Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È andata a mangiare in un ristorante con sua figlia, ma l’hanno cacciata fuori a causa dei vestiti che indossava

Una donna è stata insultata in pubblico per il modo in cui era vestita. L’incidente è avvenuto nel Regno Unito, L’estate distrugge la popolazione con temperature fino a 33 gradi, cosa insolita per un paese insulare.

Questa è Emma Prince, una mamma di 34 anni che è andata a cena in una pizzeria chiamata Stonehouse Pizza & Carvery, a Wolverton, in Inghilterra. però, La donna non ha potuto entrare nel locale a causa della camicia bianca che indossava, che, secondo il gestore, è contraria al dress code del ristorante.

Emma Prince ha confermato di non essere la benvenuta all’interno della pizzeria con questo top

Il principe ha detto ai media Stella del giorno Che il top fosse un capo di abbigliamento acquistato dal negozio online di ASOS e così via La sua intenzione non era quella di essere provocatoria, ma semplicemente di sentirsi a proprio agio e calma.

“Il manager ha detto che non poteva entrare perché indossava solo un reggiseno”, ha spiegato la donna. “Le ho detto che era una maglietta, non biancheria intima, e la temperatura fuori era di trenta gradi”, ma il manager non ha voluto arrendersi. Ha risposto: “Questo è un ristorante e questa è la nostra politica”.

Prince ha quindi chiesto di vedere il codice di abbigliamento, ma non ha funzionato: “Non mi ha mostrato nulla … mi ha solo guardato da capo a piedi e ha ripetuto che quello che indossavo non era un top”.

Il principe è andato a cena con sua figlia di due anni Penelope, la sua amica Danielle e suo figlio. Anche la sua amica indossava una canotta, ma il manager l’ha fatta entrare perché le cinghie sulla sua testa erano larghe. E così è stato Prince doveva andare a prendere una maglietta a maniche lunghe che aveva riposto in macchina da indossare se voleva entrare nel ristorante.

READ  Macri ha pranzato con gli ambasciatori delle sette maggiori potenze occidentali e ha parlato delle elezioni

La sorpresa fu enorme quando entrò e scoprì che molti degli altri commensali non indossavano quasi nulla. Secondo la donna, i giovani correvano in giro con i pannolini, mentre le loro madri indossavano jeans e papà a torso nudo e con la parte superiore del corpo.

Emma ha raccontato il suo disgusto per essere stata umiliata pubblicamente di fronte ad altri commensali allo Stonehouse Pizza and Carvery
Emma ha raccontato il suo disgusto per essere stata umiliata pubblicamente di fronte ad altri commensali allo Stonehouse Pizza and Carvery

“Non riuscivo a capire perché venissi discriminato per aver indossato una maglia che mostrava la mia pancia. Non mi sembra per niente giusto. La gente veniva da me e si dispiaceva per me, dicendo quanto fosse duro il manager. Stavo bollendo nella mia camicia, ma temevo di essere licenziata se me la fossi tolta e mi fossi seduto sulla camicetta. “Non voglio confrontarmi con mia figlia”, ha detto Prince.

Ma il problema non è finito qui. Dopo aver ordinato, i piatti per Danielle e suo figlio sono arrivati ​​nel giro di dieci minuti, mentre i piatti di Emma e Penelope non sono mai stati portati in tavola.: “Abbiamo dovuto aspettare più di un’ora a 32°C. Ha due anni e deve aspettare così a lungo. È disgustoso. Era decisamente intenzionale. Era come se mi prendessero in giro”.

Infine, madre, insoddisfatta, Ha deciso di lasciare la pizzeria e portare sua figlia a mangiare da McDonald’s. Il giorno successivo, Prince ha contattato il ristorante tramite il suo account Instagram per chiedere informazioni sul presunto codice di abbigliamento. E la risposta è stata incredibile: “Il codice di abbigliamento è indossare ciò con cui ti senti a tuo agio”. chiese ancora Emma, ​​come per confermare che il manager aveva torto: “È permesso usare magliette crop nei giorni caldi come ieri?” Hanno risposto dal ristorante: “Sì, finché rimani gentile, calmo e a tuo agio, è consentito”.

READ  Vladimir Putin tiene in mano la temperatura dell'Europa: cosa accadrà quando il gas sparirà

Arrabbiato di rabbia e per il brutto momento l’hanno fatta passare, Prince ha confermato che non sarebbe mai tornata sul posto a causa del modo in cui è stata trattata. “Sono sconvolto e disgustato dal servizio che mi hanno offerto, dall’atteggiamento del manager e dalla loro discriminazione nei miei confronti e nel mio vestito”, ha sottolineato. “Non andrò mai più a Wolverton House e incoraggerei chiunque abbia bambini a non visitarlo, o chiunque creda nei diritti umani e nella libertà di indossare abiti senza processo, sminuire o disprezzare”.