlook”, i giovani nati tra il 1997 e il 2009 nella regione OCSE hanno un tasso di disoccupazione del 18%, che raddoppia il tasso complessivo e triplica il tasso per gli adulti che vanno di età compresa tra 24 e 75 anni.

Tuttavia, I numeri sono preoccupanti, perché, secondo lo stesso rapporto, la Generazione Z rappresenta il 30% della popolazione totale mondiale e si prevede che entro il 2025 rappresenterà il 27% dell’intera forza lavoro mondiale.

Per illustrare più accuratamente la situazione occupazionale tra i giovani del mondo, l’OCSE ha presentato un confronto che rivela enormi divari di disoccupazione tra le generazioni più giovani, Generazione Z, Millennials, Generazione Y e Boomers, nati tutti prima del 1996 e con un totale di 75 anni di vita.

innanzitutto, È apparso nella lista della Spagna. Poiché il tasso di disoccupazione giovanile ha raggiunto il 38,3% entro la fine del 2020, che è una grande differenza con il resto dei lavoratori, tra i quali la disoccupazione raggiunge a malapena il 14%.

Segue l’Italia, dove i giovani disoccupati hanno raggiunto il 29,1%, e al terzo posto la Colombia, dove la disoccupazione tra i più giovani si è registrata al 27,5% contro il 13,9% degli anziani, una differenza sostanziale di 13,6 punti percentuali in termini di occupazione. Indice generale.

READ  Un mondo di caldo e vento contrario

Nella regione, il Cile si è classificato al quarto posto nell’elenco dei paesi con i più alti tassi di disoccupazione giovanile, registrando il 24,8%, una differenza di 15,2 punti percentuali rispetto al tasso di disoccupazione generale del 9,6%.

Di fronte a questo tema, Ivan Jaramillo, coordinatore dell’Osservatorio del Lavoro dell’Università del Rosario, ha affermato che la disoccupazione giovanile è un problema globale nel sistema del lavoro, risultato di una ridefinizione dei criteri per le qualifiche e di una ridefinizione di abilità e competenze .

In questo senso, l’esperto ha sottolineato che uno dei principali fattori che hanno approfondito il gap lavorativo tra i più giovani è lo scollamento tra il sistema educativo e il mondo del lavoro, che, secondo Jaramillo, è stato maggiormente influenzato dall’accelerazione accelerata. Cambiamenti avvenuti durante il primo anno di nascita.

Continuando l’elenco, l’OCSE ha inserito Svezia, Portogallo e Lussemburgo tra i paesi con la maggiore differenza tra la disoccupazione generale, che è in media del 6%, e la disoccupazione giovanile, che ha raggiunto un tasso medio del 22% nel 2020.

Lì, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha spiegato che l’aumento del numero di giovani disoccupati nel 2020 è stato un prodotto dell’impatto che l’epidemia ha avuto sul modo in cui i giovani sono occupati, come molti di loro, che erano temporaneamente occupati, lo hanno fatto. non ricevere un’estensione o un rinnovo. Dei loro decenni, spingendo i tassi di disoccupazione a livelli mai visti in quella regione dal 1978.

Nel caso del Canada e degli Stati Uniti, la situazione era la stessa: nei due paesi nordamericani, i numeri di disoccupazione tra la generazione Z erano rispettivamente del 20% e del 15,1%.

READ  La raccolta dei premi Nobel 2021 per la scienza

Da parte canadese, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha riportato una differenza di 12,1 punti percentuali rispetto al tasso di disoccupazione complessivo del Paese, che, secondo l’ente, è stato guidato dalla lentezza dei piani di vaccinazione e dalla mancanza di incentivi alla riapertura delle attività.

Sebbene il dato negli Stati Uniti sia leggermente inferiore, la differenza con la misura generale era di soli otto punti percentuali tra il tasso di disoccupazione degli anziani (7,1%) raggiunto dai giovani alla fine del 2020.

Ad esempio, nel corso del 2020, il 25% dei giovani che lavorano negli Stati Uniti ha svolto attività nel settore alberghiero, dell’intrattenimento e del turismo. Quello stesso settore, alla fine del primo anno di pandemia, aveva perso il 41% dei posti di lavoro e 17mila lavoratori erano stati licenziati in tutto il mondo, secondo i dati del World Travel and Tourism Council (Wttc).

Per Jaramillo, l’esperto del lavoro, i governi di tutto il mondo dovrebbero includere nei loro piani incentivi che diano vantaggi comparativi a coloro che impiegano giovani che sono in grado di compensare e superare le barriere per raggiungere il primo lavoro.

Ha aggiunto che questa barriera è il risultato della mancanza di esperienza dei giovani e di un sistema che “applica test e requisiti extra” per entrare nel mondo del lavoro.

Infine, l’OCSE ha evidenziato il Giappone, che ha un tasso di disoccupazione giovanile del 4,2%, e la Germania, al 6,2%, come due paesi della regione che offrono le maggiori opportunità per i giovani.

Le giovani donne sono state le più colpite dall’epidemia

Secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro, il tasso di disoccupazione femminile, che si attesta al 28,9%, è il doppio di quello degli uomini, al 14,6%. La maggior parte di queste 15,3 milioni di giovani donne incontrano difficoltà di accesso al mercato del lavoro, alla formazione o allo studio a causa di lavori domestici non retribuiti che si sono intensificati dopo che i governi del mondo hanno emesso misure di reclusione e chiusura totale dei centri educativi durante la pandemia.

READ  L'industria sta riducendo notevolmente i propri consumi di gas: il calo ha già superato il livello di calo