Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il primo caso di vaiolo delle scimmie è stato confermato a Mendoza

Giovedì, il ministero della Salute di Mendoza ha confermato un caso sospetto di vaiolo delle scimmie a Mendoza era positivo Dopo aver inviato gli studi all’Istituto Malbrán di Buenos Aires.

Questo è il primo caso confermato di vaiolo delle scimmie a Mendoza e il quarto in Argentina.

Carlos Espol, capo del Public Health Laboratory, ha dichiarato in un commento radiofonico: “Il risultato è che il caso di vaiolo delle scimmie è stato confermato in un paziente maschio arrivato nel Paese dalla Spagna nei primi giorni di giugno”.

“Lunedì abbiamo prelevato campioni dal paziente e dobbiamo ringraziare Malbrán per la velocità con cui ha lavorato perché il campione è partito da Buenos Aires martedì e abbiamo già una conferma del caso. In Argentina sarà il quarto”. Selezionato Espol.

Secondo Espul, la persona consultata e – secondo Espul – “riportò rapidamente il medico infettivo che lo ha curato in epidemiologia come un possibile caso di vaiolo delle scimmie e il fatto che l’uomo aveva appena visitato la Spagna e che c’erano un gran numero di casi”.

“Il paziente è isolato e in buona salute. Si sta riprendendo”, ha detto Espol.

Secondo il responsabile del laboratorio di sanità pubblica, l’uomo non era stato in contatto con altre persone e che “deve essere isolato fino a quando tutte le lesioni cutanee non si saranno incrostate”, cioè guarite. “Avrà almeno 15 giorni di isolamento”, ha spiegato Espol.

Da parte sua, il direttore dell’epidemiologia, Andrea Flaschi, ha affermato che una settimana dopo l’arrivo del paziente dalla Spagna, ha sviluppato sintomi. “La dimissione è subordinata all’evoluzione della persona, è curata dagli operatori sanitari e la dimissione avverrà quando tutte le ferite saranno guarite”.

READ  Medici che non discriminano i pazienti obesi

Dichiarazione di emergenza dell’OMS

Una riunione del Comitato di Emergenza (CE) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per decidere se annunciare Monkeypox come emergenza sanitaria di rilevanza internazionale (PHEIC, per il suo acronimo inglese) si è tenuto giovedì mattina a Ginevra e l’agenzia ha riferito che il documento contenente le conclusioni probabilmente non sarà pubblicato prima di domani.

Lo ha detto l’agenzia in una dichiarazione rilasciata ai media al termine della riunione, che è stata chiusa.

L’obiettivo dell’incontro, convocato dal Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ai sensi del Regolamento Sanitario Internazionale (ISR), era valutare se il vaiolo delle scimmie sia un’emergenza sanitaria di importanza internazionale.

se è così, Verranno proposte raccomandazioni provvisorie su come prevenire e ridurre la diffusione della malattia e gestire la risposta globale alla salute pubblica.

Dal 2005 ad oggi c’è stato Nove comitati di emergenza Da RIS, di cui due in corso su poliomielite e Covid-19.

Secondo l’ultimo rapporto dell’OMS (datato 17 giugno), tra il 1 gennaio e il 15 giugno 2022, il totale cumulativo è 2103 casi confermati in laboratorioun caso probabile e un decesso in 42 paesi in cinque regioni.

La maggior parte dei casi confermati (84%) (1.773 pazienti) proviene dalla regione europea dell’OMS. Casi confermati sono stati segnalati anche nella regione africana (64 pazienti; 3%), nella regione delle Americhe (245 pazienti; 12%), nella regione del Mediterraneo orientale (14 pazienti; meno dell’1%) e nella regione del Pacifico occidentale (7 pazienti, meno dell’1%).

Ad oggi, il rischio globale per la salute pubblica è valutato come moderato dato che questa è la prima volta che casi e gruppi di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati simultaneamente da molti paesi in regioni geografiche ampiamente divergenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il che è bilanciato dal fatto che il tasso di mortalità rimane. Basso nell’attuale focolaio.

READ  Gli studenti francesi si sono goduti una visita guidata della città

In paesi apparentemente colpiti di recente, i casi sono stati confermati principalmente, ma non esclusivamente, tra uomini autoidentificati che hanno rapporti sessuali con uomini, impegnandosi in estese reti sessuali.