Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Ivan Marquez è vivo in un ospedale di Caracas ed è protetto dal regime di Maduro”, ha detto Maine Defense.

Bogotá, 8 marzo 2018. Le FARC hanno annunciato il ritiro dalla campagna elettorale presidenziale. Nella foto: Evan Marquez. (Colbrenza – Sofia Toscano)

Il ministro della Difesa Diego Molano ha confermato che i rapporti di intelligence hanno rivelato che lo pseudonimo Ivan Marques non è morto, come inizialmente annunciato, ma si trova in un ospedale della città di Caracas, dove è protetto anche dalle forze armate del regime venezuelano.

Nei giorni scorsi ci sono state speculazioni sulla morte del leader della seconda Marquitalia, con varie versioni che mettono in dubbio le informazioni sulla sua morte. Il presidente Ivan Duque ha annunciato che il governo sta valutando due possibilità: la prima è la morte di Reyes, e la seconda, che è gravemente ferito.

Tuttavia, Molano ha sottolineato che i nuovi rapporti di intelligence puntano maggiormente verso il secondo scenario:

“Le informazioni che abbiamo sono quelle indicate dopo la proiezione del video, che è un rapporto valido. I dati dell’intelligence sono che in queste polemiche è stata presentata una di queste ritorsioni, la sua integrità e Protetto dal regime di Nicolás Maduro in un ospedale di Caracasha detto Molano.

Il video a cui si riferisce è quello pubblicato dalla rivista Cambio, in cui lo hanno confermato i membri della gang Il marchese è stato ferito, ma era stabile.

Ci rivolgiamo al popolo colombiano e alla comunità internazionale per riferire che il 30 giugno 2022 il comandante Ivan Marques è stato oggetto di un attacco criminale diretto dalle caserme dell’esercito e dai commando di polizia. Fortunatamente, è rimasto illeso, solo leggermente ferito. È in buona salute. La lotta delle idee per una nuova Colombia continuerà dalla sua trincea di combattimento.Uno degli avversari ha sottolineato.

READ  Joe Biden approva l'estensione del budget votata dal Congresso

Dopo aver studiato il video inviato dal gruppo armato, le unità di intelligence hanno stabilito che la persona responsabile della lettura della dichiarazione fosse Alberto Cruz Lobo, detto anche Enrique Marulandafiglio del fondatore di Farc, Manuel Marulanda Velez. Il fatto che non sia stato il marchese a leggere il manifesto o l’uomo a lui più vicino, Zarko Aldenverche ha portato alla conclusione che non si sarebbe trovato in una zona di combattimento o in un campo, ma in un centro sanitario, È sponsorizzato e sotto la protezione delle forze armate venezuelane.

Inoltre, le autorità hanno potuto venire a conoscenza dell’attacco al Marchese grazie a diverse obiezioni della sua cerchia ristretta, in cui i reparti di intelligence hanno potuto sentire il trambusto e il pianto, rivelando che qualcosa non quadrava nella seconda Marquitalia. .

Successivamente, si stabilisce che anche un elicottero, forse con a bordo una registrazione venezuelana, è arrivato sul luogo dell’incidente per soccorrere il leader della guerriglia. Secondo il ministro Molano, le forze dell’esercito venezuelano si sono recate sul posto per confermare o negare la sua morte.

Le prime pubblicazioni sulla morte di Evan Marques

La prima versione dei fatti era nota il 2 luglio, quando è stato riferito che il leader della guerriglia era morto in territorio venezuelano durante uno scontro tra gruppi criminali per il controllo delle rotte del traffico di droga vicino al confine con la Colombia.

Ore dopo, questo resoconto è stato messo in discussione dalle autorità venezuelane, che hanno affermato che gli eventi si sono verificati in una città chiamata El Callao, nello stato di Bolivarmolto vicino al confine con la Guyana, e non al confine con la Colombia, come accennato all’inizio.

READ  A Kiev Macron, Schulze e Draghi hanno appoggiato la candidatura dell'Ucraina all'adesione all'UE | Resta da convincere gli altri paesi del blocco che rimangono in silenzio

Continuare a leggere: