Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Shock globale: il presidente iraniano muore in un incidente in elicottero  La nave su cui viaggiava Ibrahim Raisi si è schiantata al confine con l’Azerbaigian

Shock globale: il presidente iraniano muore in un incidente in elicottero La nave su cui viaggiava Ibrahim Raisi si è schiantata al confine con l’Azerbaigian

Hamas e Hezbollah rendono omaggio al defunto presidente iraniano

Lunedì, il movimento islamico palestinese Hamas ha elogiato il defunto presidente iraniano Ibrahim Raisi, descrivendolo come un “sostenitore della resistenza palestinese”. Anche il gruppo libanese filo-iraniano Hezbollah lo ha elogiato, descrivendolo come un “protettore dei movimenti di resistenza”.

Le reazioni di Russia e Cina

Il presidente russo Vladimir Putin ha reso omaggio al “meraviglioso politico” e al “vero amico della Russia” in un messaggio di cordoglio per la morte di Ibrahim Raisi.

Da parte sua, il presidente cinese Xi Jinping ha descritto l’evento come “una grande perdita per il popolo iraniano”.

Raisi sarà sostituito dal vicepresidente iraniano fino all’elezione del nuovo presidente entro 50 giorni

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi, morto domenica in un incidente in elicottero, sarà sostituito dal primo vicepresidente Mohammad Mokhber, fino all’elezione del nuovo presidente entro 50 giorni.

L’articolo 131 della Costituzione della Repubblica Islamica afferma che “in caso di morte, licenziamento, dimissioni, assenza o malattia del presidente per più di due mesi”, “il vicepresidente assume innanzitutto i poteri del presidente”.

L’articolo afferma che questo processo deve avere “l’approvazione della Guida Suprema”, perché l’Ayatollah Ali Khamenei è la massima autorità del Paese e il capo dello Stato.

La Costituzione prevede che un consiglio “composto dal Presidente del Parlamento, dal Presidente della Corte Suprema e dal Primo Vicepresidente organizzi l’elezione di un nuovo presidente entro un periodo massimo di 50 giorni”.

Il futuro presidente ad interim Mohamed Mokhber, 68 anni, è stato nominato primo vicepresidente da Ebrahim Raisi nell’agosto 2021, a seguito delle elezioni presidenziali.

Il Consiglio dei Ministri conferma che “non ci saranno problemi” nella gestione dell’Iran

Nel suo primo incontro dopo l’annuncio della morte del presidente Ebrahim Raisi, il governo iraniano ha dichiarato in un comunicato: “Con l’aiuto di Dio Onnipotente e del popolo, non ci saranno problemi nella gestione del Paese”. Incidente in elicottero.

La dichiarazione aggiunge: “Assicuriamo al nostro popolo leale, grato e amato che il percorso pieno di orgoglio e servizio continuerà nello spirito instancabile dell’Ayatollah Raisi, un eroe e servitore della nazione”. Il Gabinetto ha descritto Raisi, 63 anni, come un lavoratore instancabile che “ha sacrificato la sua vita per la nazione”.

I media statali come l’Agenzia di stampa della Repubblica islamica (IRNA) hanno pubblicato una foto di un posto chiave del gabinetto con un ritratto del presidente e un turbante nero, che indossava come discendente del profeta Maometto. Il Consiglio dei ministri non ha fornito dettagli sulla data di sepoltura del presidente né sui piani per la sua successione.

L’incidente ha provocato anche l’uccisione del ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian, del governatore dell’Azerbaigian orientale, Malek Rahmati, e dell’imam della preghiera del venerdì nella città di Tabriz, Muhammad Ali Al-Hashem, oltre a un numero imprecisato dell’equipaggio. membri. Membri.

successore

Il gabinetto era guidato dal primo vicepresidente iraniano Mohammad Majbar, che secondo la costituzione iraniana dovrebbe assumere la presidenza. Mojbar ha 68 anni ed è diventato vicepresidente di Raisi nel 2021. In precedenza ha ricoperto incarichi come quello di dirigere il potente gruppo Implementing the Order of Imam Khomeini (EIKO, in inglese) per il quale è stato sanzionato dagli Stati Uniti. Paesi dal 2021.

READ  Almeno 11 migranti sono morti a Gracia dopo l'affondamento di un dhow

La televisione iraniana piange la morte del presidente Ebrahim Raisi

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi e il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian sono rimasti uccisi in un incidente in elicottero in una zona montuosa a nord-ovest del paese, hanno riferito lunedì la televisione di stato e l’agenzia di stampa della Repubblica islamica (IRNA).

L’agenzia di stampa della Repubblica Islamica dell’Iran ha confermato che “l’Ayatollah Raisi, l’amato presidente del nostro Paese, è morto in un incidente in elicottero nella regione di Varzagan, nell’Azerbaigian orientale, e si è unito al Regno Supremo”.

