Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ha venduto orologi di New York per produrre vini pluripremiati in Patagonia

E un giorno, da Minki, sulle alture della Valle del Río Negro, Piero Incisa della Rochetta ha fatto il suo vino Il Pinot Noir Chacra Treinta y Dos è stato scelto tra 36.000 marchi come il migliore al mondo. Nella classifica dei migliori 100 vini del 2020 del critico americano James Sucklink.

Da una famiglia aristocratica toscana, italiana, e stabilitasi in Patagonia dal 2002, Sapeva da quando aveva calpestato quelle terre che lì c’era un enorme potenziale. Il suo entusiasmo per la produzione vinicola nasce a casa sua, con il nonno, il marchese Mario Incesa della Rocchetta, Prodotto nel suo ranch, Tenuta San Guido, un vino della casa (da Tabula) per il consumo familiare chiamato Sassicaia, che nel tempo è diventato uno dei vini più importanti al mondo.

Il giovane è cresciuto e dopo aver studiato in Svizzera e negli Stati Uniti, Ha deciso di allontanarsi dall’Italia. Durante lo sviluppo di vari progetti, Un giorno al New York Wine Show, sua cugina, la contessa Noemi Marron de Cinzano, gli fece assaggiare il vino argentino di Pinot Nero.

Piero è stato abbagliato dalle virtù del produttore argentino e Nel 2001 ha deciso di visitare la regione da cui proveniva questo vino. Prendi un aereo per Neuquén per visitare i vigneti di questa razza. “Con tutti i dischi là fuori, comunque, ho passato in rassegna gli allevamenti di Pinot Nero uno per uno La maggior parte di loro non era altro. E quando i produttori hanno visto che la vigna era vecchia e che produceva poco, l’hanno tolta per sostituirla con le mele “. Dipendenza da Nazione.

READ  Detenzione, accusata di evasione fiscale dalla polizia italiana

Dopo aver camminato molto, trovò una fattoria con vigneti molto vecchi nella zona di Río Negro di Minki, che, sebbene quasi deserta, aveva buone prospettive per essa. Tornò a New York e vendette il suo intero set di orologi che teneva in banca in modo da poter affittare due ettari e mezzo del ranch.

La sua storia familiare si intreccia con quella dello Stato italiano. “ Mario, il bisnonno di mio padre, era figlio di un importante militare e sua madre discende dai principi romani Chigi. Lui stesso è nato a Palazzo Chigi, oggi sede della Presidenza di Roma.. Poi ha sposato mia nonna, anche lei di una famiglia tradizionale toscana, la Gherardesca. Il Conte Ogolino della Gherardesca appare nella Divina Commedia di Dante Alighieri. Anche mio nonno materno era un principe di Firenze “, dice.

Il suo entusiasmo per la produzione di vino è nato a casa sua, con il nonno, il marchese Mario Incisa della Rocchetta, che produceva in casa un vino per il consumo familiare chiamato Sassicaia nella sua casa di Tenuta San Guido.

“Quando ero ragazzo, Mario mi ha dato un assaggio dei migliori vini francesi. Era un ragazzo dal palato da vecchio. Ho imparato da lui a rispettare e preservare la natura. Per questo, per noi, l’agricoltura deve essere rispettosa dell’ambiente. . ” Inserisci.

Nel 2003, ha ottenuto la sua prima bevanda alcolica ma nessun buon vino. L’anno successivo le cose inizieranno a peggiorare. “Nel 2004 avevamo già una buona produzione: circa 1.330 bottiglie di Pinot e circa 600 bottiglie di Barda. Con un campione di questa produzione, ho deciso di andare a Verona per una fiera del vino annuale. Al primo momento, Gli italiani hanno pregiudicato il mio vino argentino ma l’ho assaggiato e nel giro di due ore avevo già esaurito tutta la mia produzione. Lì, la stampa specializzata ha cominciato ad interessarci.

Oltre ai vigneti, nella fattoria ci sono 150 alveari che aiutano la biodiversità.  La sinergia tra viticoltura e apicoltura è importante in quanto le api contribuiscono alla qualità delle uve
Oltre ai vigneti, nella fattoria ci sono 150 alveari che aiutano la biodiversità. La sinergia tra viticoltura e apicoltura è importante in quanto le api contribuiscono alla qualità delle uve

Fin dall’inizio, ha ritenuto che nella sua cantina fossero “Una famiglia di contadini che lavoravano la terra, dove la protagonista, la natura e le persone, lavoravano con il massimo rispetto “. Per questo ha ritenuto necessario ottenere la certificazione biologica e la vitalità per produrlo: “È per questo che l’ho chiamata Chakra. Volevo usare una parola originale di valore per i contadini, per aumentare la mia responsabilità di prendermi cura di questo posto per le generazioni future.”

READ  Ritengono che l'economia sia lontana dalla ripresa

Al suo ritorno da Verona, gli investimenti dovevano continuare. Dovevano trovare i soldi per comprare un vigneto, macchinari, elettricità, acqua corrente, costruire una cantina, ristrutturare i vigneti e avviare una pratica biologica e vivace.

“Appena possibile, sono tornato negli Stati Uniti alla ricerca di investitori che si innamorassero del progetto. Ma nessuno voleva investire in Argentina. Fino a quando non ho trovato Un uomo in Colorado gli ha venduto il 30% delle azioni della Chakra Company per finanziare la società., Descrivi.

La vigna insiste sulla qualità della sua merce, poiché non si cercherà la via più breve. “Sono ossessionato da questo. Il vino che non considero perfetto non viene imbottigliato. Preferiamo fare meno soldi mantenendo la qualità che i nostri clienti cercano e si aspettano”. dettagli.

Nel 2017, con Jean-Marc Rollo, come partner, è stata avviata la produzione di Chardonnay che nel 2019 è stato considerato tra i primi 100 vini bianchi al mondo.

L'italiano Piero Incisa della Rochetta nel suo ranch a Minci, nel Rio Negro con due collaboratori (entrambi indossano cappelli)
L’italiano Piero Incisa della Rochetta nel suo ranch a Minci, nel Rio Negro con due collaboratori (entrambi indossano cappelli)

Oggi ci sono 23 ettari con vigneti di Pinot e 16 ettari con Chardonnay. Impiega 34 persone della zona. L’anno scorso è stato imbottigliato Circa 6.960 bottiglie. Tra il 15% e il 25% viene venduto solo alle aziende di vino, collezionisti e ristoranti della nazione. Il riposo Vengono esportati in 30 paesi, come Stati Uniti, Canada, Giappone, Europa e Singapore, “dove non tutti gli adesivi vengono venduti per meno di $ 200”.

“I partner non hanno mai recuperato il loro investimento. Tutti i profitti venivano sempre reinvestiti. Avere questa capacità economica mi permette di sperimentare, senza pressioni per fare soldi. Siamo sempre in un’esperienza costante, quando ci fermiamo, non sarai più grato “. è finita.

READ  Ebrard visiterà l'Italia e la Francia. Partecipazione a forum sull'economia globale
Konosah The Trust Project