Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scopri sei azioni per combattere il cambiamento climatico in vista della COP26

Dalla settimana dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite all’ultima riunione prima della COP26, lo scorso settembre è stato un momento importante Per dare slancio alla cruciale conferenza sul clima delle Nazioni Unite COP26 all’inizio di novembre.

UN News ha prodotto un elenco dei sei punti più importanti relativi all’azione per il clima Dovrebbe essere noto in anticipo rispetto a questo incontro che si terrà nella città britannica di Glasgow.

1. Miliardi previsti per l’energia pulita

Fondo Monetario Internazionale / Lisa Marie David – I lavoratori puliscono i pannelli solari in una fattoria solare a Manila, nelle Filippine

I governi e il settore privato si sono impegnati a contribuire con oltre 400 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti e investimenti durante l’High Level Energy Dialogue delle Nazioni Unite, Il primo incontro a livello di leadership su questo tema sotto gli auspici dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite in 40 anni.

più di 35 paesi, Dalle nazioni insulari alle grandi economie emergenti e industrializzate, hanno assunto nuovi importanti impegni energetici.

Per esempio, La Carta No More Coal include Sri Lanka, Cile, Danimarca, Francia, Germania, Regno Unito e Montenegro.

Gli Stati membri della coalizione si sono impegnati a interrompere immediatamente la concessione di nuovi permessi per progetti di generazione di energia a carbone. E smettere di costruire nuovi progetti di generazione di energia a carbone dalla fine del 2021.

Durante l’evento sono state annunciate diverse nuove iniziative di partnership con l’obiettivo di Fornire e migliorare l’accesso a un’elettricità affidabile per oltre un miliardo di persone.

2. Gli Stati Uniti e la Cina stanno guidando l’azione per il clima

L'inquinamento atmosferico causato dalle centrali elettriche a carbone è associato al riscaldamento globale e ad altre conseguenze negative per l'ambiente e la salute pubblica.
Unsplash/Koji Tsuru- L’inquinamento atmosferico causato dalle centrali elettriche a carbone è associato al riscaldamento globale e ad altre conseguenze negative per l’ambiente e la salute pubblica.

Le due maggiori economie del mondo promettono misure climatiche più ambiziose Durante la settimana di alto livello dell’Assemblea Generale.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che il suo paese aumenterà significativamente i finanziamenti internazionali per il clima Fino a raggiungere circa 11.400 milioni di dollari all’anno.

per questa parte, Il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato che porrà fine a tutti i finanziamenti per le centrali elettriche a carbone all’estero I sussidi vengono reindirizzati alla generazione di energia a basse emissioni di carbonio e verde.

Sebbene gli annunci siano stati ben accolti, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha osservato che c’è ancora “una lunga strada da percorrere”. Per il successo della Glasgow Climate Conference che assicura “un punto di svolta nei nostri sforzi collettivi per affrontare la crisi climatica”.

READ  La nuova vita dell'Argentina in Europa è stata fondamentale per il record di Esteban Paredes

3. La Settimana del clima in Africa stimola l’azione regionale

Eventi meteorologici estremi, come la siccità, stanno causando enormi perdite economiche tra gli agricoltori di tutto il mondo.
Nazioni Unite / Albert Gonzalez Fran – Eventi meteorologici estremi, come la siccità, stanno causando enormi perdite economiche tra gli agricoltori di tutto il mondo.

Persone provenienti da quasi tutta l’Africa si sono riunite per diversi giorni per esplorare le possibilità E mostrare soluzioni ambiziose nella lotta contro il riscaldamento globale.

Oltre 1.600 persone hanno partecipato attivamente all’incontro virtuale, in cui il governo ospitante dell’Uganda ha riunito dirigenti della regione a tutti i livelli, Insieme a leader del settore privato, esperti accademici e altre parti interessate chiave.

Janet Rogan, ambasciatore regionale COP26 per l’Africa e il Medio Oriente, ha affermato che l’incontro ha consentito a molte parti interessate di stringere nuove partnership. e valorizzare l’esistente.

“Solo lavorando insieme possiamo davvero contribuire all’attuazione dell’accordo di Parigi, Consapevoli delle opportunità e delle sfide uniche che questo presenta nella regione”.

Sono state coinvolte anche diverse agenzie delle Nazioni Unite:

Banca Mondiale Ho studiato approcci economici globali per raggiungere una ripresa sostenibile e verde

Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite Ho studiato come le soluzioni per il clima e il rischio climatico stanno cambiando diversi settori

Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) Immaginare il futuro ed esaminare comportamenti, tecnologie e finanza

Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) Pubblicato il primo Bilancio delle foreste e dei paesaggi in Africa, rivelando che fino al 65% delle terre produttive è degradato, mentre la desertificazione colpisce il 45% della superficie africana.

L’Africa ha contribuito poco al cambiamento climatico, Generando solo una piccola parte delle emissioni globali.

però, Potrebbe essere la regione più vulnerabile del mondo, Sta già sperimentando siccità, inondazioni e devastanti invasioni di locuste, tra gli altri effetti del cambiamento climatico.

4 – Il Regno Unito, paese ospitante della conferenza, ha richiesto un maggiore impegno finanziario

Il Primo Ministro del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Boris Johnson, tiene il suo discorso al dibattito generale della 76a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.
ONU / Cia Pak Immagine – Il primo ministro del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Boris Johnson, pronuncia il suo discorso al dibattito generale della 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite

All’inizio dell’Assemblea Generale, Il primo ministro britannico Boris Johnson ha convocato una riunione di emergenza per sollecitare ulteriori azioni sui finanziamenti per il clima e altre misure prima della COP26.

