Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sostegno ai “sentimenti” populisti in calo in tutta Europa

il supporto ai sentimenti populisti In Europa è diminuito drasticamente negli ultimi tre anni e ora ci sono molte meno persone secondo i dati progettati per misurarlo, secondo un’indagine completa di YouGov.

Indagine annuale sul populismo in A Progetto di globalizzazione di YouGov-Cambridge, preparato in collaborazione con guardiano, rivela che le credenze populiste sono costantemente diminuite in 10 paesi europei e suggerisce che il loro appeal elettorale potrebbe aver raggiunto il picco.

Tuttavia, aggiungono gli autori, i risultati potrebbero mascherare un maggiore grado di estremismo tra gli elettori populisti e che potrebbe portare a un’epidemia.

Il sondaggio rivela che, in Francia, la quota di adulti che affermano di credere che “la volontà del popolo dovrebbe essere il principio più importante nella politica di questo Paese”, uno dei principi populisti chiave, è scesa dal 66% nel 2019 al 62% nel 2020 e al 55% nel 2021.

Altri paesi dell’UE che mostrano lo stesso forte calo sono Germania (66%, 63%, 61%); Danimarca (61%, 56%, 50%); Spagna (75%, 68%, 65%); Italia (72%, 71%, 64%), e Polonia (80%, 71%, 65%), così come “fuori dal blocco” Regno Unito (66%, 60%, 56%).

Il populismo, che vede la politica come una battaglia tra cittadini comuni ed élite corrotte, è cresciuto rapidamente come forza politica: il sostegno a questi partiti nelle elezioni nazionali in tutta Europa è passato dal 7% a oltre il 25% in 20 anni.

Negli ultimi anni sono emersi leader populisti, principalmente dell’estrema destra italiana Matteo Salvinifrancese Marine Le Pene Victor Urban in Ungheria, Jimmy Okeson In Svezia – e partiti populisti hanno governato o hanno governato molti paesi dell’UE.

READ  Navi volanti e altri incredibili miraggi marini

Il sostegno all’idea di “dividere il mio Paese tra la gente comune e le élite corrotte che li sfruttano” è passato dal 61% al 49% in Francia ed è diminuito anche in Germania (54%-46%) e Svezia (42%-36). %). ), Danimarca (29%-15), Spagna (70%-65%), Italia (65%-54%), Polonia (73%-63%) e Regno Unito (58%-54%).

Anche la percentuale che concorda con l’affermazione “molte informazioni importanti vengono nascoste intenzionalmente al pubblico per interesse personale” è diminuita negli ultimi tre anni: tra i sei e i 17 punti percentuali nei suddetti paesi, sebbene sia ancora elevata in alcuni paesi. , come la Spagna (79%).

Meno ma più forte

Matisse Rodwin, sociologo politico dell’Università di Amsterdam ed esperto di populismo, afferma che il sondaggio, che includeva più di 24.000 elettori in 22 paesi diversi, mostra un “chiaro declino” nel sostegno alle idee populiste negli ultimi anni. Anni.

Tuttavia, mentre osserva che gli elettori in generale sembrano diventare più moderati e meno ricettivi alle idee populiste, “il piccolo gruppo fastidioso che vota per i partiti di estrema destra, ad esempio, potrebbe essere diventato più radicale”.

Rodwin afferma anche che alcuni dati potrebbero riflettere un calo del sentimento anti-esperti e dell’élite sulla scia della pandemia, che – nonostante la spinta per gruppi minoritari come gli anti-vaccini a diventare più estremi – tende ad aumentare la fiducia nella scienza e , in una certa misura, nei governi. “Questo sta davvero cambiando”, dice.

Nonostante le preoccupazioni sulla crescente prevalenza delle teorie del complotto durante la pandemia, molti paesi stanno anche mostrando un calo sostenuto della percentuale di persone che credono nelle cospirazioni.

Ad esempio, il sostegno alla convinzione che “il potere di alcuni interessi particolari impedisce al nostro Paese di avanzare” è sceso dal 72% al 58% in Francia ed è diminuito di cinque punti percentuali anche in Germania; nove in Svezia; 15 in Danimarca; 10 in Spagna; 12 in Italia e 11 in Polonia e Regno Unito.

READ  I giovani scelgono le risorse digitali per gestire il benessere

Mentre molti paesi extra UE, come Brasile e Messico, mostrando un modello simile, come India e Thailandia, e soprattutto, stato unito Laddove c’è stato poco cambiamento nei livelli complessivi di sostegno per una qualsiasi delle affermazioni del sondaggio durante le ultime tre indagini annuali, non l’hanno fatto.

Gli autori del sondaggio, che è stato condotto in agosto e settembre, suggeriscono che ciò potrebbe significare che “alcune forme di malcontento anti-establishment” sono saldamente radicate in questi paesi.

Ma il fatto che tra il 2019 e il 2021 non ci siano state tendenze significative che indicassero un aumento del sentimento populista “può indicare che il prestigio di queste credenze ha già raggiunto un picco in diverse parti del mondo”.

Danimarca, roccaforte dell’antipopolo

Il sondaggio ha nuovamente rilevato che la Danimarca si distingue come bastione del sentimento anti-populista, con livelli di sostegno sorprendentemente bassi per la maggior parte delle affermazioni rispetto ad altri paesi.

Ad esempio, solo l’8% degli intervistati in Danimarca è d’accordo con l’affermazione “Puoi dire se una persona è buona o cattiva dalle sue azioni politiche”, il 18% ritenendo che interessi particolari abbiano ostacolato il progresso e il 15% con la sensazione che i suoi il paese è stato diviso tra gente comune ed élite corrotte.

Il sondaggio mostra anche che quando si tratta delle conseguenze pratiche di un approccio populista alla politica – come il voto sulla Brexit nel Regno Unito – molti europei tendono ad assumere una posizione più neutrale.

Quando è stato chiesto come ha influenzato L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea Per quanto riguarda la situazione economica e l’unità del blocco, la maggior parte degli intervistati dei 10 paesi europei (compreso il Regno Unito) afferma che nel complesso non fa alcuna differenza.

READ  Alejandra Barrios, leader del rivenditore CDMX, arrestata

Tuttavia, è più probabile che la tua opinione sia negativa che positiva. In Germania, ad esempio, solo il 6% ritiene che la Brexit abbia rafforzato l’unione tra il resto degli Stati membri dell’UE, rispetto al quinto (20%) che sostiene il contrario.

Allo stesso modo, il 37% degli spagnoli ritiene che la Brexit abbia danneggiato economicamente l’UE, mentre solo l’8% ritiene che la situazione del blocco sia migliorata.

L’indagine è stata condotta tra il 4 agosto e il 21 settembre con campioni rappresentativi di oltre 1.000 persone in 10 paesi europei: Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Ungheria, Polonia, Spagna, Svezia e Regno Unito; e altri 17 paesi, tra cui Australia, Stati Uniti, Brasile, Messico, Turchia, Russia, Cina, Giappone e Sud Africa.

Tradotto da Julian Cnochaert.