Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un’economia globalizzata, di Robert Tornabel

È iniziato con l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin. I mercati dell’energia non sono più globali, ma il presidente Biden ha promesso all’Unione europea ampie forniture di gas naturale che l’Europa gaserà. Le consegne sono attualmente insufficienti e costose. L’India importa più di 400.000 barili di petrolio al giorno dalla Russia. Ha beneficiato dei prezzi scontati di Putin e la Cina ha già due gasdotti dalla Siberia, finanziati prima della guerra. Ora acquista anche a basso prezzo.

Putin ha bisogno di amici, e per questo li estende dalla Turchia all’India e rompe il movimento globale delle merci attraverso lo Stretto di Taiwan, approfittando della visita di Nasi Pelosi, Presidente della Camera dei Rappresentanti Usa. Questo stretto è la via principale tra Cina e Giappone. Ha anche interrotto parte del commercio con l’Europa e fornisce i chip di TSMC all’88% del mondo e non fornisce più fabbriche di automobili o forniture di smartphone. La compagnia di navigazione giapponese NYK Line ha sospeso le operazioni mentre conduceva esercitazioni a fuoco vivo e la Corea del Sud e Hong Kong hanno chiuso i loro voli per l’aeroporto di Taipei a Taiwan.

La deglobalizzazione ha molti inconvenienti e provoca più inquinamento

Stringer/EFE

Il porto di Tanger Med riceve le flotte della più grande compagnia di navigazione europea, Maersk, e i carichi di oltre 40.000 container sono suddivisi in navi più leggere per attraversare il Mare del Nord. La Germania non ha abbastanza impianti per rimuovere il GNL dal gas. Il Giappone, dopo la tragedia nucleare di Fukushima, ha importato gas naturale dal porto russo di Vladivostok. Ora hanno chiuso lo Stretto di Taiwan, come altri importatori. Il Paese si sta riarmando, perché le sue rotte commerciali sono chiuse. secondo Financial TimesLa chiusura dello Stretto di Taiwan significherebbe un collasso dell’economia dell’isola, poiché il 40% delle sue esportazioni dipende dalla Cina e da Hong Kong. Gli uomini d’affari spagnoli che hanno aperto fabbriche in Cina hanno dovuto trasferirle in Vietnam quando Trump ha imposto dazi sui prodotti fabbricati in Cina. Altri ripristinano la loro produzione e tornano ai loro luoghi originari (Gruppo Mondragón).

READ  Guerra Ucraina-Russia, oggi live last minute | L'Ucraina chiede alla Nato "armi e armi"

La deglobalizzazione ha molti inconvenienti e provoca più inquinamento. La Germania è tornata alle centrali a carbone e ne ha posticipato la chiusura. In Spagna, il carbone viene nuovamente bruciato nello stabilimento di As Pontes. La Francia crea la terza generazione di centrali nucleari con l’installazione più veloce e molti si chiedono perché la Spagna non abbia allungato la vita delle centrali nucleari, come la Germania. In Italia, SNAM, il cui 33% delle azioni è in mano statale, ha installato nel mese di giugno un impianto di rigassificazione gas-gas galleggiante, in grado di soddisfare il fabbisogno di gas naturale del Paese. In conclusione, la Spagna pubblica il decreto sul risparmio energetico. Sono misure necessarie, ma sono preoccupanti e saranno costose.