Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sentenza internazionale a favore della Cina contro l’America | L’OMC ha mediato la controversia tariffaria

L’Organizzazione mondiale del commercio ha annunciato venerdì scorso che i dazi imposti dagli Stati Uniti sulle importazioni di acciaio e alluminio dalla Cina violano le regole del commercio internazionale. Ciò avveniva nel quadro di una controversia lanciata dalla Cina e da altri paesi. Un gruppo di esperti dell’OMC ha raccomandato di modificare queste normative statunitensi.

Tuttavia, la sentenza sfavorevole degli Stati Uniti potrebbe farla finire in un limbo legale se Washington fa appello e la porta davanti al più alto organo dell’OMC, l’Appellate Body, che non funziona dal 2019 a causa del rifiuto degli Stati Uniti di nominare nuovi giudici. Questo è quello che sembra
Norvegia, Turchia e Svizzera si sono unite alla Cina nella disputa sulle tasse statunitensi, che è stata uno dei pilastri dell’amministrazione Trump e ha contribuito a una guerra commerciale tra Washington e Pechino che non si è conclusa sotto la presidenza di Joe Biden.

La sentenza significa che la Cina sarà in grado di imporre tariffe sui prodotti statunitensi. La controversia risale al 2012, dopo che gli Stati Uniti avevano imposto tasse sulle importazioni di pannelli solari, tubi e cilindri in acciaio e rastrelliere da cucina dalla Cina.

Nel maggio 2012, sotto l’amministrazione Obama, gli Stati Uniti hanno annunciato tariffe su 22 prodotti cinesi, sostenendo che la Cina stava inondando il mercato con la produzione cinese sovvenzionata dal governo. In quel rapporto, gli Stati Uniti hanno affermato che la Cina ha venduto pannelli solari al di sotto del loro costo di produzione, e quindi ha imposto tariffe del 31% a 60 esportatori cinesi di pannelli solari.

La decisione consente alla Cina di avviare misure per bilanciare, secondo l’Organizzazione mondiale del commercio, “tariffe statunitensi inique” su alcuni prodotti cinesi come carta termica, pannelli solari, torri eoliche, banchine e tubi in acciaio.

READ  In foto: Un disastro ambientale sulle spiagge dello Sri Lanka causato da un incendio su una nave da carico

All’indomani della decisione, Adam Hodge, portavoce dell’Ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti, ha osservato: “La decisione sottolinea la necessità di riformare le regole dell’OMC, che sono state utilizzate per proteggere i mercati non commerciali in Cina, la cui economia pratiche minano l’equità e la concorrenza orientata al mercato”.

Vale la pena notare che nel novembre 2019 l’Organizzazione mondiale del commercio ha concesso alla Cina il diritto di applicare tariffe di ritorsione agli Stati Uniti per un valore di 3,58 miliardi di dollari dopo aver scoperto un errore nel modo in cui Washington ha determinato se i prodotti cinesi fossero oggetto di dumping sul mercato statunitense. .