Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Singola dose ad alta potenza: i raggi X di Johnson per il vaccino COVID-19

Il Regno Unito ha approvato il vaccino COVID-19 di Johnson e Johnson, così come gli Stati Uniti e l’Europa in precedenza – REUTERS/Perochka van de Wou/File photo

Il 1 aprile 2020 il farmacista Johnson & Johnson annuncia al mondo la creazione di un vaccino contro il COVID-19 causata dal coronavirus SARS-CoV-2.

Ma lo sviluppo di questa nuova arma contro la pandemia di coronavirus non è avvenuto dall’oggi al domani. Dieci anni fa, i ricercatori di Il Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, negli Stati Uniti, ha sviluppato un modo per produrre vaccini da un virus chiamato Adenovirus 26 o Ad26. abbreviare. Johnson & Johnson ha sviluppato vaccini contro l’Ebola e altre malattie con Ad26 e ora ha un’approvazione completamente nuova – vincolata dal contesto di un’emergenza sanitaria globale – per vaccinare contro il coronavirus.

Denominazione Ad26.COV2.S, La vaccinazione viene somministrata in una singola dose intramuscolare. Può invece essere conservata fino a due anni con regime di congelazione a -20°C e fino a tre mesi refrigerata in congelatori a 2-8°C. Questo è un netto vantaggio perché altri vaccini autorizzati fino ad oggi nel mondo richiedono due dosi. Inoltre, poiché può essere conservato a temperature normali di frigorifero anziché in congelatore, Facilita il compito logistico di distribuzione e conservazione, a differenza dei suoi concorrenti che richiedono congelatori molto freddi.

Il vaccino J&J ha dimostrato di essere efficace in oltre il 75% di tutti i gruppi demografici statunitensi, REUTERS/Dado Ruvic
Il vaccino J&J ha dimostrato di essere efficace in oltre il 75% di tutti i gruppi demografici statunitensi, REUTERS/Dado Ruvic

US Food and Drug Administration (La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ne ha approvato l’uso di emergenza il 27 febbraio, così come l’Europa l’11 marzo.

Vaccino J&J ha dimostrato di essere efficace in tutti i gruppi demografici negli Stati Uniti, sebbene la risposta durante gli studi clinici sia variata da paese a paese, con gli Stati Uniti che riportano un Efficacia 72%, America Latina 66% e Sudafrica, dove si è diffuso un tipo di virus più resistente e contagioso, 64%. Gli esperti lo considerano dimostrato Il vaccino è sicuro e non provoca reazioni gravi in ​​chi lo riceve.

Un nuovo studio preliminare che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria, pubblicato due settimane fa, rivela l’efficacia nel mondo reale del vaccino vettore adenovirus Ad26.COV2.S, noto come Johnson & Johnson, per il COVID-19.

READ  Karim Masimov arrestato con l'accusa di alto tradimento.

Uno dei primi studi a valutare l’efficacia realistica di un vaccino monodose J&J in coincidenza con uno studio clinico di Fase 3, 77%Detto a questo proposito, cardiologo, illustre ricercatore americano e caporedattore del sito web sanitario Medscape, Eric Topol.

In questo uno studioPubblicato sulla rivista scientifica bisturiE il Secondo gli autori, in molti stati degli Stati Uniti è stata utilizzata un’ampia elaborazione longitudinale delle cartelle cliniche elettroniche per il Mayo Clinic Health System.

I dati che Topol ha citato in un post sul suo account Twitter, derivante da questo studio che confronta il tasso di incidenza 2195 persone cosa hai preso dose singola Ad26.COV2.S Vaccino Johnson & Johnson con tasso di infezione 21.950 persone non vaccinate Con una tendenza abbinata tra loro Il 27 febbraio e il 14 aprile 2021.

“Affiliato 1.779 individui sono stati vaccinati Con almeno due settimane di follow-up, solista 3 (0,17%) Il risultato del test è stato positivo Per SARS-CoV-2, 15 giorni o più dopo la vaccinazione, rispetto a 128 di 17.744 (0,72%) di individui non immunizzati (riduzione media di 4,34 volte), afferma il rapporto.

Un nuovo studio preliminare non ancora rivisto, pubblicato due settimane fa, rivela l'efficacia nel mondo reale del vaccino vettore adenovirus Ad26.COV2.S - REUTERS / Vincent West / File Photo
Un nuovo studio preliminare non ancora rivisto, pubblicato due settimane fa, rivela l’efficacia nel mondo reale del vaccino vettore adenovirus Ad26.COV2.S – REUTERS / Vincent West / File Photo

Ciò è coerente con l’efficacia del vaccino 76,7% per prevenire l’infezione da SARS-CoV-2 Iniziare almeno due settimane dopo la vaccinazione. Questi dati sono coerenti con l’efficacia di Ad26.COV2.S è stato segnalato negli studi clinici nella prevenzione di COVID-19 Da moderato a grave con esordio Almeno 14 giorni dopo la somministrazione del vaccino.

Secondo i risultati dello studio, la valutazione continua dell’efficacia e della sicurezza dei vaccini approvati dalla FDA nel mondo reale “è fondamentale per amplificare la trasparenza, costruire la fiducia del pubblico e, in definitiva, migliorare i risultati generali sulla salute”.

pietra sulla strada

Un gruppo di ricercatori tedeschi ha affermato, sulla base di una serie di studi di laboratorio, Avrebbe trovato la causa di rari e pericolosi episodi di coagulazione del sangueTra alcune persone che hanno ricevuto le vaccinazioni Covid-19 Sviluppato da AstraZeneca S Johnson & Johnson (Janssen).

