Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’azienda familiare rifiuta aumenti fiscali che minacciano la redditività aziendale Aziende

Il presidente di IEF, Mark PuigNel suo discorso, ha raccolto le richieste delle 100 società che le compongono (Mercadona; Barceló, Iberostar, Osborne, Gestamp, Acciona, Banca March o Grupo Godó, tra le altre) per cercare di uscire dalla più grande crisi economica della storia della Spagna . Puig ha sottolineato che alcune delle misure incluse nel piano di risanamento, come gli aumenti fiscali che interessano le società, pongono un onere aggiuntivo sulle società che sono state nello scenario a reddito zero per un periodo di 13 mesi “senza aiuti diretti e senza tagli fiscali. è critico.”

Pertanto, pur dimostrando il suo impegno inequivocabile per il riequilibrio dei conti pubblici, ha chiesto Stabilità politica e un quadro fiscale che “non metta a repentaglio la redditività delle imprese e questo non è peggio dei nostri partner competitivi”.. Agire in senso contrario, afferma Boeg, potrebbe comportare la vendita delle società a paesi terzi.

Approfitta dell’avere Secondo Vice Presidente e Ministro dell’Economia Nadia CalvinoBouygues ha posto l’Italia come un esempio di cui tenere conto nell’attuazione del piano di ripresa. “Potrebbe essere un buon esempio di ciò che è giusto. Meno tasse, più concorrenza e meno burocrazia”. Sebbene Calvinio abbia evitato qualsiasi confronto, la portavoce del ministro dell’Esecutivo e delle Finanze, Maria Jesus Monteiro, ha già confermato questa settimana che qualsiasi aumento delle tasse incluso nella bozza inviata a Bruxelles sarà congelato fino a quando la crescita non si riprenderà.

Nel suo discorso di chiusura, Calvino ha fatto riferimento ai tre principali deficit dell’economia spagnola che il piano di ripresa vuole ridurre. La prima cosa di cui ha parlato è stato il lavoro. “Il nostro Paese ha un tasso di disoccupazione strutturale e di disoccupazione giovanile, con tassi instabili e fatturato superiore di dieci punti alla media dell’Unione Europea.. Penso che non dobbiamo scendere a compromessi sul fatto che noi stessi siamo un’eccezione. La priorità dovrebbe essere quella di creare buone opportunità di lavoro che non siano rischiose, soprattutto per i giovani, consentendo loro di avere un progetto vitale per il futuro. Conti pubblici, ma solo quando tornerà la crescita. Tra il 2020 e il 2021 dovremo emettere 150 miliardi di milioni di debiti, e questo è un peso per le generazioni future se non viene ridotto al ritorno della crescita. La strategia è ridurre il debito e il deficit pubblico, ma solo a medio termine, quando si rivitalizza la crescita “.

READ  Le esportazioni di vino cileno sono aumentate del 5% nella prima metà del 2021

Anche il secondo vicepresidente ha accennato al deficit di investimenti. “Nella crisi del 2008, gli investimenti pubblici sono crollati e sono diventati la vittima numero uno perché non si sono ripresi negli anni di crescita successivi”, ha detto. A suo avviso, si è investito poco nella conservazione del capitale, motivo per cui lo considerava “essenziale”. Approfitta dei prossimi tre anni per pompare 70 miliardi di euro di investimenti pubblici e mobilitare fondi per la digitalizzazione, la sostenibilità o l’istruzione.