Ore prima, la Mezzaluna Rossa aveva riferito che l’elicottero su cui viaggiavano Raisi e Abdullahian era stato localizzato “senza segni di vita”. A bordo dell’aereo erano presenti anche il governatore dell’Azerbaigian orientale, Malek Rahmati, e l’imam della preghiera del venerdì della città di Tabriz, Muhammad Ali Al-Hashem, oltre a un numero imprecisato di membri dell’equipaggio.

L’IRNA ha riferito che dopo la morte del presidente, “è stata convocata una riunione urgente del gabinetto” guidata dal primo vicepresidente iraniano Mojbar, che dovrebbe assumere la presidenza secondo la costituzione iraniana. Domenica, il leader supremo iraniano Ali Khamenei ha invitato alla calma di fronte all’incertezza su dove si trovi Raisi e ha sottolineato che “non ci saranno interruzioni nei compiti del Paese”.

incontro urgente

Il governo ha organizzato una riunione d’emergenza presieduta dal primo vicepresidente Mohamed Mokhber, che assumerà le funzioni di presidente in caso di morte di Raisi fino allo svolgimento delle elezioni tra circa 50 giorni.

L’agenzia di stampa iraniana ha riferito che “più di 20 squadre di soccorso completamente equipaggiate, soprattutto con droni e cani da salvataggio”, sono state inviate sul luogo dell’incidente.

Critiche a Israele e accuse americane

Negli ultimi mesi Raisi si è dimostrato un convinto oppositore di Israele, sostenendo Hamas dal 7 ottobre, quando è iniziata la guerra a Gaza tra lo Stato ebraico e il movimento islamico palestinese. Il mio capo è sulla lista nera degli Stati Uniti Sono state imposte sanzioni ai leader iraniani con l’accusa di “complicità” in “gravi violazioni dei diritti umani”, accuse respinte dalle autorità di Teheran.

Le ultime ore del mio capo

Domenica Raisi si è recato nella provincia dell’Azerbaigian orientaleDove ha inaugurato la diga con il presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, al confine tra i due paesi. I due leader hanno sottolineato che questo progetto è un passo avanti nelle loro relazioni, che in passato erano tese a causa dello status della grande minoranza azera nel nord dell’Iran, delle relazioni tra Baku e Israele e del sostegno di Teheran all’Armenia.

Nel corso di una conferenza stampa congiunta. Principale Egli ha detto “I paesi dell’Iran e dell’Azerbaigian non esitano a odiare Israele e a sostenere il popolo di Gaza”. Allo stesso modo, Aliyev ha espresso il suo sostegno ai palestinesi nella guerra nella Striscia di Gaza. Tra Hamas e Israele, dichiarando: “La Palestina è la prima questione del mondo islamico, e siamo convinti che il popolo dell’Iran e dell’Azerbaigian continui a sostenere il popolo della Palestina e di Gaza e che detesti il ​​regime sionista”.

READ  Quale Alfagor ha vinto la Coppa del Mondo 2023 e chi sono stati i vincitori dell'evento più allettante?

Aliyev, che ha anche offerto il suo aiuto nella ricerca, ha poi dichiarato sui social media: “Preghiamo per il presidente Ibrahim Raisi e la sua delegazione”. L’Iran ha lanciato un attacco senza precedenti il ​​13 aprile contro Israele utilizzando 350 droni e missili, la maggior parte dei quali sono stati intercettati con l’aiuto degli Stati Uniti e di altri paesi alleati.

L’Unione Europea mette a disposizione un “servizio di mappatura”.

IL Unione Europea Domenica ha detto di averlo attivato “Servizio di mappatura a risposta rapida” Aiutare l’Iran a cercare un elicottero che trasportasse il presidente Ibrahim Raisi E il? Scomparve sul fianco di una montagna coperto di nebbia.

“A fronte della richiesta di assistenza iraniana abbiamo attivato un servizio di mappatura di risposta rapida CopernicoEMS Il commissario dell’Unione europea per la gestione delle crisi ha dichiarato: “La questione riguarda l’Unione europea alla luce dello schianto dell’elicottero che avrebbe dovuto trasportare il presidente iraniano e il suo ministro degli Esteri”. Janez Lenarcic.

La nebbia è una grande complessità di ricerca

Iran Domenica sono iniziate le ricerche nel nord-ovest del Paese per trovare l’elicottero su cui viaggiava il presidente Ibrahim Raisi, che è stato coinvolto in un “incidente”, secondo alti funzionari e media ufficiali.

Il ministro dell’Interno Ahmed Wahidi ha detto alla televisione di stato che l’operazione di ricerca è stata ostacolata da “condizioni meteorologiche sfavorevoli”, riferendosi ad un “atterraggio brutale”, ma senza fornire ulteriori dettagli.