Gli scienziati hanno confermato episodi rari e pericolosi di coagulazione del sangue dopo la sua applicazione.  Fotografia: Brendan McDermid/Reuters
Gli scienziati hanno confermato episodi rari e pericolosi di coagulazione del sangue dopo la sua applicazione. Fotografia: Brendan McDermid/Reuters

I ricercatori hanno affermato che i vaccini testati inviano parte del loro carico utile al nucleo delle cellule, dove alcune istruzioni per produrre proteine ​​spike del coronavirus potrebbero essere interpretate erroneamente. Le proteine ​​risultanti Può portare a disturbi della coagulazione del sangue in un piccolo numero di recettori.

READ  50 anni dopo lo scatto della foto, la 'Napalm Girl' del Vietnam ha terminato le cure per le sue ferite

La maggior parte dei test diagnostici e dei vaccini sono progettati con questa proteina spinosa attraverso la quale il virus si attacca alle cellule per avviare il processo di infezione. Lo studio tedesco suggerisce che i produttori di vaccini che utilizzano vettori di adenovirus potrebbero alterare la sequenza proteica del picco “per aumentare la sicurezza di questi farmaci”.

Il I vaccini sono stati sviluppati da vettori di adenovirus e sono stati di uso limitato, almeno nell’Unione europea. La Francia, ad esempio, ne limita l’uso alle persone di età superiore ai 55 anni, mantenendo quelle al di sotto di quell’età, e gli sviluppi con la tecnologia dell’RNA messaggero, Pfizer-Biwantech S moderno. In Belgio, il Paese ha deciso, mercoledì, di somministrare il vaccino Johnson & Johnson Solo per gli over 41, cosa che ha già fatto con un prodotto AstraZeneca.

I vaccini sono stati sviluppati da vettori di adenovirus e sono stati di uso limitato.  Fotografia: Shannon Stapleton/Reuters
I vaccini sono stati sviluppati da vettori di adenovirus e sono stati di uso limitato. Fotografia: Shannon Stapleton/Reuters

Test in Argentina

Nell’ambito dello studio “Sezione”Nel novembre 2020, i volontari di età superiore ai 18 anni hanno iniziato a ricevere la vaccinazione in Argentina, che hanno ricevuto la dose singola che costituisce questo vaccino candidato in centri medici svizzeri attrezzati a tale scopo. Poiché si tratta di uno studio multicentrico, anche altre istituzioni hanno implementato il dosaggio.

consultazione Infobae, il dottore Gabriel Novick – che è stato l’ex Vice Ministro della Salute della Città di Buenos Aires durante la pandemia di influenza H1N1 nel 2009- è specifico sul nuovo vaccino: “In particolare, questo vaccino Johnson & Johnson facilita l’adesione, tutto ciò che in una dose facilita l’adesione.. Ha anche il vantaggio di non richiedere congelamento o congelamento per il trasporto e lo stoccaggio, il che facilita anche la vaccinazione e la distribuzione del vaccino a livello di sanità pubblica. Sono due tratti molto interessanti di questo particolare candidato”.

READ  Stanno iniziando ad essere applicati sempre più vaccini: da ...

Per quanto riguarda le proprietà e le caratteristiche specifiche del vaccino Johnson & Johnson-Janssen, ha spiegato la dott.ssa Paula Barreyro, Direttore degli affari scientifici ed esterni presso Janssen Latin America South Infobae: Il nostro vaccino è tecnicamente chiamato vettore virale. Ciò significa che stiamo usando adenovirus non replicanti che non genereranno infezioni o malattie nell’organismo vaccinato”.

Il vaccino utilizza adenovirus non replicanti che non causano infezioni o malattie nell'organismo con cui viene vaccinato - REUTERS / Brendan McDermid
Il vaccino utilizza adenovirus non replicanti che non causano infezioni o malattie nell’organismo con cui viene vaccinato – REUTERS / Brendan McDermid

Ha aggiunto: “Le tecnologie studiate nel vaccino COVID-19 si chiamano AdVac e PER.C6. Queste non solo forniscono la capacità di sviluppare rapidamente nuove opzioni vaccinali, ma anche di scalare la produzione del vaccino candidato ottimale. La stessa tecnologia è stata utilizzati dalla società per sviluppare vaccini Ebola, Zika, respiratorio sinciziale e virus dell’immunodeficienza umana (HIV); che sono nelle fasi 2 e 3 dello sviluppo clinico.

Nel caso del vaccino contro il nuovo coronavirus, viene utilizzato come vettore che trasferisce “un pezzo del coronavirus nel corpo e quindi genera una risposta autoimmune”.

L’inclusione del primo vaccino monodose dovrebbe contribuire a Accelera la campagna di vaccinazione non ordinando una seconda dose entro tre settimane, come con le iniezioni Pfizer e Moderne, anche se Johnson & Johnson ha affermato oggi che sta valutando possibili solleciti annuali..

Tecnologie sotto inchiesta per un vaccino COVID-19 chiamato AdVac e PER.C6 - REUTERS / Vincent West / File Photo
Tecnologie sotto inchiesta per un vaccino COVID-19 chiamato AdVac e PER.C6 – REUTERS / Vincent West / File Photo

Il vaccino J&J non richiede temperature di stoccaggio molto basse come nel caso di Pfizer e Moderna, perché non dipende da RNA messaggero, Come i suoi predecessori, ma in Istruzioni codificate nel filamento di DNA Viene trasmesso alla cellula in un adenovirus, una tecnica meno suscettibile ai danni.

per questa ragione,Può essere conservato fino a tre mesi a temperature comprese tra 2 e 8 gradi Celsius., che ridurrebbe la complessità della filiera e scenari come quelli che si sono verificati in alcune parti del Paese, dove i vaccini di emergenza sono stati distribuiti tra i residenti dopo problemi con i congelatori.

Continuare a leggere: