Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Sei il capo di una rete criminale”, ha detto Pedro.

da lima

Una settimana prima delle elezioni presidenziali, continuando o modificando il modello economico neoliberista, che ha prevalso per tre decenni in Country, professore di sinistra e sindacalista Pedro Castillo ha il vantaggio più basso, di due punti, sull’ala destra Keiko Fujimori.Secondo un sondaggio pubblicato domenica. In questo contesto di accresciuta incertezza su ciò che potrebbe accadere domenica prossima, i candidati si sono incontrati faccia a faccia in un dibattito che ha suscitato grandi aspettative e, secondo gli analisti, potrebbe essere cruciale per l’uno o l’altro per unire in questa sezione finale i voti di cui hanno bisogno per avere la meglio e conquistare la presidenza. A un certo punto, Castillo ha definito Kiko “il capo di un’organizzazione criminale”, riferendosi ai procedimenti giudiziari nei suoi confronti per riciclaggio di denaro, organizzazione criminale e intralcio alla giustizia.

Castillo ha parlato con tono lento, pacato e pacato, aprendo la discussione presentandosi come un contadino di umili origini ed evidenziando il suo lavoro di insegnante in una scuola andina. Ha detto nel suo primo discorso: “Sono venuto con le mani pulite”. Era il primo minuto di successo. Il suo rivale, che è stato perseguito per corruzione e che tra i suoi stretti collaboratori ha funzionari della dittatura corrotta di suo padre, non può dire lo stesso.

Kiko era più aggressivo. Dall’inizio. Ho iniziato con una pietra in mano, letteralmente. Alzò una pietra che disse essere stata lanciata al suo entourage all’accoglienza ostile che ricevette al suo arrivo nella città di Arequipa, dove si svolse il dibattito, e accusò il suo avversario, senza alcuna prova, di promuovere tale violenza. Ha ripetuto il suo tentativo di screditare il candidato di sinistra, dicendo di aver promosso la lotta di classe a causa del suo scetticismo sulla disuguaglianza nel paese.

READ  Ho il COVID-19: le 5 chiavi per capire come curare la malattia a casa

Hanno iniziato parlando di salute ed epidemia. Entrambi hanno promesso di vaccinare l’intero Paese entro la fine dell’anno. “L’epidemia ha messo in luce la fragilità dello stato corrotto e ci sono colpevoli diretti”, ha detto il candidato di sinistra del Perù Lieber, che ha osservato che il Fujimorismo era al governo da dieci anni e poi aveva la maggioranza parlamentare. Per lei è stato fissato un appuntamento prioritario. Ha sottolineato la necessità di migliorare la salute pubblica. Ha notato che la salute dovrebbe essere un diritto e non un servizio con lo stato in un sub-ruolo speciale, come previsto dall’attuale costituzione Fujimori. Keiko ha offerto ricompense alle famiglie di coloro che sono morti di virus e aumento stipendi per gli operatori sanitari.

Il secondo blocco riguardava l’economia e l’occupazione. Castillo ha insistito sulla sua proposta di rinegoziare i contratti con le multinazionali per migliorare il reddito del paese. In risposta alla campagna contro di lui, ha assicurato che il suo governo non confischerebbe imprese, imprese o risparmi. “Benvenuto agli investimenti privati, ma con regole chiare, non offendere i lavoratori”, ha detto. Keiko ha fornito vantaggi fiscali alla popolazione, crediti ai piccoli imprenditori e aumento delle tasse sulle grandi compagnie minerarie, qualcosa a cui il suo partito si era opposto a lungo.

Keiko Castillo è stato accusato di essere sciovinista e ha risposto ricordandogli la sterilizzazione forzata di oltre 300.000 donne povere durante la dittatura di Fujimori. Keiko ha negato che fosse la politica dello stato. Molte prove lo negano.

“Qui ci sono due leader politici, un insegnante e il capo di una rete criminale”, perCastillo ha annunciato quando è arrivato il momento di parlare di corruzione, ricordando al suo rivale le accuse penali contro di lui per aver ricevuto da grandi imprese, tra cui l’impresa edile brasiliana OdebrechtMilioni di dollari finanziati illegalmente per finanziare le sue campagne nel 2011 e nel 2016. Ha concluso: “Per parlare di corruzione, devi avere autorità morale. I corrotti non possono parlare di corruzione”. Kiko è stato eliminato. Senza nulla da dire a Castillo sulla corruzione, il segretario generale peruviano di Liber, Vladimir Cerrone, un ex governatore a cui è stata data una sospensione della pena detentiva per trattative incompatibili, ha attaccato. Castillo gli disse che il candidato era lui, non Ceron.

READ  Risultati preliminari della consultazione sulla rigestione: oltre il 90% degli elettori sostiene la continuazione della presidenza del Messico da parte di AMLO

Nel Conglomerato Diritti Umani e Politiche Sociali, Keiko ha parlato del problema della titolarità dell’acqua e della terra, ma nulla dei diritti umani. Suo padre, l’ex dittatore Alberto Fujimori, sta scontando una pena detentiva di 25 anni per crimini contro l’umanità. Kiko annunciò che lo avrebbe perdonato. Castillo ha osservato che il paese non poteva tornare al passato e che il suo governo non sarebbe stato una dittatura, un apparente riferimento alla dittatura di Fujimori negli anni ’90.

Secondo un sondaggio dell’Istituto di studi peruviani (IEP) pubblicato domenica, il tasso di Castillo è del 40,3 percento e del 38,3 percento di Kiku. Una settimana fa, lo IEP ha alzato di dieci punti il ​​candidato che proponeva di cambiare il paradigma neoliberista: 44,8 contro 34,4 per cento. Due mesi fa, all’inizio del girone di ritorno, quel vantaggio era arrivato a venti punti.

Un sondaggio Ipsos, pubblicato domenica, ha anche dato a Castillo lo stesso vantaggio di due punti, dal 45,1 al 43,1 percento. Una settimana fa dava il 45 per cento al 40,7 per cento, sempre a favore del candidato di sinistra.

La figlia del prigioniero Alberto Fujimori si avvicina alla rivale motivata da una massiccia campagna in suo favore e dal sostegno dei media mainstream, che intendono dipingerla come un difensore della democrazia e della libertà, tralasciando il lungo percorso autocratico di Fujimori, e temendo che il suo rivale dichiarerà una presunta “dittatura comunista” se Castillo vince.

La Guerra Sporca contro Castillo arrivò ad accusarlo di essere un terrorista, e gli diede presunti legami con una piccola frangia, l’erede politico del gruppo armato maoista Sandro Luminoso., è stato sconfitto quasi trent’anni fa, cosa insistentemente ripetuta e altrettanto insistentemente smentita da Castillo.

READ  Paura e incertezza: le viscere fuse di Chernobyl stanno diventando più grandi e gli scienziati non sanno perché

Questo fine settimana, l’ala destra, disperata per la sua possibile sconfitta, ha reclutato il venezuelano Leopoldo Lopez, che lo ha portato a Lima per sparare a Castillo. Ha ripetuto lo scenario contro il chavismo e ha annunciato uno scenario convulso come quello venezuelano se il candidato peruviano Lieber avesse vinto le elezioni.

Nonostante la campagna milionaria di denigrazione e paura contro di lui, così come gli errori e alcune incongruenze nella sua campagna che lo affliggevano, Castillo è stato in grado di resistere e rimanere primo, anche se ora con scarso vantaggio. Il risultato di domenica prossima è entrato nel campo dell’incertezza.