Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È morto l’influente cardinale George Pell, il primo “Cesare” finanziario del Vaticano nominato da Francesco

Roma. – Il cardinale australiano George Pell è morto martedì a Roma all’età di 81 anniE vescovo conservatore Chi è diventato famoso quando Papa Francesco lo ha nominato primo “Cesare” delle finanze vaticaneChi ha provato a ripulire la Curia romana e chi Ha dovuto lasciare questo incarico per difendersi dalle accuse di maltrattamento dei chierichetti Nel suo Paese negli anni ’90 l’accusa fu uno scandalo e dopo aver trascorso più di 400 giorni in prigione fu assolto.

Secondo InfoVaticana, il Cardinale, Punta di diamante di un’ala conservatrice contraria a FrancescoE È morto dopo aver subito complicazioni dopo aver subito una sostituzione dell’anca.

Come l’ho postato Registro cattolico nazionaleIl suo intervento chirurgico per sostituire l’articolazione dell’anca artificiale ha avuto successo, ma ha subito un attacco di cuoreSecondo il suo segretario privato, padre Joseph Hamilton. Proprio a causa di problemi cardiaci, Bell porta il pacemaker dal 2010.

La notizia della sua morte è caduta come un secchio d’acqua ghiacciata a Roma. Bill è stato visto giovedì scorso alle Funerali di Stato per Benedetto XVIPapa emerito.

Francesco con il cardinale australiano George Pell durante un’udienza privata in VaticanoFrancia Agenzia di stampa

Figlio di un campione di boxe dei pesi massimi, è alto quasi 2 metri, Bill aveva un fisico e una personalità che gli valsero il soprannomeapparentemente dallo stesso Francisco, da “Ranger australiano” S “giocatore di rugby”.

Linea conservatrice e stile direttoÈ stato creato cardinale da Giovanni Paolo II nel 2003. Nato a Ballarat, South Australia, l’8 giugno 1941, ha studiato teologia all’Università di Urbana a Roma, è stato ordinato sacerdote nel dicembre 1966 e ha conseguito un Master of Education a Melbourne e un dottorato di ricerca in Storia della Chiesa presso l’Università di Oxford, tra le altre attività accademiche.

READ  Egitto: ritrovati 250 sarcofagi, 150 statue di bronzo e 9 metri di papiro | Un'importante scoperta nella necropoli di Saqqara

Prima di Giovanni Paolo II è stato nominato arcivescovo di Sydney nel 2001Bell è stato vescovo del distretto meridionale di Melbourne e poi arcivescovo della stessa città. Dal 1988 al 1997 è stato Presidente della Caritas Australia ed è stato membro delle varie denominazioni vaticane.

Nel febbraio 2014 è stato nominato da Francisco Prefetto della Segreteria dell’EconomiaCioè, come capo di Il “gran ministero” dell’economia Fu creata dal Papa argentino per risanare le finanze e risanare e porre sotto il suo controllo tutto il dipartimento degli affari economici della Santa Sede, compreso lo IOR (Istituto per le Opere Religiose, noto anche come Banca Vaticana).

Il Papa parla con il cardinale australiano George Pell durante un'udienza privata in Vaticano
Il Papa parla con il cardinale australiano George Pell durante un’udienza privata in VaticanoFrancia Agenzia di stampa

“L’ambizione è che il Vaticano diventi un modello di gestione finanziaria e non provochi scandali”.“Bell”, disse lui, senza elaborare, mentre si insediava.

Nel luglio 2017, in mezzo a uno scandalo, Bill ha dovuto prendere un congedo dal suo importante incarico di Direttore del Segretariato Generale per l’Economia e membro del Gruppo dei 9per tornare a casa per Difenditi dagli abusi sessuali sui minori. Poi è diventato il più alto funzionario del Vaticano ad essere coinvolto in un’operazione del genere.

Dopo essere stato condannato nel 2018 e nel 2019 in primo e secondo gradorispettivamente, dalla Corte di Melbourne e da un’altra in appello, a sei anni di carcere, nell’aprile 2020, la Corte Suprema Giudiziaria d’Australia Cancella quella frase.

È stata una vittoria per Bell che Ha sempre affermato di essere innocente e ha scritto un libro sulla sua esperienza in prigione. che è diventato un bestseller.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | E hanno riferito che il bilancio delle vittime del bombardamento della stazione ferroviaria era salito a 50

Nazione

Ulteriori informazioni su The Trust Project