Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Secondo gli scienziati, la separazione dei continenti ha portato all’antico riscaldamento globale

Lo hanno scoperto gli scienziati dell’Università di Southampton nel Regno Unito La separazione continentale ha probabilmente innescato uno degli episodi più estremi e l’improvviso riscaldamento globale nella storia della Terra, come pubblicato sulla rivista Nature Geoscience.

I ricercatori, in collaborazione con i colleghi dell’Università di Edimburgo, dell’Università di Leeds, dell’Università di Oldenburg (Germania), dell’Università di Firenze (Italia) e dell’Accademia cinese delle scienze, hanno studiato gli effetti delle forze tettoniche globali e delle eruzioni vulcaniche durante un periodo di estremi cambiamenti ambientali. 56 milioni di anni fa.

Durante questo periodo, una serie di eventi ha causato Il riscaldamento globale è compreso tra 5 e 8 gradi Celsius, culminando nel Paleocene ed Eocene Thermal Maximum (PETM), durato circa 170.000 anni. Ciò ha causato l’estinzione di molte creature viventi nelle profondità marine, rimodellando il corso dell’evoluzione della vita sulla Terra.

Il team suggerisce che l’ampia estensione delle placche continentali nell’emisfero settentrionale – come l’estensione di una barretta di cioccolato che si assottiglia e alla fine si allontana – Pressioni significativamente ridotte in profondità nel sottosuolo. Ciò ha causato lo scioglimento intenso ma di breve durata del mantello, uno strato appiccicoso di roccia fusa appena sotto la crosta del pianeta. Il team ha dimostrato che l’attività vulcanica risultante ha coinciso e potrebbe aver causato una massiccia esplosione di carbonio atmosferico associata al riscaldamento del PETM.

La semplice velocità e l’entità del riscaldamento significano che l’evento MTBE è spesso considerato un’antica controparte per comprendere il riscaldamento attuale, sebbene il meccanismo sia piuttosto diverso.

Nonostante l’importanza e la stretta rilevanza del PETM per l’attuale cambiamento globale, Il motivo principale è molto dibattuto — Ringraziamenti del Dr Tom Gernon, Professore Associato di Scienze della Terra presso l’Università di Southampton e autore principale dello studio. È generalmente accettato che l’improvvisa e massiccia emissione di gas serra, cioè il carbonio, dall’interno della Terra debba aver portato a questo evento, ma è molto difficile spiegare l’entità e il tasso di riscaldamento dei processi vulcanici convenzionali.

READ  Benessere: segui questi suggerimenti per contribuire alla cura della salute mentale nella tua vita quotidiana

Utilizzando file di roccia scavate sotto il fondo del mare vicino al bordo dell’Oceano Atlantico, il team Ho trovato la prova definitiva di un attacco improvviso e un’attività vulcanica diffusa in tutto il Nord Atlantico che è durata poco più di 200.000 anni, sorprendentemente simile alla durata del periodo PETEM.

Questa scoperta ha spinto il team a indagare su un’estensione più ampia della regione dell’Atlantico settentrionale, comprese la Groenlandia e le Isole Faroe. Qui, scoprono che le creste laviche spesse un chilometro che hanno iniziato ad emergere prima dell’MTPE mostrano composizioni insolite che indicano un aumento significativo della quantità di fusione della parte superiore solida del mantello terrestre sotto il continente.

“Questa scoperta è importante, perché lo sappiamo Parti del mantello continentale in questa regione sono ricche di carbonatiGernon mette in evidenza, un’importante fonte di carbonio. È probabile che questo rapido aumento della fusione del mantello rilasci una quantità molto grande di carbonio, sicuramente più di quanto ci aspettassimo in precedenza”.

L’intensa attività vulcanica si è verificata nel momento in cui la massa continentale che ha unito la Groenlandia e l’Europa è stata gravemente allungata dalle forze della tettonica a zolle. finalmente, Nord America e Groenlandia separati dall’Europa, Che ha portato alla nascita del Nord Atlantico. Gli scienziati ritengono che sia stata quest’ultima fase di espansione a causare il massiccio scioglimento del mantello terrestre, che ha portato a un massiccio rilascio di carbonio e quindi al riscaldamento globale.

La squadra ha utilizzato una serie di Vari modelli per la stima della quantità di carbonio che avrebbe potuto essere rilasciato attraverso questo processo. La dottoressa Thea Hinks, ricercatrice principale dell’Università di Southampton e coautrice dello studio, ha affermato.

READ  Gli aerosol carichi di virus corona persistono nell'aria più a lungo di quanto originariamente previsto

Gli scienziati concludono che il rapido rilascio di gas dalla Terra solida svolge un ruolo importante nel guidare eventi di riscaldamento improvviso come il periodo PETEM, che probabilmente si sono verificati in molti altri momenti della storia della Terra. “Questi eventi veloci Provoca una fondamentale riorganizzazione dell’ambiente Sulla Terra, cambia vasti ecosistemi”, conclude il dottor Gernon.