Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

scarpe antinfortunistiche più leggere

Piedi, cosa voglio da te? Bene da portare via DiadoraItaliano specializzato in scarpe tecniche sedallo sport ancheper lavoro. Nella loro linea utility, vendono la scarpa antinfortunistica più leggera sul mercato: la 300g. Sono il risultato della ricerca nel suo laboratorio e della collaborazione con luiVibram.

Una domanda banale, qual è il motto dei Giochi Olimpici? Cezio, Alzio, Forzio. Quesito raggiunto, anche se se redatto oggi includerebbe un quarto desiderio da record: accendino. Tutte le aziende si stanno allenando duramente per vincere la Medaglia Leggerezza e non solo nell’area ovvia, le scarpe da corsa, ma anche sul posto di lavoro.

Analizza quest’ultimo mercato Enrico Moretti Poligato, Presidente Diadora. “Il paradigma è cambiato. In precedenza il comfort consisteva nel sentirsi protetti, con una scarpa grande e pesante…; oggi si tratta di indossare scarpe più leggere. È un cambiamento nelle esigenze del consumatore, chi decide, non noi”.

Sapete di cosa parla l’amministratore delegato alla guida del brand italiano, che ha nella linea utility uno dei capisaldi del proprio business: Abiti e scarpe da lavoro Con certificati di sicurezza. Insieme alle proposte stile di vita E l’attrezzatura puramente sportiva sono le tre gambe su cui si regge l’azienda. Anche se si può dire che un file abiti da lavoro Fa parte del suo DNA, con i suoi inizi che risalgono al 1948 come calzaturificio e attività di montagna.

Diadora ha un vantaggio rispetto ai suoi concorrenti in quest’ultimo segmento: competenzaDecenni di produzione di scarpe da ginnastica e un laboratorio di design spingono ogni paio al limite. “abbiamo Centro di sviluppo tecnologico sportivo Che studia, insieme a matematici ed esperti di meccanica, chimica e fisica, sviluppi che migliorano le prestazioni. Questi studi si applicano anche alla linea di servizio.

La massima espressione di questo supporto tecnico è il modello Vola, solo 300 grammi Per affrontare la giornata lavorativa senza rinunciare ad alcun elemento di sicurezza, tra cui puntale in fibra di carbonio, suola antiperforazione e suola in gomma, caratteristiche che ne confermano l’utilizzo nell’industria e nelle officine, ad esempio.

Per ottenere questo peso piuma sulla bilancia, l’azienda ha collaborato con il più grande singolo esperto: Vibram. “È un matrimonio di privilegi”, sostiene Moretti. “Nella qualità delle solette non ce ne sono altre come loro. Se vogliamo un prodotto con le massime prestazioni, deve essere con Vibram.” Configurare la tua Litebase Contribuisce alla schiaritura di circa il 30%riducendo del 50% la base in gomma, senza compromettere grip, trazione e resistenza all’usura.

Fly è la scarpa da lavoro più leggera al mondo. Tanto da poter correre con lui? Ricreazione di Enrico Moretti Poligato. “Non credo, è molto difficile. Ha uno strato di protezione e resistenza alla perforazione di cui non hai bisogno”, afferma. Anche se non sarà per lo spettacolo sportivo: il brand è noto per accompagnare i big, Da Bjorn Borg ad Ayrton Sina, tra cui Van Basten e Gelindo Bordin, “che ha vinto una maratona ai Sel Games nel 1988 ed è il direttore marketing della linea sportiva”. Questo è il tipo di credibilità di cui il presidente può essere orgoglioso.

Una delle sfide di Moretti nel 2009, infatti, è stata quella di rilanciare Diadora per riposizionarla come marchio di riferimento per lo sport italiano nel mondo. Come si ottiene ciò? “Miglioramento del prodottoCon nuove tecnologie e sviluppi.” Questo è quello che hanno fatto con il modello Atomo.

Il direttore potrebbe anche prendere in considerazione l’associazione con figure di spicco dello sport. “Il rapporto con l’atleta è diverso rispetto al passato. Prima bastava mettergli il prodotto sotto i piedi e guardarlo mentre lo utilizzava. Ora è Un’alleanza tra l’azienda e l’atleta per metterla alla prova in condizioni difficili e miglioralo. In questo modo viene messo sul mercato un design di altissima qualità, anche se l’atleta della domenica non raggiungerà prestazioni così elevate”.

My Basket Row Cut 2030, realizzato con un materiale proveniente da scarti di vinificazione e canna da zucchero. 220 euro.

Nel modello a guanto, anche l'alluminio della calotta anteriore viene riciclato.  150 euro.

Nel modello a guanto, anche l’alluminio della calotta anteriore viene riciclato. 150 euro.

Di cui beneficia anche scarpe sportive È un fenomeno di vendita in cui Diadora si giustifica. “Le vere sneakers sono prodotte solo da chi è in grado di produrre sneakers tecniche; “Se non lo è, è quasi una sneaker”, dice Moretti Poligato.

Diadora non trascura mai la strategia sostenibile, poiché ha ristampato alcuni dei suoi modelli più emblematici con materiali eco-compatibili. Quindi sono state rilasciate icone come Glove (all’interno della linea Utility) o Mi Basket Pelle vegana e poliestere riciclato.

Oltre ai materiali, la sua filosofia green tocca aspetti come la riapertura della linea produttiva a Caerano di San Marco (Treviso), chiusa da 15 anni e dove oggi viene prodotto il 7% dei prodotti Diadora. “È un investimento nell’identità del marchio e nella regione, perché per noi la sostenibilità è anche questo”. Comunque un progetto a lungo termine. Disegna un sorriso con lo sport, La sostenibilità non è 200 metri, è una maratona“.

Scarpe da corsa Diadora Atomo

Atomo di Diadora.

Atomo di Diadora.

Equipe Atomo (175€) è La prima sneaker “Made in Italy” in 30 anni, conferma Enrico Moretti Poligato. Codice completo per riposizionare la Diadora in cui funziona. “Funziona molto bene in Italia e negli Stati Uniti, il nostro secondo mercato più grande al mondo, dove viene venduto nei negozi specializzati”.

Ciò che viene detto è una vanga messa nelle Fiandre, perché gli Stati Uniti sono il mercato più competitivo per questo gruppo di prodotti. Atomo ha una nuova mescola nell’intersuola chiamata DD ANIMA che assicura a reazione del battistrada Senza rinunciare alla leggerezza: pesa 250 grammi.

READ  La fotocamera mentre fai jogging o come registrare Kilian Journet in montagna