Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La sindrome del prolasso della valvola mitrale può portare ad infarto, a seconda della situazione clinica

È proprio questa sindrome che può fungere da fattore scatenante per l’infarto del miocardio.

L’attivazione del sistema nervoso induce anche effetti pro-aritmici, che potrebbero potenzialmente indurre aritmie nel nostro paziente.

La cardiologia è stata chiara sul fatto che le aritmie possono essere fatali se non trattate, specialmente quelle che insorgono a seguito della trazione sui muscoli papillari – strutture vitali all’interno del cuore situate nei ventricoli sinistro e destro – in pazienti con sindrome da prolasso della valvola mitrale irregolare. .

Questa particolare sindrome potrebbe fungere da innesco per infarto miocardico, come avvenuto nel caso di un uomo di 63 anni, secondo un caso pubblicato da American College of Cardiology, confermando che il paziente ha riscontrato una rottura del tendine della valvola mitrale.

La sindrome del prolasso della valvola mitrale irregolare è una condizione recentemente identificata, che include aritmie ventricolari ricorrenti nel contesto del prolasso della valvola mitrale – quando la valvola non si chiude correttamente – e/o distacco dell’anello mitralico, che significa distacco superiore. L’anello miocardico ventricolare a cui è normalmente attaccato.

Presumibilmente, i meccanismi dell’aritmia includono un’aumentata dilatazione sistolica dei muscoli papillari, il caso conferma.

“Tuttavia, il nostro paziente ha avuto un arresto cardiaco causato da un meccanismo diverso da quello coinvolto nella morte cardiaca improvvisa da sindrome da prolasso della valvola mitrale irregolare. Si può ipotizzare che la rottura delle corde abbia causato l’aritmia ventricolare attraverso l’attivazione delle aritmie associate a queste Sindrome ”, assicurano gli autori di questo caso.

Il paziente non aveva precedenti di infarto o aritmia ventricolare, né soddisfaceva i criteri per l’impianto di un defibrillatore automatico. Pertanto, è stato incluso in uno studio osservazionale prospettico cardiaco su pazienti con sindrome da prolasso aritmico della valvola mitrale, che ha fornito importanti informazioni sull’effetto della sindrome sullo sviluppo dell’arresto cardiaco.

READ  Gli archeologi trovano più di 2.700 anni di torchi per vino in Iraq

“Possiamo ipotizzare che il prolasso della valvola mitrale e l’allungamento dei tessuti separando l’anello mitrale portino a un graduale assottigliamento dei tendini, seguito infine dalla rottura dei tendini delle corde che collegano i lembi della valvola mitrale al cuore. Non è noto se il cuore e la fibrosi papillare contribuiscono maggiormente alla rottura del cordone ombelicale, pertanto è importante considerare il rischio di rottura del tendine come una possibile complicanza del prolasso della valvola mitrale e del distacco dell’anello mitralico”, evidenzia la condizione.

“La rottura delle corde porta a un’improvvisa esacerbazione del rigurgito della valvola mitrale e dell’edema polmonare, e alla fine aritmie potenzialmente letali. L’attivazione del sistema nervoso provoca anche effetti pro-aritmici, che possono precipitare le aritmie nel nostro paziente”, aggiungono.

Il paziente è stato sottoposto a riparazione della valvola mitrale con successo ed è stato impiantato con un dispositivo di resincronizzazione cardiaca che provoca la contrazione dei ventricoli del cuore allo stesso tempo.

Hanno concluso: “Sono necessari ulteriori studi per valutare il rischio di aritmia dopo chirurgia valvolare sia nei pazienti con sindrome da prolasso della valvola mitrale irregolare sia nei pazienti con prolasso della valvola mitrale secondario alla mancanza di fibroelasticità”.

Accesso allo stato completo Qui.