I leader mondiali hanno affrontato le restanti lacune nelle azioni necessarie da parte dei governi nazionali, Soprattutto i poteri industriali del G-20, in termini di mitigazione, finanziamento e adattamento.

READ  I volumi verranno chiusi dal Barcellona l'ultimo giorno di mercato

Il primo ministro britannico ha avvertito che “la storia giudicherà” ai paesi più ricchi del mondo se non mantengono il loro impegno di fornire 100 miliardi di dollari l’anno in aiuti per il clima prima che la conferenza abbia luogo. Ha detto che c’è una probabilità del 60% di riavere i soldi prima di novembre.

Johnson ha anche sottolineato che il suo paese “darà l’esempio, La salvaguardia dell’ambiente è nell’agenda globale e funge da trampolino di lancio per una rivoluzione industriale verde e globale”. Ma ha avvertito: “Nessun paese può cambiare la situazione da solo, sarebbe come salvare una nave della marina con un secchio. ” “

5. I leader mondiali si impegnano a riformare i sistemi alimentari globali

Spreco alimentare al mercato delle lire in Uganda.
© FAO / Sumi Sadurni – Spreco alimentare al mercato delle lire in Uganda.

I sistemi alimentari causano fino a un terzo delle emissioni di gas serra e fino all’80% della perdita di biodiversità. Utilizza anche fino al 70% delle sue riserve di acqua dolce.

però, I sistemi di produzione alimentare sostenibili devono essere riconosciuti come una soluzione primaria a queste sfide esistenti.

23 settembre Il primo vertice delle Nazioni Unite sui sistemi alimentari ha tenuto i leader mondiali Per guidare l’azione a livello nazionale e regionale e cambiare il modo in cui produciamo, consumiamo e smaltiamo il nostro cibo.

Sulla scia del recente rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), che ha mostrato che abbiamo appena il tempo di invertire il riscaldamento globale causato dall’uomo, l’amministrazione statunitense, uno dei maggiori produttori agricoli del mondo, Ha promesso 10 miliardi di dollari in cinque anni per affrontare il cambiamento climatico e aiutare a nutrire i più vulnerabili senza esaurire le risorse naturali.

Il vertice, convocato dal Segretario generale delle Nazioni Unite nel 2019 per accelerare il progresso globale sfruttando l’importanza interconnessa dei sistemi alimentari, includeva altri impegniPer più di 85 capi di stato di tutto il mondo.

Molti paesi hanno annunciato iniziative nazionali, per un totale di 231 impegni, Per garantire che i loro sistemi alimentari soddisfino non solo i bisogni nutrizionali della loro popolazione, ma anche obiettivi relativi al cambiamento climatico, alla biodiversità e a mezzi di sussistenza dignitosi per tutti. Anche le organizzazioni delle imprese e della società civile hanno fatto importanti promesse.

READ  Il cancelliere Rafa Clement in visita a Cersaie

6. Così e così e così e così è finita

Nell'ambito del movimento Fridays for Future, un gruppo di giovani ha protestato chiedendo ai governi di impegnarsi nella lotta al cambiamento climatico.
Icahn / Lucero Oyarzon – Nell’ambito del movimento Fridays for Future, un gruppo di giovani ha protestato chiedendo ai governi di impegnarsi nella lotta al cambiamento climatico.

Quasi 400 attivisti di età compresa tra 15 e 29 anni, provenienti da 186 paesi, si sono incontrati pochi giorni fa a Milano (Italia) per raddoppiare l’appello all’azione per il clima. A poche settimane dalla conferenza, hanno evidenziato la leadership giovanile e hanno chiesto una società più consapevole.

Greta Thunberg, insieme all’ecologa ugandese Vanessa Naket, è stata uno dei relatori dell’evento Youth4Climate, Organizzato da Italia e Banca Mondiale.

“Costruire meglio. Esercito di liberazione beluci. economia verde. Esercito di liberazione beluci. Zero emissioni entro il 2050. Bla bla bla. Questo è tutto ciò che sentiamo dai nostri cosiddetti leader. Parole che suonano alla grande ma che non hanno ancora portato all’azione. Le nostre speranze e ambizioni sono annegate nelle loro vuote promesse”.

“Basta lezioni vuote, è ora di mostrarci i soldi”, Naket, 24 anni, ha aggiunto, rilevando i 100 miliardi di dollari in aiuti climatici annuali promessi dalle economie più ricche per aiutare i paesi in via di sviluppo vulnerabili agli effetti del cambiamento climatico.

“Cosa vogliamo? “Vogliamo giustizia climatica ora”, ha affermato Thunberg, noto per aver ispirato una serie di scioperi giovanili in tutto il mondo dal 2018 volti a sensibilizzare sull’urgenza del problema.

La tre giorni si è conclusa con un documento congiunto Che sarà presentato in vari incontri prima e durante la conferenza.

Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha ringraziato i giovani per aver contribuito con idee e soluzioni in vista della Conferenza delle Nazioni Unite sul clima.

I giovani erano in prima linea Per proporre soluzioni positive, sostenere la giustizia climatica e responsabilizzare i leader. Abbiamo bisogno che i giovani di tutto il mondo continuino ad alzare la voce”, ha affermato in un videomessaggio.