Alcuni fatti sulla mia testa

Indossa sempre un turbante nero e una lunga veste religiosa, Ibrahim Il mio capo è un uomo spartano che si presenta come il difensore delle classi disagiate. Presidente Incluso in una lista nera di funzionari iraniani sanzionati dagli Stati Uniti per “complicità in gravi violazioni dei diritti umani”Accuse che le autorità di Teheran hanno categoricamente smentito.

Raisi è stato eletto il 18 giugno al primo turno con circa il 62% dei voti. Le elezioni hanno visto a Ha un record di astensione dalle elezioni presidenziali e di squalificazione dei suoi principali oppositori. Il nuovo presidente, l’ex capo della magistratura, presterà giuramento costituzionale, giovedì, davanti al Parlamento, e dovrà presentare davanti ad esso i suoi candidati alle posizioni ministeriali.

Il religioso ultraconservatore, attaccato da riformisti e moderati per la sua mancanza di esperienza politica, al suo insediamento ha dichiarato di voler formare un “governo popolare per un Iran forte” e ha promesso di eliminare “le fonti di corruzione”.

Per l’opposizione in esilio, il nome di Raisi è ancora associato alle esecuzioni di massa dei prigionieri politici di sinistra nel 1988.Quando era vice procuratore del tribunale rivoluzionario di Teheran. Quando fu consultato nel 2018 e nel 2020 su questo episodio oscuro della storia moderna, Raisi negò il coinvolgimento ma lodò l’“ordine” di procedere con l’epurazione, emesso (nelle sue parole) dall’Ayatollah Khomeini, il fondatore della Repubblica islamica. .

READ  La Turchia ha deciso di cambiare nome per il mondo intero

Sostenitore della linea dura contro il Movimento Verde, sorta contro la rielezione di Mahmoud Ahmadinejad alle elezioni presidenziali del 2009, dichiarò all’epoca: “E a coloro che ci parlano di misericordia e tolleranza islamica, rispondiamo: continueremo ad affrontare i rivoltosi fino alla fine e sradicheremo il conflitto”..

Il messaggio di Ali Khamenei

L’ayatollah Ali Khamenei, leader religioso iraniano, ha chiesto ai cittadini di “pregare per la salute” di Raisi e di coloro che viaggiano con lui, compreso il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian. In un discorso trasmesso in diretta dalla televisione statale, ha affermato che “il popolo iraniano non dovrebbe sentirsi ansioso o preoccupato” e che non ci saranno interruzioni nella sicurezza o nella governance del Paese.

Anche il Qatar fornisce assistenza

Dopo la dichiarazione dell’Arabia Saudita, un altro paese “pesante” del Medio Oriente ha parlato della tragedia che sta vivendo l’Iran. Si tratta del Qatar, che in un comunicato ha espresso la sua “profonda preoccupazione” per la scomparsa dell’elicottero e si è anche offerto di “fornire ogni forma di sostegno per l’operazione di ricerca”.

In Iran dicono di aver ritrovato l’elicottero

La televisione di stato iraniana ha detto di aver trovato l’elicottero, ma non ha fornito dettagli sullo stato di salute del presidente. Intanto le agenzie di stampa del Paese asiatico hanno pubblicato un video che mostra la zona dove è precipitato l’aereo.

L’Arabia Saudita offre aiuto per trovare il presidente iraniano

L’Arabia Saudita, un concorrente regionale IranDomenica ha espresso il suo “grande shock” per l’incidente che ha coinvolto l’elicottero che trasportava il presidente iraniano Ebrahim Raisi, e ha offerto il suo aiuto alla Repubblica islamica nelle ricerche.

“Noi affermiamo che il Regno è con la Repubblica Islamica IranIl Ministero degli Affari Esteri saudita ha dichiarato in una nota: “Sua sorella si trova in queste circostanze difficili ed è pronto a fornire tutta l’assistenza di cui i servizi iraniani hanno bisogno”.

Contattano i passeggeri dell’elicottero scomparso su cui viaggiava il presidente iraniano

Le autorità iraniane hanno mantenuto più volte i contatti con due passeggeri dell’elicottero su cui viaggiava il presidente iraniano Ebrahim Raisi, e non si sa dove si trovino dopo l’atterraggio di emergenza nel nord-ovest del Paese.

Mohsen Al-Mansouri, vicepresidente per gli affari esecutivi, ha dichiarato alla televisione di stato: “Un membro dell’equipaggio dell’elicottero e un membro dell’equipaggio dell’aereo sono stati contattati”, senza specificare quando sono avvenute queste comunicazioni.

Il politico ha aggiunto: “Ciò indica che la gravità dell’incidente non è stata molto elevata, come hanno comunicato in più occasioni due persone che erano a bordo di questo elicottero”.